Vivaldi 2.3 festeggia il quarto compleanno con le schede raggruppate in automatico

Vivaldi 2.3 festeggia il quarto compleanno con le schede raggruppate in automatico

Vivaldi, browser nato dal fondatore di Opera, spegne quattro candeline e lo fa proponendo nuove funzionalità, come il raggruppamento automatico delle schede all'apertura

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Web
Vivaldi
 

Continua lo sviluppo di Vivaldi, browser nato dal fondatore di Opera che punta a offrire ampia configurabilità sulla base solida del motore Chromium. Con Vivaldi 2.3 arrivano molte novità relative alla navigazione e alla gestione delle schede, la più evidente delle quali è la possibilità di "impilare" in automatico le schede all'apertura.

Vivaldi offre infatti da tempo la possibilità di raggruppare le schede, così che nello spazio di una scheda sola nella barra siano in realtà presenti più schede selezionabili da un popup apposito. Finora, però, non era possibile far sì che le schede creassero in automatico nuovi gruppi. Con Vivaldi 2.3 viene però introdotta la possibilità, quando si apre una nuova scheda, di aprirla automaticamente in un gruppo collegato con la scheda attuale. In questo modo è possibile mantenere i siti correlati raggruppati anche visivamente. Tale comportamento è opzionale e può essere abilitato nelle impostazioni.

Con la nuova versione viene inoltre introdotta una maggiore granularità nell'impostazione dei contenuti da mostrare nella barra degli indirizzi. È ora infatti possibile definire se e come il browser debba pescare da preferiti, cronologia di navigazione, cronologia di digitazione e pagine visitate di frequente nel mostrare i risultati mentre si digita nella barra.

Lo strumento integrato di gestione degli screenshot, Cattura, permette ora di organizzare gli schreenshot creando un template del nome del file in cui viene salvato lo screenshot.

Un elenco completo dei cambiamenti può essere letto sul blog ufficiale di Vivaldi, assieme alle istruzioni per scaricarlo.

Vivaldi 2.3 viene pubblicato in corrispondenza con il quarto anniversario dalla nascita. Nonostante la validità, il browser resta confinato a una nicchia di utenti nonostante la base Chromium: un problema dunque differente rispetto a Edge di Microsoft, rimasto anch'esso costretto in una piccola porzione del mercato dei browser, ma sempre collegato con la minore esposizione verso gli utenti rispetto a Google e alle raccomandazioni di installare Chrome in alcuni dei siti più visitati della Rete.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sandro kensan11 Febbraio 2019, 19:50 #1
Un'altro clone di Chrome?

L'unica alternativa seria mi pare Firefox.
Folgore 10111 Febbraio 2019, 20:24 #2
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Un'altro clone di Chrome?

L'unica alternativa seria mi pare Firefox.


Definirlo clone è un po' riduttivo, forse sarebbe meglio provarlo, visto che fa "mille" cose in più.
Se sei disposto a dedicargli pochi minuti del tuo tempo puoi dare una prima letta qui: https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2712630 e scoprire tutte le funzioni che ha. Magari potrebbe piacerti di più che Firefox.
piwi11 Febbraio 2019, 20:53 #3
Lo utilizzo dalla versione 1.0; altamente personalizzabile, stabile, all'apparenza pronto a rispondere agli input, è quel poco che chiedo ad un browser. Gli rimprovero un discreto consumo di RAM, tanto è che su un tablet "minimale" con Windows 8.1 ed un GByte di RAM, l'ho sostituito con Firefox. E' comunque un buon progetto, e sono felice che venga portato avanti.
sintopatataelettronica11 Febbraio 2019, 22:18 #4
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Un'altro clone di Chrome?


E' chiaro che non sai minimamente di cosa stai parlando.
Pur essendo basato sull'engine open source Chromium ha miliardi di funzionalità in più di Chrome (e anche di Firefox, btw ), tra cui una gestione delle schede che anche con le migliori estensioni che puoi trovare sia Firefox che Chrome se la sognano. E in Vivaldi è integrata e nativa.

Come lo sono, integrate e native, tantissime altre funzioni, tanto che Vivaldi può essere usato tranquillamente e in modo proficuo senza dover scaricare un'estensione che sia una, tranne l'ad-block.


Vivaldi è semplicemente il miglior browser del momento.

Provalo. Merita.
sintopatataelettronica11 Febbraio 2019, 22:32 #5
Originariamente inviato da: piwi
Gli rimprovero un discreto consumo di RAM,


E' vero che consuma mediamente più ram di Firefox, ma d'altro canto la gestisce molto meglio.

Io sul fisso scrauso per navigare sia con Chrome che con Firefox avevo problemi; infatti aprendo valanghe di schede contemporaneamente e tenendo aperto il browser per tantissime ore al giorno (anche 10-12), la memoria tende ad "ingolfarsi".. e il browser diventa sempre meno reattivo, fino talvolta - sia con Chrome che con Firefox - a bloccarsi (e richiedendo così la chiusura forzata dello stesso).. rallentando nel frattempo pesantemente anche il resto del sistema (visto che finita la memoria fisica si inizia con un costante swap)

Vivaldi mediamente occupa più memoria MA quando chiudo o "iberno" un gruppo di schede (funzione esclusiva di Vivaldi) quella memoria viene subito liberata, mentre ho verificato che né con Firefox né con Chrome ciò avveniva mai (intendo per le schede chiuse, ovviamente, visto che con essi non puoi né raggrupparle né ibernarle).

Per cui anche dopo decine di ore aperto e con all'attivo decine e decine di schede contemporaneamente (di cui alcune raggruppate e ibernate) il browser resta piuttosto reattivo, mentre sia Chrome ché Firefox arrancavano di brutto sempre più - anche se chiudevo TUTTE le schede; risolveva solo chiudere del tutto il browser e poi riavviarlo - fino talvolta a bloccarsi irreversibilmente.
piwi12 Febbraio 2019, 01:45 #6
Effettivamente, questa cosa non l'ho mai considerata; non posso fare confronti, perchè, sui miei PC "principali", Firefox non c'è mai stato, salvo agli albori, e per poco tempo. Sono passato a Vivaldi da Opera 12.XX; è diventato esoso di RAM, ma, come già scritto, sempre rapido nella risposta, ed assolutamente stabile, anche dopo molte ore di utilizzo.
Folgore 10112 Febbraio 2019, 09:38 #7
Io uso ancora Opera 12.18 per la posta.
Appena implementeranno anche M3 in Vivaldi dirò definitivamente addio a quel gioiellino che era Opera fino alla versioni 12.18.
Firefox non mi è mai piaciuto ma devo dire che dal passaggio a Quantum lo trovo molto migliorato, lo uso in ufficio perché è il browser scelto come ufficiale, l'unica cosa è che anche lui come Chrome vive di estensioni, anche se lo ritengo superiore a Chrome, e con il passaggio a Quantum molti utenti sono stati poco felici per la mancata compatibilità e nuove limitazioni.

Credo che il "difetto" più grosso di Vivaldi siano i pochi sviluppatori e quindi bisogna avere pazienza per le implementazioni e la sistemazione dei bug, ma anche così si difendono bene visto cosa sono riusciti a fare in 4 anni.

Comunque ieri è uscita la prima Snapshot del ramo 2.4.
panaboy12 Febbraio 2019, 10:39 #8
ottimo browser, ovviamente la massa usa chrome.Il pecorismo non finisce mai.
Sandro kensan12 Febbraio 2019, 15:52 #9
Originariamente inviato da: sintopatataelettronica
E' chiaro che non sai minimamente di cosa stai parlando.
Pur essendo basato sull'engine open source Chromium ha miliardi di funzionalità in più di Chrome (e anche di Firefox, btw ),


Riporto le prime tre righe di wikipedia:

Chromium è un web browser libero da cui deriva Google Chrome[2]. I browser condividono la maggior parte del codice e funzionalità, anche se ci sono alcune piccole differenze nelle caratteristiche specialmente sui termini di licenza.
Pino9012 Febbraio 2019, 16:12 #10
Hanno introdotto le estensioni anche in versione mobile?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^