IBM mostra l'hard-disk atomico: 1 bit stipato in un singolo atomo

IBM mostra l'hard-disk atomico: 1 bit stipato in un singolo atomo

IBM Research ha dimostrato che è possibile inserire un bit di dati all'interno di un singolo atomo. Un esperimento affascinante ma che potrà essere commercializzato solo in un futuro non troppo vicino

di pubblicata il , alle 14:21 nel canale Storage
IBM
 

La corsa per l'avanzamento tecnologico non si ferma mai e IBM ha dimostrato che è possibile inserire dati anche in un singolo atomo. Ad oggi gli hard-disk tradizionali hanno bisogno di circa 100 mila atomi per immagazzinare un solo bit, ma lo scorso mercoledì il team IBM Research ha annunciato di quanto si possa ancora spingere in via teorica la tecnologia. Un esempio? Se oggi puoi inserire, più o meno, tutta la tua libreria personale in una micro-SD, con la nuova tecnica di IBM puoi salvare nello stesso spazio tutto il catalogo di iTunes da 26 milioni di brani.

Secondo IBM, lo storage "a livello atomico" può cambiare radicalmente il modo in cui sono realizzati i dispositivi informatici. Orologi o anelli potranno contenere tutti i dati personali di chi li indossa, mentre le aziende potranno mantenere in sede un numero ben superiore di informazioni senza affidarsi a terzi. Ma ragioniamo in ottica futura: gli algoritmi di intelligenza artificiale hanno bisogno di attingere ad un database di informazioni che aumenta costantemente in dimensioni nel corso del tempo. Lo storage atomico potrebbe essere indispensabile per lo sviluppo.

Il progetto si avvicina alla visione di Richard Feynman, pioniere del computer quantistico, che nel 1983 sosteneva che fosse possibile "realizzare dispositivi informatici in cui i numeri sono rappresentati da un gruppo di atomi, ed ogni atomo può esistere in ciascuno dei due stati". Le prospettive di sviluppo sono enormi, ma come spesso avviene con annunci simili bisogna sedare sin da subito gli animi. Il team di ricerca di IBM sta vagliando le possibilità dello storage atomico, ma da qui alla commercializzazione del primo prodotto potrebbero passare decenni.

"Questo lavoro non fa parte dello sviluppo di un prodotto", ha dichiarato Chris Lutz, ricercatore presso IBM Research. "È una ricerca di base che ha il compito di sviluppare strumenti e capire cosa avviene con la miniaturizzazione di dispositivi fino ad arrivare al limite ultimo dell'atomo individuale. Stiamo partendo dai singoli atomi e da qui capiremo come inventare nuove tecnologie di informazione". In altre parole, IBM deve rendere il concept producibile in maniera economica, e soprattutto offrire prestazioni coerenti con l'avanzamento delle tecnologie standard.

La stabilità è un'altra componente essenziale in un prodotto che si cura dell'archiviazione dei contenuti: durante l'esperimento il dispositivo ha resistito per tutta la durata (un'ora), ma per essere commercializzabile un hard-disk deve essere pienamente affidabile almeno per parecchi anni. Il concept è stato sviluppato nel laboratorio di ricerca di Almaden, in California, e i risultati pubblicati su Nature. Il dispositivo utilizza un singolo atomo di olmio accuratamente posizionato su una superficie speciale di ossido di magnesio e un microscopio specifico manda dei segnali elettrici per provocare il cambio di stato, che corrisponde al passaggio dall'1 allo 0 e viceversa.

Si tratta di un piccolo passo per quanto riguarda lo storage atomico, ma comunque una dimostrazione molto importante che può trovare destinazioni d'uso decisamente interessanti (come il salvataggio di informazioni direttamente nel DNA). Un piccolo passo mosso dalla forte volontà di IBM di innovare in settori informatici che possiamo considerare alternativi, e che probabilmente apriranno le porte al computer di domani. Ma per adesso non possiamo che accontentarci delle nostre semplici e comuni unità a stato solido.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7709 Marzo 2017, 14:29 #1
IBM è un'azienda a dir poco spettacolare.
paolodekki09 Marzo 2017, 14:57 #2
Originariamente inviato da: demon77
IBM è un'azienda a dir poco spettacolare.


Vero... caspita!
In questo decennio la tecnologia e le scoperte scientifiche hanno superato la fantascienza della metà del secolo scorso...
chichino8409 Marzo 2017, 15:21 #3
Non per niente li hanno inventati loro gli hard disk, oltre ad essere la più grande azienda di R&D al mondo!
xxxyyy09 Marzo 2017, 15:31 #4
Il computer a qubit, questo sconosciuto...
LordPBA09 Marzo 2017, 16:05 #5
questo mi piace

.... Richard Feynman... il mio mito!!
Cappej09 Marzo 2017, 16:34 #6
boia... altro che ssd...
sicuramente un idea che fa promettere bene per il futuro
gianluca.f09 Marzo 2017, 18:35 #7
neanche questo purtroppo cambierà il prezzo dei dischi meccanici fermo da 3 anni.
Bestio09 Marzo 2017, 18:49 #8
Originariamente inviato da: gianluca.f
neanche questo purtroppo cambierà il prezzo dei dischi meccanici fermo da 3 anni.


E degli SSD che invece ultimamente stanno aumentando parecchio.

In questo articolo comunque non si capisce bene se si parla di dischi meccanici, SSD, o qualcos'altro di completamente nuovo...
Rubberick09 Marzo 2017, 23:25 #9
sarà ma credo che uno storage del genere servirà principalmente ai datacenter
jined10 Marzo 2017, 04:43 #10
Esperimento di pura "research" tanto per dimostrare che si puo' fare e alimentare un po' di fuffa, ma che avra' riscontro pratico pari a zero, visto che per essere applicabile, dovrebbe piegare le leggi della fisica e realizzare qualcosa di impossibile, ovvero impedire il decadimento e successiva mutazione delle particelle atomiche nel tempo.

Morale, un harddisk che conserva una quantita' immane di dati... per mezza giornata

Utile come progettare un sigaro per gatti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^