Dischi da 2,5", nel 2011 la maggioranza del mercato

Dischi da 2,5, nel 2011 la maggioranza del mercato

Secondo alcune previsioni entro due anni sarà sarà il formato portatile a rappresentare la maggioranza nel mercato dei dischi

di pubblicata il , alle 16:24 nel canale Storage
 

Grazie ad una analisi riportata dal sito nipponico nikkei, emergono importanti dati circa l'attuale situazione del mercato dei dischi. Al momento, secondo le previsioni, la distribuzione farà registrare un incremento annuo del 16,9%, con 573,92 milioni di unità prodotte nel corso del 2008.

Secondo la ricerca effettuata dal gruppo Yano, merito di questa crescita è da attribuire al segmento dei 2,5", che nel solo 2008 ha fatto registrare un aumento della produzione del 40,1%. Un simile tasso di crescita è da legare, ovviamente, anche alla continua ascesa dei notebook che, giorno dopo giorno, erodono importanti punti di market share ai desktop.

Tabella previsioni

Le previsioni vedono il mercato in crescita fino al 2011, anno in cui si registrerà una lieve pausa: secondo il report proprio in questo anno le unità da 2,5" prodotti rappresenteranno il 49% del market share mentre le soluzioni da 3,5" solo un 47%.
La ricerca passa sotto la lente di ingrandimento anche il segmenyo degli UMPC, attualmente campo di battaglia tra SSD e dischi da 1,8"; secondo quanto afferma la società impiegata dell'analisi, le soluzioni "tradizionali" rimarrano nei sistemi quali player e recorder, in cui la capacità di archiviazione è fondamentale, mentre gli SSD saranno destinati ad altri scenari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
The_Coder20 Novembre 2008, 16:49 #1
probabilmente è dovuto al fatto che si vendono sempre più notebook e umpc
Bluknigth20 Novembre 2008, 16:58 #2
Beh, anche nel mercato server ormai tutti i dischi sono da 2,5".

E bisogna considerare i dischi usb. In tanti comprano dischi da 2,5" dato che non necessitano di alimentazione.

Credo sia tutto l'insieme che va nella direzione dei dischi più piccoli.
5h@d0w0420 Novembre 2008, 16:59 #3
si infatti , oltre che sn decisamente piu comodi dei dischi formato mattone standard da portare in giro ,
za8720 Novembre 2008, 17:41 #4
si vederanno sempre più notebook e questo porterà sicuramente il formato 2,5 in rimonta sul 3,5.
per le soluzioni di storage esterno ormai i 2,5 stanno aumentando sempre di più la capacità quindi mi sembra ovvio che in futuro i dischi più piccoli aumenteranno...
Hal200120 Novembre 2008, 17:53 #5
Non è solo il mercato dei netboot/notebook a spingere l'utilizzo di dischi più piccoli.
Fate un salto indietro con la memoria e pensate alla miniaturizzazione che c'è stata, dai 24 pollici del primo IBM fino al primo disco per personal computer che era di 5,25 pollici.
Costi più bassi, minor assorbimento di corrente, minore emissione di calore. Questi solo i dati che spiccato ad occhio.
marchigiano20 Novembre 2008, 20:44 #6
Originariamente inviato da: Bluknigth
Beh, anche nel mercato server ormai tutti i dischi sono da 2,5".

E bisogna considerare i dischi usb. In tanti comprano dischi da 2,5" dato che non necessitano di alimentazione.

Credo sia tutto l'insieme che va nella direzione dei dischi più piccoli.


si di sicuro, primo perchè i dischi più piccoli permettono maggiore densità e maggiore velocità, poi con l'avvento degli ssd le unità da 3.5" saranno esageratamente grosse, meglio il 2.5"...

forse per questo l'usb3 non avrà il 12v, tanto è destinato a sparire...



Originariamente inviato da: Hal2001
Non è solo il mercato dei netboot/notebook a spingere l'utilizzo di dischi più piccoli.
Fate un salto indietro con la memoria e pensate alla miniaturizzazione che c'è stata, dai 24 pollici del primo IBM fino al primo disco per personal computer che era di 5,25 pollici.
Costi più bassi, minor assorbimento di corrente, minore emissione di calore. Questi solo i dati che spiccato ad occhio.


24"? pensa con la densità odierna quanta roba ci si metterebbe dentro... ma il braccio delle testine era questo?

Link ad immagine (click per visualizzarla)
II ARROWS20 Novembre 2008, 20:54 #7
"dischi più piccoli permettono maggiore densità e maggiore velocità"
Ma quando?
Un disco da 3,5" a parità di densità ha inevitabilmente maggiore capacità...
Fare il ragionamento inverso non porta da nessuna parte(non è un vantaggio avere la maggiore densità.

Inoltre i dischi da 2,5" sono più lenti parlando di giri al minuto...
leddlazarus20 Novembre 2008, 21:00 #8
Originariamente inviato da: II ARROWS
"dischi più piccoli permettono maggiore densità e maggiore velocità"
Ma quando?
Un disco da 3,5" a parità di densità ha inevitabilmente maggiore capacità...
Fare il ragionamento inverso non porta da nessuna parte(non è un vantaggio avere la maggiore densità.

Inoltre i dischi da 2,5" sono più lenti parlando di giri al minuto...



non hai ancora visto i sas 2,5 da 15k rpm allora
Stargazer20 Novembre 2008, 21:45 #9
Originariamente inviato da: marchigiano
24"? pensa con la densità odierna quanta roba ci si metterebbe dentro... ma il braccio delle testine era questo?

http://www.euro-scale-pc.com/ROS/08...aimondi-87e.jpg

no era questo
http://www.cedmagic.com/history/ibm-305-ramac.html
ArteTetra20 Novembre 2008, 21:48 #10
Originariamente inviato da: Bluknigth
Beh, anche nel mercato server ormai tutti i dischi sono da 2,5".


Sicuro? Questa affermazione mi sorprende non poco.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^