Una nuova organizzazione per Asustek

Una nuova organizzazione per Asustek

Il colosso taiwanese da il via ad una nuova organizzazione interna dei propri dipartimenti, con l'obiettivo di separare le operazioni OBM dalle operazioni OEM/ODM

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:47 nel canale Schede Madri e chipset
 

Nella giornata di ieri Asustek Computer ha annunciato di aver ristrutturato l'organizzazione interna della compagnia, dimostrando così ai propri clienti la determinazione nel voler separare il business relativo ai prodotti own-brand da quello relativo al canale contract-manufacturing.

La riorganizzazione, effettiva dalla giornata di ieri, ridefinisce le operazioni della compagnia in tre diversi livelli: al vertice vi sono i quattro "headquarters" (Business, R&D, Manufacturing e Materials), a metà dell'organigramma troviamo tre "business group" relativi a Notebook, Wireless networking e AOOP e alla base della struttira vi sono poi i 15 diversi dipartimenti dedicati al design, sviluppo e realizzazione dei diversi prodotti.

Lo scopo principale di questo rimaneggiamento è quello di dare ai diversi dipartimenti una maggiore autonomia e flessibilità: ogni dipartimento sarà infatti comprensivo di un team dedicato alla ricerca e sviluppo, uno per la gestione e uno per il marketing.

Asustek sta inoltre lavorando, come anticipato, nella direzione che la porterà a separare l'attività OBM (Original Brand Manufacturer) dall'attività OEM/ODM (Original Equipment Manufacturer/Original Design Manufacturer), al fine di evitare che gli interessi dei propri clienti vengano in qualche modo compromessi dalle strategie relative alla commercializzazione dei prodotti a proprio marchio. Come si vede nel diagramma, ad esempio, il dipartimento relativo ai notebook OBM è stato separato rispetto a quello che si dedica ai notebook OEM.

La compagnia ha dichiarato che l'obiettivo sarà raggiunto appieno solamente quando le attività OBM e le attività OEM/ODM riusciranno ad essere confrontabili dal punto di vista della forza e dei risultati. Asustek è fiduciosa di poter completare effettivamente la separazione entro i prossimi docici mesi, ovvero in anticipo di un anno rispetto ai piani originari.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
walter sampei02 Marzo 2006, 18:28 #1
la riorganizzazione portera' vantaggi pratici agli utenti? se si, quali?
mjordan07 Marzo 2006, 21:08 #2
Originariamente inviato da: walter sampei
la riorganizzazione portera' vantaggi pratici agli utenti? se si, quali?


Da quello che ho capito dovrebbe rendere finalmente efficiente il servizio di supporto tecnico. Non so se avete mai provato a sostituire un qualcosa della Asus che sia difettoso... Tempi biblici... L'assistenza Asus secondo me è fra le peggiori.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^