Trojan per Mac OS X: un po' di chiarezza

Trojan per Mac OS X: un po' di chiarezza

Molte polemiche sono sorte in seguito all'annuncio di Intego circa la scoperta del worm per Mac Os X. La società francese risponde, facendo luce su alcuni punti lasciati poco chiari

di pubblicata il , alle 12:37 nel canale Sicurezza
Mac OS X
 

Un grosso polverone si è sollevato attorno alla notizia dei giorni scorsi circa la scoperta del primo Trojan, MP3Virus.Gen, per il sistema operativo Mac Os X. La domanda ricorrente è se ci si trovi davanti ad un reale pericolo oppure se è stato fatto eccessivo allarmismo per nulla o quasi. La notizia diffusa da Intego, come vedremo, ha comunque tutta l'aria di far parte di una ben congegnata strategia di marketing.

Apple-x.net, sito dedicato agli utenti della Mela, ha per primo preso le distanze dall'annuncio di Intego, accusando la compagnia di non essere stata particolarmente chiara e trasparente circa l'operato di MP3Virus.Gen. Secondo Apple-x.net, infatti, Intego non è stata particolarmente precisa circa la distinzione tra MP3 e applicazione camuffata da MP3: nel primo caso infatti, il virus non potrebbe essere eseguibile poichè si tratta, appunto, di un file MP3, nel secondo caso, invece, essendo un'applicazione non vi sarebbe posto per un tag ID3.

MP3Virus.Gen è invero una applicazione Carbon il cui data fork mascherato da tag ID3 contiene il codice "virale". Alla luce di quanto detto MP3Virus.Gen non è altro che un'applicazione che come tale rimbalzerebbe nel dock non appena lanciata, cosa che non farebbe un file MP3 in quanto aperto da iTunes. Per questo motivo MP3Virus.Gen, sebbene potenzialmente dannoso, resta semplicemente un programma mascherato "alla buona" da MP3. Controllando le proprietà del file, inoltre, si scoprirebbe facilmente che si tratta di un'applicazione e non di un file multimediale.

Si sono quindi accese le polemiche attorno alle modalità con cui Intego ha informato il mondo circa questo presunto "virus". Secondo molti esperti del settore, infatti, Intego non avrebbe scoperto nessun virus ma avrebbe solamente dato la notizia, in modo piuttosto fraintendibile, che una qualsiasi applicazione Carbon può essere camuffata da MP3, ingannando l'utente. I molti detrattori, inoltre, criticano come Intego non abbia comunque dato notizie circa il nome del file che conterrebbe il frammento di codice dannoso.

Non mancano le critiche da parte di chi ha avuto modo di testare l'aggiornamento di Virus Barrier rilasciato da Intego: pare infatti che l'antivirus segnali come infetti anche alcuni plugin di Photoshop probabilmente perché questi contengono frammenti di codice simili a quelli del virus.

Nella serata tra Venerdì e Sabato, Apple ha rilasciato un comunicato con il quale ha informato di aver preso atto delle comunicazioni di Intego e di essere al lavoro per valutare i rischi: "Benché nessun sistema operativo possa essere completamente sicuro Apple ha una eccellente storia pregressa in fatto di identificazione e rapida correzione di potenziali vulnerabilità".

In seguito alle numerose polemiche, Intego ha deciso di pubblicare un documento chiarificatore circa l'intera vicenda. Nel documento viene esposta, senza possibilità di interpretazione, la modalità in cui è possibile camuffare un'applicazione da file MP3.

Sebbene non direttamente coinvolta, anche Symantec è intervenuta nella vicenda, confermando quanto dichiarato nel documento di Intego e aggiungendo che il worm perde il proprio potenziale dannoso nel caso in cui venga eseguito direttamente da iTunes e non dal Finder.

Vi sarebbe, inoltre, un altro aspetto non esplicitamente dichiarato, ma verificato tramite alcuni test, che ridurrebbe quasi a zero i rischi del presunto virus: MP3Virus.Gen diventa innocuo se, prima di essere spedito per email o scaricato, non viene compresso in .sit o in zip.

Tirando le somme di tutta la vicenda è abbastanza palese il fatto che il pericolo, se così si può chiamare, esiste veramente sebbene in realtà sia davvero molto limitato: MP3Virus.Gen rappresenta solamente un esperimento nato tra i gruppi Usenet al fine di dimostrare una modalità, seppure piuttosto rozza, per poter infettare il sistema operativo OS X. Apple provvederà a rendere disponibile a breve una patch che permetterà di identificare con maggiore chiarezza un'applicazione da un file, e rendere così impossibile l'utilizzo di questa tecnica.

Rimangono comunque molte perplessità circa i modi con i quali Intego ha voluto portare alla luce la questione, ovvero con poca chiarezza e molto rumore. "Non è importante che si parli bene o si parli male di me, l'importante è che si parli di me"...

Fonte: Macitynet - Ars Technica

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
biffuz13 Aprile 2004, 12:51 #1
0 Commenti? Beh? dove sono finiti tutti gli anti-Apple?
Dumah Brazorf13 Aprile 2004, 12:59 #2
Praticamente è pericoloso come un file .exe con l'icona di Word che ci ritroviamo ogni tanto allegato nelle mail...
Quale immane pericolo...
bizzu13 Aprile 2004, 13:28 #3
Beh, rimarrà un immane pericolo finché la gente non la smetterà di aprire tutto quello che gli arriva...
tomcap13 Aprile 2004, 13:30 #4
Povera apple, secondo me l'ha messo in giro lei in modo tale da vendere + mp3.
Tommaso
KVL13 Aprile 2004, 13:47 #5

mmm

In effetti non si vede nessuno... che si siano tutti ammalati di MP3Virus.Gen ???
Non possiedo un Mac, ma mi sembra un'architettura ROCK-SOLID, fino a che qualche scellerato non deciderà seriamente di "bucare" la mela.
Un PC sicuro è un PC spento. (e staccato da telefono e rete)
jappilas13 Aprile 2004, 14:22 #6
Originariamente inviato da Dumah Brazorf
Praticamente è pericoloso come un file .exe con l'icona di Word che ci ritroviamo ogni tanto allegato nelle mail...
Quale immane pericolo...


quoto


ot: a pensarci bene, dire "quoto" è un po' una deformazione da forum...
Vik Viper13 Aprile 2004, 14:33 #7

bah!

un exe nella posta con l'iconetta di M$ Word è già una minaccia da non sottovalutare per l'80% degli utenti di computer. Magari per il 99,9% degli utenti di questo forum no, ma questa è un'altra storia.
Se un OS dovesse fare affidamento sulla "cultura" dei propri utenti in materia per garantire sicurezza, allora potremmo stare tutti freschi!!
Il metodo è rozzo, e cmq è evidente che è stato portato alla ribalta ad arte per farsi pubblicità, tuttavia la falla esiste ed Apple (come era lecito aspettarsi) provvederà in qualche modo a chiuderla.
Direi che nessun OS è esente da falle, certo è che ce n'è qcuno che invece ne è pieno...
con buona pace di quelli di Seattle
piottanacifra13 Aprile 2004, 15:31 #8
xKVL
Sfatiamo questo mito.
I programmi si piantano come in windows 2000 pro infatti non e' il S.O. che si pianta ma il programma.
Certe volte dei programma fanno piantare anche il sistema. ROCK SOLID un par di palle.
Per ora i virus sono pochi, ma tra un po' quando si stuferanno di farli per WIN/LINUX cominceranno anche con APPLE(le sfide sono il pane dei CRACKER/HACKER).
Usare un O.S. ottimo per poi avere un HARDWARE (CPU)approssimativo,se permettete mi tengo WINDOWS2000pro con il mio Athlon 64 3200+.
DE GUSTIBUS
SALUTT & BAZZ
matteos13 Aprile 2004, 15:41 #9
x piottanacifra
se leggi bene il coomento di kvl ti rendi cont che ha detto + o - quello che hai detto te al punto 2 per il resto come dici tu "de gustibus" ,io sceglierei un g5
DioBrando13 Aprile 2004, 19:43 #10
Originariamente inviato da tomcap
Povera apple, secondo me l'ha messo in giro lei in modo tale da vendere + mp3.
Tommaso


dopo il bailamme della notizia precedente in cui tutti si sn scagliati contro Apple un qlc commento simile anche dopo la precisazione di questa news doveva lo stesso arrivare..

certa gente non cambierà mai

P.S.: iTunes e gli iPod visto il volume di vendite n hanno bisogno della pubblicità negativa

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^