WhatsApp, Facebook e Instagram down: quali sono state le cause del blocco?

WhatsApp, Facebook e Instagram down: quali sono state le cause del blocco?

WhatsApp, Facebook, Instragram insomma tutti i social di Mark Zuckerberg ieri sono stati messi a dura prova con un blocco generalizzato che li ha messi KO per svariate ore. Quale stato il motivo? Ecco la risposta da parte del quartier generale.

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Web
FacebookWhatsAppInstagram
 

Nella giornata di ieri, dalle prime ore del pomeriggio, tutti i social di Mark Zuckerberg quali WhatsApp, Instagram e anche Facebook hanno visto un importante blocco delle loro funzionalità più importanti. Un blackout davvero importante che ha messo fuori uso praticamente i tre più importanti ma soprattutto utilizzati social del momento. Nessun utente poteva inviare immagini, visualizzarle su Facebook o girare Storie su Instagram. Il motivo? Ecco la risposta di Facebook ufficiale.

WhatsApp, Facebook e Instagram KO: cosa è successo?

Nella giornata di ieri, dalle prime ore del pomeriggio, gli utenti hanno iniziato a segnalare alcune problematiche importanti ai social maggiormente utilizzati e parliamo di Facebook, WhatsApp e Instagram. Nel caso specifico migliaia di segnalazioni sono arrivate per l'impossibilità da parte degli utenti di caricare o addirittura scaricare immagini sulle chat di WhatsApp.

Stessa cosa per Instagram dove gli utenti non avevano la possibilità di registrare, caricare e nemmeno condividere Storie sul portale. Non solo perché anche la visualizzazione delle Storie degli altri amici era impossibilità così come anche scorrere il Feed dei propri seguiti. Infine anche Facebook ha avuto seri problemi con le immagini: qui non si potevano osservare e i post che il social permetteva di pubblicare risultava solo ed esclusivamente fatti di parole.

Il motivo tecnico non è stato chiaramente svelato dagli sviluppatori di Palo Alto ma di fatto un messaggio da parte di Facebook è arrivato con le scuse per l'inconveniente dichiarando:

"Durante una delle nostre operazioni di manutenzione di routine, abbiamo appurato un problema che rende difficile per alcune persone caricare o inviare foto e video. Stiamo lavorando per riportare le cose alla normalità il più rapidamente possibile e ci scusiamo per qualsiasi inconveniente."

Dunque un problema intervenuto durante una normale manutenzione. Nessun attacco terroristico o di hacker malintenzionati - come era stato preannunciato subito - ma solo un problema accorso durante la risoluzione di altre problematiche o durante l'aggiornamento di alcune situazioni. Facebook, Instagram e WhatsApp sono oggi social incentrati in qualche modo sulle immagini e chiaramente l'aver messo in blocco proprio questa funzionalità ha evidenziato la situazione.

Come sempre accade in questi casi, Twitter, ne ha decisamente giovato e le persone che solitamente non utilizzano il social dei cinguettii si sono comunque spostate lì per qualche ora postando i loro pensieri a parole e non tanto con le immagini. Avviene spesso quando gli altri social sono down ed è successo anche poco tempo fa di ritrovare le piattaforme di Palo Alto completamente inutilizzabili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pi interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vaulenst04 Luglio 2019, 14:41 #1
"...hanno visto un importante blocco delle loro funzionalità più importanti. Un blackout davvero importante che ha messo fuori uso praticamente i tre più importanti ma soprattutto..."

Tutto cio' e' molto... importante!
gd350turbo04 Luglio 2019, 15:06 #2
Appunto...
Quando ieri vedevo, persone che vagavano disperate perché non riuscivano a postare/taggare una foto, ho potuto constatare con mano la "devoluzione" del genere umano.
Se una potenza aliena, volesse invaderci, basterà inibire i social e si troverà davanti una nazione di zombie...
Saturn04 Luglio 2019, 15:10 #3
Originariamente inviato da: gd350turbo
Appunto...
Quando ieri vedevo, persone che vagavano disperate perché non riuscivano a postare/taggare una foto, ho potuto constatare con mano la "devoluzione" del genere umano.
Se una potenza aliena, volesse invaderci, basterà inibire i social e si troverà davanti una nazione di zombie...


Giustamente. E ti assicuro che è la stessa gente che, lasciando perdere la questione 5G, starnazza a volontà per non avere di fronte a casa o nelle vicinanze, una qualsivoglia antenna per la connettività...

Non aggiungo altro, se non il fatto che mi dispiace ci abbiano messo così poco a rimettere in funzionare questi strumenti social demoniaci ! Sai che bello, una settimana intera di black out e il ritorno ai contatti umani "veri"...sempre che qualcuno ne sia ancora capace, si intende. Cinquecento amici facebook, manco un disgraziato/a per uscire a mangiare una pizza...
sertopica04 Luglio 2019, 15:10 #4
Originariamente inviato da: gd350turbo
Appunto...
Quando ieri vedevo, persone che vagavano disperate perché non riuscivano a postare/taggare una foto, ho potuto constatare con mano la "devoluzione" del genere umano.
Se una potenza aliena, volesse invaderci, basterà inibire i social e si troverà davanti una nazione di zombie...


Non dimenticare il calcio.
Originariamente inviato da: Vaulenst
"...hanno visto un importante blocco delle loro funzionalità più importanti. Un blackout davvero importante che ha messo fuori uso praticamente i tre più importanti ma soprattutto..."

Tutto cio' e' molto... importante!

Scrivere un articolo quasi privo di contenuti riempiendolo di vuoto cosmico. Ecco i 10 consigli degli esperti.
mattia.l04 Luglio 2019, 15:14 #5
già, titolo acchiappaclick ed il nulla scritto all'interno
frankie04 Luglio 2019, 15:22 #6
i nostri prodotti sono separati (Suchemberg).

Ieri ne abbiamo avuto la prova
jepessen04 Luglio 2019, 15:36 #7
Ho come l'impressione che succedano casini ogni volta che fanno un roll-up per integrare WhatsApp con facebook e Messenger. tutti sti casini prima dell'acqusizione non ci sono mai stati, o erano molto radi, e sono aumentati dopo che hanno annunciato l'integrazione dei servizi. Probabilmente dato che sono nati come robe separate non e' facile integrarli, occorre mettere su diversi processi che per qualche motivo ammazzano il sistema...
gd350turbo04 Luglio 2019, 15:44 #8
Originariamente inviato da: Saturn
Non aggiungo altro, se non il fatto che mi dispiace ci abbiano messo così poco a rimettere in funzionare questi strumenti social demoniaci ! Sai che bello, una settimana intera di black out e il ritorno ai contatti umani "veri"...sempre che qualcuno ne sia ancora capace, si intende. Cinquecento amici facebook, manco un disgraziato/a per uscire a mangiare una pizza...


Assolutamente vero e assolutamente d'accordo, ma una settimana senza social, conosco "persone" che preferirebbero vagare una settimana per il deserto senza acqua e senza cibo !
gioloi04 Luglio 2019, 16:13 #9
Originariamente inviato da: Vaulenst
Tutto cio' e' molto... importante!

Ci siamo fottuti anche questa parola.
E sì che l'italiano è già messo male.
Phoenix Fire04 Luglio 2019, 16:15 #10
Originariamente inviato da: jepessen
Ho come l'impressione che succedano casini ogni volta che fanno un roll-up per integrare WhatsApp con facebook e Messenger. tutti sti casini prima dell'acqusizione non ci sono mai stati, o erano molto radi, e sono aumentati dopo che hanno annunciato l'integrazione dei servizi. Probabilmente dato che sono nati come robe separate non e' facile integrarli, occorre mettere su diversi processi che per qualche motivo ammazzano il sistema...


ho pensato la stessa cosa, alla fine loro dichiarano di farli "parlare" ma di mantenerli separati, cosa che non è sicuramente banale, specialmente quando i sistemi non sono nati con questo scopo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^