Project Shield, uProxy e Digital Attack Map: il tris di Google per la libertà d'espressione

 Project Shield, uProxy e Digital Attack Map: il tris di Google per la libertà d'espressione

Google ha presentato ieri una serie di iniziative volte ad aiutare la lotta contro la repressione e le censure che possono avvenire anche nel mondo della rete

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Web
Google
 

Nel corso di un evento a New York City, Google ha presentato alcuni nuovi servizi ed iniziative con l'obiettivo di supportare il diritto d'espressione e di conoscenza, all'interno di una più grossa battaglia che Google affronta ormai da tempo in alcune aree geografiche del mondo in cui si vede battersi in prima persona per servizi come YouTube e Blogger.

Da sempre sensibile alle tematiche legate alla libertà d'espressione soprattutto tramite la rete, Google (il cui motto distintivo è "Don't Be Evil") si è spesso distinta per affrontare de visu governi e realtà repressive per difendere la libertà di parola e di pensiero online. L'azienda di Mountain View ha annunciato un'iniziativa che si prefigge di venire in soccorso dei proprietari di un sito web qualora esso cada vittima di un attacco di tipo DDoS, Distributed Denial of Service.

Questa tipologia di attacchi si basa su una rete distribuita (quindi delocalizzata) di sistemi, tradizionalmente botnet, che inviando numerose richieste di varia natura ad un sistema informatico ne esauriscono le risorse (potenza di calcolo, banda) a disposizione impedendo così l'erogazione del servizio a cui il sistema è adibito.

L'iniziativa annunciata da Google prende il nome di Project Shield e mira a proteggere quei piccoli siti web nel momento in cui dovesse cadere vittima di un attacco DDoS, impedendo la compromissione del servizio e assicurandone la continuità. Project Shield fa uso delle tecnologie di Google per la mitigazione degli attacchi DDoS in combinazione con Page Speed Service che consente alle piccole realtà di rendere accessibili i propri contenuti attraverso l'infrastruttura del colosso di Mountain View.

Il progetto fino ad ora è stato messo in atto per aiutare alcune piccole realtà che trattano di argomenti sensibili: Project Shield ha per esempio aiutato un blog Persiano, un sito web Siriano che si è occupato di fornire informazioni sugli attacchi missilistici ed un servizio di monitoraggio delle operazioni di elezione in Kenya. Attualmente il progetto è accessibile solo ad invito, con vari cicli di inviti che vengono distribuiti periodicamente.

Google ha inoltre svelato una nuova tecnologia chiamata uProxy, che permette ai cittadini di stati caratterizzati da governi repressivi di utilizzare un metodo per aggirare la censura e i software di sorveglianza durante le sessioni di navigazione sul web. Il software alla base di uProxy è stato sviluppato dall'Università di Washington e dalla società no-profit Brave New Software, ed è stato supportato solo economicamente dalla stessa Google. La promessa è quella di garantire la possibilità agli utenti di stati come la Cina di accedere ad internet così come è già possibile in qualsiasi paese libero del mondo.

Il software crea una connessione crittografata fra due utenti via peer-to-peer in modo simile a quanto avviene con una rete privata virtuale, un metodo già utilizzato dagli utenti cinesi più esperti per aggirare i controlli delle agenzie governative e per accedere ai social network più diffusi senza problemi, bloccati preventivamente nello stato asiatico e in molti altri paesi dittatoriali del mondo. uProxy sarà disponibile solamente per Chrome e Firefox, mentre non ne è stata ancora annunciata ufficialmente la compatibilità con Internet Explorer di Microsoft.

Il colosso di Mountain View ha infine presentato Digital Attack Map, un sito che monitora in tempo reale gli eventi DDoS che si verificano sulla rete. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Arbor Networks, realtà che opera nel campo delle tecnologie antagoniste agli attacchi DDoS e che annovera tra i propri clienti oltre 270 provider di servizi web, dai quali trae i dati per poter disegnare la mappa degli attacchi.

Sulla mappa mondiale vengono mostrati gli attacchi in ingresso e in uscita da un paese e l'eventuale attacco in corso tra due paesi quando noti origine e vittima. Ogni attacco è corredato da una serie di informazioni, tra cui la durata, la banda occupata e le porte su cui avviene l'attacco. E' comunque opportuno osservare che le informazioni potrebbero non essere accurate, dal momento che le rilevazioni si basano su dati che per loro natura non sono completi, senza considerare che l'origine di un attacco DDoS viene spesso fabbricata ad arte proprio per far perdere le tracce della "mano che ha premuto il bottone".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco22 Ottobre 2013, 17:45 #1
Bella iniziativa: chissà se uProxy funziona anche contro la NSA?
acerbo22 Ottobre 2013, 18:36 #2
"Da sempre sensibile alle tematiche legate alla libertà d'espressione soprattutto tramite la rete, Google (il cui motto distintivo è "Don't Be Evil" ) si è spesso distinta per affrontare de visu governi e realtà repressive per difendere la libertà di parola e di pensiero online"

Ma non siate ridicoli per cortesia, lo capirebbe pure un bambino che della libertà d'espressione ad una multinazionale non gliene frega una benemerita ceppa!!! Google é il principale venditore di spazi pubblicitari su internet, anzi ne é il monopolista e questo gli frutta miliardi e miliardi di dollari, per loro la Cina é semplicemente un altro immenso mercato con prospettive di crescita sconfinate e fanno bene ad escogitare queste cose per poterlo sfruttare, voi che scrivete e siete dotati di media intelligenza pero' non venite a buttarla sulla questione morale della libertà dell'uomo perché fate veramente ridere i polli. Google é una S.p.A. non una ONLUS
pabloski22 Ottobre 2013, 19:00 #3
Originariamente inviato da: acerbo
Ma non siate ridicoli per cortesia, lo capirebbe pure un bambino che della libertà d'espressione ad una multinazionale non gliene frega una benemerita ceppa!!! Google é il principale venditore di spazi pubblicitari su internet, anzi ne é il monopolista e questo gli frutta miliardi e miliardi di dollari, per loro la Cina é semplicemente un altro immenso mercato con prospettive di crescita sconfinate e fanno bene ad escogitare queste cose per poterlo sfruttare, voi che scrivete e siete dotati di media intelligenza pero' non venite a buttarla sulla questione morale della libertà dell'uomo perché fate veramente ridere i polli. Google é una S.p.A. non una ONLUS


In parte vero, però Google, qualche anno fa, uscì dal mercato cinese per non sottostare alle imposizioni del regime di quel Paese. Una mossa che gli è costata moltissimo, visto che ora è costretto a servire gli utenti cinesi da Hong Kong ( che, causa grande muraglia digitale, significa perdere moltissimi utenti ).

Inoltre Google è sempre stata la più trasparente tra le multinazionali americane, denunciando anche l'invasività del governo USA, proponendo soluzioni alternative al tema della sicurezza e pubblicando dati sulla trasparenza dei Paesi in fatto di controllo della rete.

Aldilà delle facili critiche, questi sono fatti, tutti ben documentati ( basta cercare su google ).
mentalray22 Ottobre 2013, 19:03 #4
Originariamente inviato da: pabloski
In parte vero, però Google, qualche anno fa, uscì dal mercato cinese per non sottostare alle imposizioni del regime di quel Paese. Una mossa che gli è costata moltissimo, visto che ora è costretto a servire gli utenti cinesi da Hong Kong ( che, causa grande muraglia digitale, significa perdere moltissimi utenti ).

Inoltre Google è sempre stata la più trasparente tra le multinazionali americane, denunciando anche l'invasività del governo USA, proponendo soluzioni alternative al tema della sicurezza e pubblicando dati sulla trasparenza dei Paesi in fatto di controllo della rete.

Aldilà delle facili critiche, questi sono fatti, tutti ben documentati ( basta cercare su google ).


dimenticandosi sempre di denunciare i redditi ...
pabloski22 Ottobre 2013, 19:14 #5
Originariamente inviato da: mentalray
dimenticandosi sempre di denunciare i redditi ...


Si tratta di elusione e lo fanno tutti, comprese le nostre "amate" aziende ex pubbliche.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^