SK hynix: memoria 4D NAND a 176 layer per smartphone e SSD del 2021

SK hynix: memoria 4D NAND a 176 layer per smartphone e SSD del 2021

La sudcoreana SK hynix ha messo a punto la nuova generazione di memoria 4D NAND caratterizzata da 176 layer. Già nelle mani dei progettisti di controller, la vedremo a bordo di smartphone e SSD nella seconda metà del prossimo anno.

di pubblicata il , alle 08:31 nel canale Storage
SK hynix
 

Non solo Micron, anche la sudcoreana SK hynix ha annunciato una memoria NAND flash con 176 layer. La proposta dell'azienda asiatica è una 4D NAND di tipo TLC con una densità di 512 Gbit, già nelle mani degli sviluppatori di controller da qualche settimana. Oltre a garantire più bit per wafer, la nuova memoria è il 20% più veloce nella lettura delle celle e il 33% nel trasferimento dati, arrivando a 1,6 Gbps.

La nuova memoria approderà innanzitutto in ambito mobile verso metà del prossimo anno (quindi la vedremo a bordo degli smartphone in uscita a fine anno), dove secondo SK hynix migliorerà le prestazioni in lettura del 70% e quelle in scrittura del 35%. Dopodiché l'azienda porterà la nuova NAND anche nel mercato degli SSD per il settore consumer e quello aziendale, con l'obiettivo di espandere l'offerta fino a raggiungere una densità di 1 terabit.

La memoria 4D NAND a 176 layer della società sudcoreana è il frutto di nuove tecnologie destinate a far fronte alle problematiche legate all'incremento degli strati. Il termine 4D è puramente commerciale, volto a evidenziare la differenziazione in termini di prestazioni e produttività che si ottengono combinando le tecnologie Charge Trap Flash (CTF) e Peri. Under Cell (PUC) rispetto alla NAND flash a 96 layer del 2018.

Charge Trap Flash (CTF) si differenzia dalla tecnologia floating gate, che stocca la carica elettrica all'interno di conduttori, immagazzinandola all'interno di isolanti, eliminando l'interferenza tra le celle, migliorando le prestazioni in lettura e scrittura e riducendo l'area occupata dalla cella di memoria. Peri. Under Cell (PUC) è invece una tecnologia che massimizza l'efficienza produttiva collocando i circuiti periferici sotto l'insieme delle celle.

Tra le diverse soluzioni adottate per incrementare il numero degli strati, SK hynix cita "cell interlayer height reduction, layer variable timing control e ultra-precise alignment". La prima serve a ridurre l'altezza dello strato frapposto tra le celle senza causare interferenza tra le stesse, mentre la seconda a regolare la quantità e il tempo della tensione applicata in base alle caratteristiche di ogni layer. Ultra-precise alignment serve ad assicurare che gli stack di memoria siano allineati correttamente in fase produttiva, pena un flusso di corrente inadeguato ed effetti deleteri sulle prestazioni e l'affidabilità.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
300007 Dicembre 2020, 09:22 #1
Già il solo fatto che le abbiano chiamate QUATTRO D fa si che meritino di restare sullo scaffale mentre vengono derise. Ma che razza di livello...
io78bis07 Dicembre 2020, 10:17 #2
Saranno stati loro a staccare la corrente agli stabilimenti Micron in modo da arrivare sul mercato con i 176 layer nello stesso periodo
mmorselli07 Dicembre 2020, 15:29 #3
Originariamente inviato da: 3000
Già il solo fatto che le abbiano chiamate QUATTRO D fa si che meritino di restare sullo scaffale mentre vengono derise. Ma che razza di livello...


Ma davvero... Per sicurezza ho controllato

https://en.wikipedia.org/wiki/Three...egrated_circuit

Il 3D stava proprio per 3 Dimensioni. Era intuitivo, ma hai visto mai, magari era solo una coincidenza.

Quindi queste operano nella quarta dimensione? Hanno visto Interstellar una volta di troppo?
biometallo07 Dicembre 2020, 15:43 #4
Ma dite che il 4D è peggio del 5G? E se quest'ultimo ci ha portato il covid19 questo cosa? il super AIDS 2021?

Scherzi a parte, e ben specificato nell'articolo che si tratta solo di una sigla commerciale che indica questa nuova famiglia di chip, del resto vi ricordo che viviamo in una realtà tridimensionale e che non esistono realmente ne materiali ne circuiti "2D" anche anche un disegno su carta ha in realtà uno spessore per quanto infinitesimale.
mmorselli07 Dicembre 2020, 16:11 #5
Originariamente inviato da: biometallo
viviamo in una realtà tridimensionale e che non esistono realmente ne materiali ne circuiti "2D" anche anche un disegno su carta ha in realtà uno spessore per quanto infinitesimale.


Contano i gradi di libertà, uno strato di grafene si definisce bidimensionale perché non può essere diviso in due strati, ma lo stesso concetto si applica in modo funzionale al singolo strato di un wafer di silicio.

Conta anche il grado di approssimazione scelto, un muratore che deve stenderti un pavimento calcolerà la metratura usando le formule dell'aerea delle superfici bidimensionali, considerando trascurabile la rugosità della mattonella.
biometallo08 Dicembre 2020, 09:48 #6
Anche ad un giorno di distanza, non sono sicuro di capire cosa volessi dire con i tuoi esempi, voglio dire, intendi che le piastrelle sono bidimensionali, quindi anche i pavimenti? Di conseguenza potendo sfruttare solo lunghezza per larghezza per disporre i mobili anch'essi sono bidimensionali? E vale anche per le case su un piano solo? Le ville sono case bidimensionali, mentre i condomini sono tridimensionali?

Ora che si usi il termine memorie 3D per indicare il fatto che mentre in passato si poteva sfruttare lo spazio solo in maniera planare mentre ora vengono fatti strati sovrapposti ma resta che non è una rapresentazione letterale, ma solo un termine convenzionale, proprio come i materiali bidimensionali, dato che gli atomi stessi non sono certo monodimensionali, ma sempre strutture tridimensionali, anzi detto blutalmente è solo marketing, cosi come lo è fare questa distinzuone, avrebbero anche potuto chiamarli 3D+ o 3,5D sarebbe stata la stessa cosa anche perché citando lo zio Willy:

"Che cosa c'è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome di rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo.

Forse che quella che chiamiamo rosa cesserebbe d'avere il suo profumo se la chiamassimo con altro nome?"
mmorselli08 Dicembre 2020, 17:16 #7
Originariamente inviato da: biometallo
Anche ad un giorno di distanza, non sono sicuro di capire cosa volessi dire con i tuoi esempi, voglio dire, intendi che le piastrelle sono bidimensionali, quindi anche i pavimenti?


Dal punto di vista del piastrellista che deve farti la fattura, sì, non può dividere le mattonelle in due strati e farti pagare una metratura doppia. Le dimensioni non esistono in natura, sono un concetto matematico che usiamo per sopravvivere in questo mondo relativo all'osservatore, quello che per te è un volume per me che viaggio alla velocità della luce è un piano. Siamo noi pertanto a stabilire cosa è bidimensionale o tridimensionale, a seconda di cosa ci convenga per fare tornare il calcolo, però non possiamo farlo a piacere, deve comunque avere un senso. Se questi riescono a darmi un senso a 4D, che non sia "suonava bene a quelli del marketing", ok.

Di conseguenza potendo sfruttare solo lunghezza per larghezza per disporre i mobili anch'essi sono bidimensionali?


E' improbabile che non ti interessi l'altezza di un mobile, ma per un contadino il terreno è bidimensionale nel momento che deve calcolare quanto mais ci si potrà coltivare, seppure il mais si sviluppi anche in altezza.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^