Intel: Thread Building Blocks è ora open-source

Intel: Thread Building Blocks è ora open-source

Il colosso di Santa Clara decide di rendere open-source il proprio tool destinato a semplificare la programmazione multithreaded

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:30 nel canale Processori
Intel
 

Nel corso della giornata odierna Intel ha annunciato di aver reso disponibile sotto licenza open-source la libreria dei template dello strumento Thread Building Blocks 2.0 (del quale abbiamo avuto modo di discutere in occasione dell'IDF di San Francisco dello scorso anno), ovvero l'applicativo che consente ai programmatori in C++ di semplificare enormemente le operazioni di programmazione parallela per lo sfruttamento delle potenzialità offerte dai moderni processori multi-core.

Si tratta di un segnale importante da parte del colosso californiano, dal momento che è la prima volta che Intel decide di proporre in veste open-source una soluzione fino a poco tempo prima commerciale. L'obiettivo di intel è ovviamente quello di proporre TBB come il strumento di sviluppo di riferimento per la scrittura di codice multithread, in concorrenza con le attuali soluzioni OpenMP, POSIX e Windows thread.

Intel assicura che il tool è caratterizzato da una completa indipendenza dal processore, dal sistema operativo e dal compilatore. Thread Building Blocks 2.0, eccezion fatta per i componenti runtime, sarà disponibile sotto licenza GPL v2. Il colosso di Santa Clara sta inoltre valutando la possibilità di utilizzare la licenza GPL v3, sebbene non vi siano ancora decisioni ufficiose e/o ufficiali in merito.

Per l'occasione è stato lanciato il sito http://www.threadingbuildingblocks.org/, all'interno del quale vengono fornite le versioni del tool per i più diffusi sistemi operativi e per le più importanti distribuzioni Linux.

Maggiori informazioni, inoltre, all'interno del comunicato ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Evanghelion00125 Luglio 2007, 17:32 #1
Inversione di tendenza o marketing che sia, questa è una notizia IMPORTANTE..

Rimango dubbioso sulla GPL V3...
marko.fatto25 Luglio 2007, 17:43 #2
ben venga
Pier de Notrix25 Luglio 2007, 17:57 #3
sento puzza di bruciato... guarda guarda le applicazioni scritte con questo strumento daranno problemoni con i proci AMD... mi ricorda qualcosa, ah sì, nVidia!
demon7725 Luglio 2007, 18:23 #4

Ottimo!

E' una cosa giustissima e ci guadagnamo tutti:

Intel ci guadagna perchè così è lei a dettare le regole della programmazione parallela secondo le esigenze dei suoi processori

Il software in generale ci guadagna perchè questo spingerà molto sull'ottimizzazione dei programmi!

L'utente ci guadagna perchè i programmi saranno migliori!
demon7725 Luglio 2007, 18:24 #5
ah beh certo.. AMD su questo èuò incorrere in qualche problema..

Speriamo di no!!
hibone25 Luglio 2007, 18:27 #6
come il strumento


Originariamente inviato da: demon77
E' una cosa giustissima e ci guadagnamo tutti:

Intel ci guadagna perchè così è lei a dettare le regole della programmazione parallela secondo le esigenze dei suoi processori

Il software in generale ci guadagna perchè questo spingerà molto sull'ottimizzazione dei programmi!

L'utente ci guadagna perchè i programmi saranno migliori!


chi ha i processori amd magari NON ci guadagna..
Yakkuz25 Luglio 2007, 18:45 #7
Speriamo di no dai...sebbene mi fidi sempre poco delle grandi multinazionali (pure delle piccole e del panettiere sotto casa in realtà spero non dia problemi con altro Hardware...

Voglio accogliere la notizia con l'ottimismo e quel poco di fiducia che merita.

Brava Intel! + 1 per te.
marko.fatto25 Luglio 2007, 18:46 #8
Originariamente inviato da: hibone
chi ha i processori amd magari NON ci guadagna..


magari farà lo stesso anke amd così avremo versioni software diverse anche in base al procio
Yakkuz25 Luglio 2007, 18:48 #9
Originariamente inviato da: marko.fatto
magari farà lo stesso anke amd così avremo versioni software diverse anche in base al procio


Noooo...basta..ho fame di interoperabilità

Anne ed Anni di "X86 Compatibile" andati nel cesso

Non mi fate spaventare..già vedo l'inferno...

i Benchmark ottimizzati per AMD e per INTEL (e Via si attacca)..sfioriamo il paradosso un bench ottimizzato.
nuclearstrenght25 Luglio 2007, 19:08 #10
ma questo è un compilatore od un IDE??????????????????????

confused


eppoi scusate ma essendo open sourced AMD potrebbe tranquillamente analizzare tale codice ed identificare le parti che favoreggiano Intel, io credo che se venisse fuori che questo strumento prduce codice ottimizzato intel verrebbe anche fuori nel giro di qualche ora la versione che genera codice parallelo e basta.

ricordate che è open source quindi se il lavoro di intel fosse stato troppo di parte (e come avrebbepotuto fare a non esserlo....) ci si può sempre mettere una pezza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^