Seagate, addio all'interfaccia EIDE?

Seagate, addio all'interfaccia EIDE?

Il più importante produttore di hard disk potrebbe abbandonare definitivamente l'interfaccia EIDE alla fine di quest'anno

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:11 nel canale Storage
Seagate
 

Dopo anni ed anni di integrazione nel controller e nelle schede madri, l'interfaccia EIDE sembra giunta davvero sulla via del tramonto. Sono numerose infatti le schede madri che recentemente integrano un solo slot EIDE, destinato più che altro alle unità ottiche. Seagate, stando a quanto riportato da Tech Report, avrebbe in programma di cessare la produzione di hard disk di fascia alta dotati di interfaccia EIDE, mantenendo in listino solo modelli SerialATA.

L'operazione dovrebbe partire con l'anno 2008, anche se per ora non sono giunte voci ufficiali a riguardo. Seagate ha probabilmente fatto i propri conti, ritenendo anti-economico continuare a produrre dischi di un certo livello con interfaccia EIDE, verosimilmente venduti con percentuali davvero minime.

Sempre secondo le indiscrezioni, Seagate in ogni caso potrebbe mantenere in listino la doppia scelta EIDE/SATA, ancora per qualche tempo,  sulle unità più economiche. E' verosimile pensare infatti che sui PC di qualche anno fa, ancora molto diffusi, molti utenti potrebbero installare un nuovo disco rigido, anche se dal prezzo molto contenuto. Sarebbe infatti anti-economico spendere centinaia di € per un disco da 1 TB da montare su un PC datato, quando con un piccolo sforzo in più sono disponibili sistemi PC completi di nuova generazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bongio225 Luglio 2007, 17:17 #1
Se uno ha un pc "datato" fa prima a comprarsi una scheda pci sata, non credo che 10/15e siano una spesa folle...
Kenny Rullo25 Luglio 2007, 17:25 #2
Bella mossa, gli EIDE sono oramai preistoria. Anche intel con il prossimo ICH10 dovrebbe rimuovere i controller "legacy" tra cui spero proprio l'anziano controller.
Quello che mi stupisce è che resistano floppy disk e masterizzatori eide. Sarebbe ora di darci un taglio concreto.
Luca6925 Luglio 2007, 17:32 #3
Mai provato a mettere un driver durante il setup di WindowsXP? Prova senza floppy, se ci riesci! Ora con Vista finalmente si puó mettere da memoria su porta USB: era ora!!
SpikeS25 Luglio 2007, 17:35 #4
Sarebbe ora invece che producessero HD con transfer-rate maggiori.
Cambiare interfaccia per avere circa le stesse prestazioni (il 95% degli HD gira sempre a 7200rpm eh) porta solo svantaggi al consumatore (ti obbliga a cambiare e si perde la retrocompatibilità.
Ricordo che l'UDMA6 arriva a coprire un transfer-rate di 133MB/s e mi sembra molto distante dai valori registrati dai comuni hd sata..
essential__6025 Luglio 2007, 17:38 #5
Mah, preistoria per quelli del marketing e per i malati dell'ultima novità pieni di euro da buttare.
Io ho sempre upgradato i miei 2 pc un anno uno il successivo l'altro, recuperando il più possibile quindi sostiuendo MB+CPU un 200 euro ogni 2 anni e il pc restava aggiornato.
Entrati nel fantastico mondo del PCI-E Sata DDR2, non faccio più upgrade perchè sarebbero troppo costosi e con aumento di prestazioni non in linea con la spesa.
Quindi mi tengo socketA e 939 con barton e A64 ddr e agp e pacchi di HD Eide,
tutto funziona più che bene (anche con Vista l'A64 con "ben" 512MB di ram)
con grande felicità del portafoglio.
Quindi non sempre forzare il mercato paga, se le soluzioni sono "veramente" superiori si impongono da se, se mi obbligano mi incavolo e mi tengo quello che ho.
marko.fatto25 Luglio 2007, 17:40 #6
ma... mi pare d aver già visto skede mamma con solo interfaccia sata
possibile?
faber8025 Luglio 2007, 17:40 #7
beh, il floppy è ormi inutile di suo, tranne che per vecchi sistemi e particolari situazioni di boot.....

tuttavia io nn son convinto che l'Ide sia al termine: la differenza in prestazioni dell'Ata 133, rispetto ai sistemi Sata 150 è insignificante; solo col nuovo Sata 300 le cose sono cambiate veramente.

calcoliamo inoltre che l'attuale parco macchine ha ancora per la maggiorparte MB col classico Ide a 2 canali Master/slave + tutte le altre che integrano 4-6 porte Sata 150 (ed una minima percentuale di MB con solo Sata + 1 Eide) e non è che tutti abbiano bisogno di cambiarsi il pc (i pc casalinghi durano finchè possono);

mi sembra un cambio anticipato e "commerciale", come quello AGP8X/PCIexpress, finora immotivato se nn per la fascia UltrUltraUltra overcloccata

riguardo i masterizzatori Ide, ora come ora per i Dvd vanno benissimo; forse con BluRay/HdDvd ci sarà bisogno d + banda e lì son daccordo col Sata
hardstyler25 Luglio 2007, 17:47 #8
ottimo....che facciano anche tutte le unità ottiche sata, basta non sia come l'lg h62n che me lo rileva il bios ma non posso avviare alcun cd/dvd di boot nè viene rilevata da windows xp...
flapane25 Luglio 2007, 17:48 #9
mah... tranne gli high end user che girano su questo tipo di forum, il 90% delle persone che conosco non sa neanche cosa significhi SATA, questo dovrebbe dirla lunga sulla decisione strana di seagate
JohnPetrucci25 Luglio 2007, 17:49 #10
Io sono favorevole alla decisione presa da Seagate, in fondo non è tanto una questione di prestazioni (che non sono molto diverse dagli EIDE), ma di ordine e praticità all'interno dei propri case.
Per chi come me il pc è abituato ad assemblarselo, i cavi sata sono una manna dal cielo, che permette di evitare ingombri inutili e deviazioni dei flussi d'aria all'interno del case, che nel mio caso è un piccolo X-Qpack dove già di per se lo spazio è poco, se avessi hd EIDE con quelle piattine sarebbe un casino.
Inoltre non vedo l'ora che i produttori di lettori/masterizzatori si adeguino a tappeto ad eliminare l'interfaccia EIDE, ovviamente le porte SATA nelle mobo dovrebbero essere almeno 6 per collegarci tutto con tranquillità.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^