10 immagini per festeggiare i 10 anni di Android: breve storia del SO mobile più diffuso

10 immagini per festeggiare i 10 anni di Android: breve storia del SO mobile più diffuso

Google ha pubblicato una pagina in cui ripercorre le tappe più importanti della storia di Android con sole 10 immagini. Il tutto per festeggiare il decimo anno dalla nascita

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Web
GoogleAndroid
 

Android veniva proposto alle masse 10 anni fa con il leggendario T-Mobile G1, uno smartphone storico noto da noi con il nome di HTC Dream. È stato sviluppato insieme a Google, implementava l'Android Market (poi rinominato in Google Play Store) e ha gettato le basi per creare la piattaforma mobile più diffusa al mondo. Dopo 10 anni dalla sua nascita Android ha più o meno l'80% del market share mobile in tutto il mondo, contando oltre 2 miliardi di utenti attivi.

HTC Dream G1

Naturalmente dalla nascita sono cambiate parecchie cose e Android si è evoluto per rimanere sempre al passo con i tempi. Nel corso del tempo Android ha utilizzato nomi tipici della cultura dolciaria, ma non con la prima versione, che si chiamava asetticamente Android 1.0. C'erano già multitasking e menu delle notifiche, si potevano condividere contenuti fra le app. Solo nel tempo, però, sono stati aggiunti elementi come ricerca vocale e navigazione turn-by-turn.

L'ultima versione di Android è la 9 Pie, che implementa in maniera più massiccia rispetto al passato feature di intelligenza artificiale, all'interno di un'interfaccia più semplice e intuitiva, pensata per le più moderne esigenze di design (notch e design full-screen). La compagnia ha pubblicato una serie di immagini sul blog ufficiale, ripercorrendo brevemente la storia del SO. Eccole qui di seguito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gyammy8524 Ottobre 2018, 17:51 #1
E Android One?
ImperatoreNeo24 Ottobre 2018, 19:55 #2
E l’iphone?
bancodeipugni24 Ottobre 2018, 21:12 #3
e lumia ?
pabloski25 Ottobre 2018, 11:24 #4
Originariamente inviato da: bancodeipugni
e lumia ?


Chi? La maga elfa di quel JRPG?
ilario325 Ottobre 2018, 14:57 #5
E i Nokia con Symbian?
Eress25 Ottobre 2018, 15:47 #6
Originariamente inviato da: ilario3
E i Nokia con Symbian?

pabloski25 Ottobre 2018, 17:05 #7
Originariamente inviato da: ilario3
E i Nokia con Symbian?


Ci ricordano che a volte bisognerebbe organizzare spedizioni punitive contro i CEO. Come si sia potuto ( oddio, era tutto premeditato ) buttare alle ortiche le competenze di Nokia è roba da uscire di testa.
Pellaton25 Ottobre 2018, 17:33 #8
Originariamente inviato da: pabloski
Ci ricordano che a volte bisognerebbe organizzare spedizioni punitive contro i CEO. Come si sia potuto ( oddio, era tutto premeditato ) buttare alle ortiche le competenze di Nokia è roba da uscire di testa.


Mha...io l'unica spedizione punitiva che organizzerei, è quella contro IL CEO della famosa intervista con successiva risata "un telefono che costa 500$? buahahaha noi abbiamo la nostra strategia"...
Avevano il monopolio di un intero settore, dilapidato in meno di 10 anni.
pabloski25 Ottobre 2018, 18:41 #9
Originariamente inviato da: Pellaton
Mha...io l'unica spedizione punitiva che organizzerei, è quella contro IL CEO della famosa intervista con successiva risata "un telefono che costa 500$? buahahaha noi abbiamo la nostra strategia"...
Avevano il monopolio di un intero settore, dilapidato in meno di 10 anni.


Stephen "cavallo di Troia" Elop. Ma quello ci fu mandato apposta.
GTKM25 Ottobre 2018, 18:42 #10
Una JVM ha conquistato il mondo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^