Il fondatore di Linux Mandrake crea un fork di Android Google-free

Il fondatore di Linux Mandrake crea un fork di Android Google-free

eelo punta a divenire un ecosistema per chi vuole mantenere al sicuro i propri dati e tiene alla propria privacy, capace di riprodurre solo applicazioni FOSS

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Sistemi Operativi
Linux
 

Il creatore di Mandrake Linux (evoluto poi in Mandriva, Mageia e OpenMandriva), Gaël Duval, ha realizzato un nuovo fork di Android, chiamato eelo. La sua particolarità è che è limitato all'uso di software FOSS, quindi Free and Open Source Software. La "mission" ufficiale del nuovo progetto è disponibile sul sito ufficiale, e ne riportiamo un estratto:

"eelo informerà gli utenti sul perché la schiavitù dei dati non è un dato di fatto. Ed eelo offrirà un'alternativa credibile agli utenti che si preoccupano della privacy dei loro dati: su telefoni cellulari e sistemi operativi per smartphone, così come su web-services associati. Nel lungo termine vogliamo fornire un ecosistema completo digitale, fra cui anche un sistema operativo per PC, assistenti personali e API di sviluppo per il web".

La compagnia ha rilasciato una roadmap con i propri piani per i prossimi tre anni. Durante il primo anno spera di offrire al pubblico una ROM scaricabile per diversi dispositivi e di rilasciare i servizi per il web, come ad esempio pagine per la ricerca, client e-mail, di cloud storage e per il backup online, e anche un'alternativa a Google Maps. Nel secondo anno invece punta al rilascio del sistema operativo eelo OS per PC e creare una fondazione per difendere gli asset della compagnia.

eelo

Durante il terzo anno invece Duval intende rilasciare la seconda versione del sistema operativo mobile, con i servizi web che verranno accompagnati da un assistente per smartphone e un assistente digitale. I lavori sul progetto sono iniziati con un prototipo della versione mobile del sistema operativo, che si fonda sul BlissLauncher 2. Per riuscire a rendere il tutto possibile la compagnia ha lanciato una campagna su Kickstarter, alla ricerca di investimenti monetari.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco27 Dicembre 2017, 16:48 #1
Il fail di Mandrake Linux non gli e' bastato? Senza app no party. Fara' la stessa fine di UbuntuOS o FirefoxOS.
Opteranium27 Dicembre 2017, 18:08 #2
Ma perché sprecano il loro tempo in questo modo.. pure windows phone è fallito per assenza di app. E wp era un progetto leggermente più ambizioso di questo aggeggio. Bah, contenti loro..
andrew0427 Dicembre 2017, 20:22 #3
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Il fail di Mandrake Linux non gli e' bastato? Senza app no party. Fara' la stessa fine di UbuntuOS o FirefoxOS.


Originariamente inviato da: Opteranium
Ma perché sprecano il loro tempo in questo modo.. pure windows phone è fallito per assenza di app. E wp era un progetto leggermente più ambizioso di questo aggeggio. Bah, contenti loro..


Senza app? Veramente ci sarebbe tutto il parco applicazioni di Android
Zenida27 Dicembre 2017, 21:22 #4
Forse non avete ben chiaro il concetto. Le app ci sono eccome, ovvero tutto il Playstore di Google (che però non sarà preinstallato).

Praticamente è la stessa cosa che faceva CyanogenMod e che ora fa LineageOS. Un software open source che integra app open source, se si vogliono le GApps bisogna installarsele a parte.


Non vedo nulla di nuovo in questa iniziativa, la vera differenza la farà il risultato del fork. Ovvero ci si aspetta di ottenere una ROM leggera e veloce, magari ricca di funzioni. Aspettiamo per giudicare
s0nnyd3marco28 Dicembre 2017, 11:37 #5
Originariamente inviato da: Zenida
Forse non avete ben chiaro il concetto. Le app ci sono eccome, ovvero tutto il Playstore di Google (che però non sarà preinstallato).

Praticamente è la stessa cosa che faceva CyanogenMod e che ora fa LineageOS. Un software open source che integra app open source, se si vogliono le GApps bisogna installarsele a parte.


Non vedo nulla di nuovo in questa iniziativa, la vera differenza la farà il risultato del fork. Ovvero ci si aspetta di ottenere una ROM leggera e veloce, magari ricca di funzioni. Aspettiamo per giudicare


Sto usando LineageOS, quindi il concetto l'ho ben chiaro. Che senso ha, considerando quando dicono:

"eelo informerà gli utenti sul perché la schiavitù dei dati non è un dato di fatto. Ed eelo offrirà un'alternativa credibile agli utenti che si preoccupano della privacy dei loro dati: su telefoni cellulari e sistemi operativi per smartphone, così come su web-services associati. Nel lungo termine vogliamo fornire un ecosistema completo digitale, fra cui anche un sistema operativo per PC, assistenti personali e API di sviluppo per il web"


installare eelo e poi mettere il Play Store / Play Services di Google?
lookgl28 Dicembre 2017, 12:04 #6
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Sto usando LineageOS, quindi il concetto l'ho ben chiaro. Che senso ha, considerando quando dicono:



installare eelo e poi mettere il Play Store / Play Services di Google?


Ti scarichi gli apk da dove meglio credi e campi senza play store, questo credo sia il senso della cosa.
DarkmanDestroyer28 Dicembre 2017, 13:00 #7
idea interessante, missione di tutto rispetto.
ma voglio vedere la risposta degli utenti, magari quelli molto affezionati a 2 noti brand a caso, cui appena parli di qualcosa di diverso ti fanno faccie simili a quella che farebbero quando prendono una supposta al peperoncino mentre hanno le emoroidi...

resterà (purtroppo) un'altro pezzo di software di nicchia.
che poi... basta accendere la linea dati o il gps per avere metà dei tuoi dati spiattellati in rete, basterebbe leggere i termini di utilizzo e modificare alcune impostazioni per limitarne la divulgazione (base), ma nessuno lo fa
zappy28 Dicembre 2017, 13:59 #8
il problema non è il SO, il problema sono i driver. che per apparecchi basati su SoC è una bella rogna.
s0nnyd3marco28 Dicembre 2017, 14:51 #9
Originariamente inviato da: lookgl
Ti scarichi gli apk da dove meglio credi e campi senza play store, questo credo sia il senso della cosa.


E quante app funzionano senza il Play Store? Leggi questo articolo molto interessante.
zappy28 Dicembre 2017, 16:53 #10
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
E quante app funzionano senza il Play Store? Leggi questo articolo molto interessante.


che palle è lungo... non è che ci fai un riassunto?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^