Nuovo trojan sfrutta i file multimediali per diffondersi

Nuovo trojan sfrutta i file multimediali per diffondersi

I ricercatori di Secure Computing hanno individuato un nuovo trojan che sfrutta i file multimediali per diffondersi ed infettare altri computer

di pubblicata il , alle 12:12 nel canale Sicurezza
 

Si apprende dal sito ITWire che i ricercatori di Secure Computing hanno individuato in rete un nuovo trojan che sfrutta i file multimediali per diffondersi ed infettare altri computer. La notizia va presa con la dovuta cautela dal momento che non sono stati forniti dettagli precisi in merito al nome del trojan e a quali siano òe tipologie di sistemi a rischio, tuttavia, se dovesse essere confermata, si tratterebbe senza dubbio di una minaccia piuttosto consistente.

Secondo quanto riportato, il trojan si diffonde principalmente in due modi: attraverso siti Web o attraverso lo scambio di file multimediali tra gli utenti. Nel primo caso, il trojan viene camuffato da "crack", ovvero un programma che consente di sbloccare altre applicazioni protette che andrebbero invece attivate acquistando una regolare licenza.

Il secondo metodo di infezione risulta invece decisamente più aggressivo: una volta infettato un sistema, il trojan inizia a modificare tutti i file multimediali che trova nel sistema. I file modificati vengono riprodotti correttamente sul sistema infetto, ma quando vengono trasferiti su un'altro computer, ad esempio tramite un programma di peer-to-peer come eMule o BitTorrent, viene richiesta l'installazione di un apposito codec per riprodurli.

In realtà non si tratta di un vero codec ma del trojan stesso, che una volta installatosi nel sistema riprende la propria corsa per infettare altri computer. Secure Computing raccomanda di non scaricare materiale dai siti specializzati nella diffusione di warez e di non installare codec per la riproduzione di contenuti multimediali di cui non si abbia la certezza che siano sicuri.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pinolo7915 Luglio 2008, 12:17 #1
Ma i dipendenti di Secure Computing, da chi sono stipendiati? cioè va bene tutto... però...
sna69615 Luglio 2008, 12:20 #2
allora posso stare sicuro...

il pc con il quale vado in internet è su piattaforma virtuale e come tale non ho di che temere in quanto tutto quello che esce da essa lo "analizzo" di persona...
sim8915 Luglio 2008, 12:22 #3
Che sia un tentativo per frenare il P2P ?
CLAUDIO7815 Luglio 2008, 12:23 #4
a me capita spesso con i file WMV (Windows media video) scaricati dal mulo che ad inizio riproduzione chiedano di installare un codec.
Ovviamente declino sempre l'offerta.
Lanfi15 Luglio 2008, 12:30 #5
Basta usare vlc...a me non è mai capitato che mi dicesse di non avere un codec !
sasyultrasnapoli15 Luglio 2008, 12:36 #6
Originariamente inviato da: sim89
Che sia un tentativo per frenare il P2P ?


omega72615 Luglio 2008, 12:47 #7
Mamma mia sono vanti sti tipi di Secure Computing eh?
La prima volta che ho trovato un trojan imboscato sotto forma di exe è stato tipo un mese e mezzo fa e AVG lo ha immediatamente rilevato e buttato in quarantena....che scopertona che hanno fatto!
nucce15 Luglio 2008, 12:49 #8
Originariamente inviato da: Lanfi
Basta usare vlc...a me non è mai capitato che mi dicesse di non avere un codec !


già già!!!...VLC the king!!!!
Dev4215 Luglio 2008, 13:06 #9
Originariamente inviato da: nucce
già già!!!...VLC the king!!!!


Quoto legge l'impossibile....
Gabo15 Luglio 2008, 13:17 #10
Originariamente inviato da: Dev42
Quoto legge l'impossibile....


Quelli col troyan nn li legge...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^