Un SoC x86-64 cinese grazie a VIA Technologies

Un SoC x86-64 cinese grazie a VIA Technologies

VIA Technologies in joint-venture con il governo cinese ha annunciato una nuova famiglia di processori x86-64, con una roadmap interessante per i prossimi anni

di pubblicata il , alle 11:50 nel canale Processori
VIA
 

Zhaoxin Semiconductor, la joint-venture esistente sin dal 2013 tra VIA Technologies e il governo cinese, ha da poco annunciato la nuova famiglia di processori KX-5000 x86-64 compatibili: realizzati grazie alla licenza che VIA possiede per poter sviluppare processori x86-64 compatibili, si tratta delle prime CPU cinesi con una piena integrazione di controller di piataforma e controller memoria DDR4 dual-channel.

Come riporta il sito tedesco PCGamesHardware, i processori KX-5000 saranno disponibili in versioni a quattro e otto core e realizzati dalla taiwanese TSMC con processo a 28-nanometri. L'impostazione è quella di un SoC, con grafica integrata, decoding video, controller SATA e USB, interfacce PCIe 3.0 e controller memoria DDR4 a doppio canale, per velocità operative superiori ai 2GHz.

Non sono disponibili ulteriori dettagli sulla nuova microarchitettura di KX-5000, conosciuta con il nome in codice di Wudaokou, e non è possibile nemmeno conoscere informazioni indicative sul consumo energetico o la dissipazione termica. Va però tenuto presente che i processori x86 realizzati da VIA in passato sono stati pensati per bassi costi ed elevata efficienza energetica, quindi è lecito immaginare per queste nuove soluzioni qualcosa di confrontabile con le proposte Intel Atom a basso consumo.

Questo chip ha fatto il proprio debutto per ora solamente sul sistema desktop Lenovo M6200 lanciato solamente sul mercato cinese. Nel corso del 2018 sono attese ulteriori novità da Zhaoxin, con la famiglia di processori KX-6000: sempre a 4 e 8 core, questa volta si tratterà di CPU prodotte a 16 nanometri e capaci di operare a frequenze fino ai 3GHz. Mentre per il 2019 si parla di KX-7000, con supporto a PCIe 4.0 e memoria DDR5, e grandi ambizioni: Zhaoxin parla infatti di livelli prestazionali confrontabili a quelli degli attuali processori AMD Ryzen.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7703 Gennaio 2018, 12:18 #1
Apperò! Ritorno a sorperesa di VIA technologies!

Interessante!
Saturn03 Gennaio 2018, 12:36 #2
Ci spero poco, ma un terzo competitor, anche per la fascia medio-bassa sarebbe spettacolare !
calabar03 Gennaio 2018, 13:03 #3
Gli accordi con i Cinesi potrebbero fornire a Via un trampolino di lancio per "risorgere".
I cinesi hanno bisogno di CPU consumer per slegarsi dalle aziende americane e avere il controllo sull'hardware, e anche se Via potesse produrre soluzioni che in occidente non sarebbero competitive con Intel e AMD, il mercato cinese è abbastanza grande da sostenerla.

Non sarebbe male se riuscisse a racimolare sufficienti risorse per tornare ad investire pesantemente in ricerca e sviluppo e tornare a competere nel mercato mainstream anche da noi. Un terzo competitor non farebbe che bene al mercato.
300003 Gennaio 2018, 14:45 #4
Ok, tutto bene e bello...
certo però che iniziare coi 28nm nel 2018...
Comunque col governo cinese in mezzo non ci sarebbe da stupirsi se ben presto VIA tornasse importante.
supertigrotto03 Gennaio 2018, 14:58 #5

Ok ora voglio la fanboy war!

Scusate se ironizzo ma tempo fa, quando qualcuno flammava su AMD o Intel ricordavo che c'era pure Via e che se dovevano flammare sul più debole o il più forte o il più disonesto,dovevano prendersela anche con Via,altrimenti non c'era par condicio. 😂
Secondo me, con rilevanti investimenti, possono avere prodotti dalla qualità /prezzo / consumi molto abbordabili, se poi riescono ad attrarre clienti tipo xiaomi (che fa ultrabook) e altri marchi,il più é fatto,anche per uscire dalla Cina come clientela consumer.
LMCH03 Gennaio 2018, 15:50 #6
Date un occhiata a questa discussione:
https://semiaccurate.com/forums/showthread.php?8505-Zhaoxin-KX-5000-amp-KX-6000&p=294544&viewfull=1#post294544
Ed in particolare a questo:
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Lo Zhaoxin ZX-E dicono che sia il KX-6000 (prodotto da TSMC a 16nm) con 3ghz di clock ed 8 Core.
Il benchmark utilizzato non da un idea completa delle prestazioni, ma da l'idea che "al suo meglio" quel chip sia decisamente più di un Atom.
Più che sufficiente per pc "economici" per la pubblica amministrazione, scuole e cose simili, perchè mi sa che se provano a commercializzarlo al di fuori del territorio cinese, Intel li riempie di cause legali per violazioni di brevetti di vario tipo (non riguardo il set d'istruzioni, ma brevetti sull'implementazione dei circuiti).
+Benito+03 Gennaio 2018, 16:56 #7
Sarà ma le piattaforme VIA me le ricordo per essere di nicchia, ma non economiche nè efficienti, solo lente.
Hanno spinto sull'integrazione prima del tempo, quando i sistemi mini itx erano "fuori standard" era quasi obbligatorio stare su una Epia. Care come il sangue e come performance per W perdenti su tutti i fronti
LMCH04 Gennaio 2018, 08:23 #8
Originariamente inviato da: +Benito+
Sarà ma le piattaforme VIA me le ricordo per essere di nicchia, ma non economiche nè efficienti, solo lente.
Hanno spinto sull'integrazione prima del tempo, quando i sistemi mini itx erano "fuori standard" era quasi obbligatorio stare su una Epia. Care come il sangue e come performance per W perdenti su tutti i fronti


Ora sembra una cosa diversa, c'entra il bisogno del governo cinese di avere "cpu più affidabili" senza "comodi bug" noti solo al produttore estero che possono essere usati per aprirsi backdoor di ogni tipo ed al tempo stesso poter usare il software scritto per l'enorme ecosistema x86 ed x86-64.

Ma potrebbe anche essere l'ennesimo progetto portato avanti da qualche funzionario governativo per mettersi in mostra o "mettersi in affari" e che non andrà da nessuna parte una volta che vengono meno i finanziamenti o che vengono incanalati in un alrro progetto di qualcuno con più influenza sull'allocazione dei fondi.

A parte questo, se riescono a stare bassi con i prezzi ed i consumi (le prestazioni sono secondarie una volta che sono a livello di un Atom) potrebbero usarlo per prodotti di consumo per il mercato cinese o paesi in via di sviluppo dove le leggi sui brevetti e copyright sono favorevoli alla cosa.

Ed anche se non sembra c'e' un sacco di roba consumer con cpu x86 ben nascosta dentro.
Non è un caso se la system image di Android TV per x86-Atom è già supportata nella preview dell SDK per Android 8.1, tanto per dirne una.
+Benito+04 Gennaio 2018, 08:53 #9
dei brevetti alla cina gliene frega niente comunque, via o non via. Se volesse sviluppare qualcosa di sicuro per usi governativi, lo farebbe fare ai servizi segreti, non a via.
cdimauro04 Gennaio 2018, 10:33 #10
Infatti. Ed è troppo comodo sviluppare chip infischiandosene dei brevetti.

D'altra parte finché la commercializzazione rimarrà limitata alla Cina, se lo possono anche permettere.

Peraltro una decisione del genere indica che non credono più in Longsoon quale soluzione proprietaria/interna per far girare applicazioni x86/x64: evidentemente le prestazioni non sono mai state accettabili.

Comunque questo solo benchmark non dice nulla delle reali capacità di questo chip. Da quel che si vede, potrebbe andare come un Atom 8 core, e dunque essere poco papabile per l'ambito desktop.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^