iOS 11 per iPad: un video concept lo immagina simile a macOS con funzionalità di ''drag & drop''

iOS 11 per iPad: un video concept lo immagina simile a macOS con funzionalità di ''drag & drop''

I colleghi di MacStories hanno immaginato il nuovo iOS 11 come estensione dell'attuale macOS. In arrivo funzionalità di "drag & drop" pronte ad ampliare la produttività degli iPad abbandonati in tal senso da tempo da Apple. Vediamo il video concept.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 15:01 nel canale Apple
AppleiPadiOS
 

Il WWDC 2017 si avvicina e con esso anche i concept su quelle che potrebbero essere le novità in arrivo con i vari sistemi operativi di Apple. In primis chiaramente iOS 11 che con ogni probabilità potrebbe trovare una ricollocazione stilistica con novità in seno alla grafica realizzata ad hoc per l'arrivo del nuovo iPhone 8 con display completamente borderless. Ma quello che in molti si attendono da iOS 11 è anche un sistema operativo vicino alle esigenze degli utenti che usano i tablet per una maggiore produttività. Ecco che in questo senso i colleghi di MacStories hanno deciso di realizzare un video concept su quello che potrebbe divenire iOS 11 sui vari iPad Pro.

Federico Viticci, autore del concept di iOS 11, si immagina il nuovo sistema operativo di Apple molto più vicino a macOS soprattutto per alcune interessanti funzionalità. Nel video si vede come la funzionalità del "drag & drop" ossia del "trascinare e rilasciare" sia di fondamentale importanza in molte delle azioni che gli utenti potranno realizzare d'ora in avanti con iOS 11.

L'idea è quanto mai semplice ma decisamente funzionale: gli utenti potranno realizzare una sorta di collegamenti rapidi nella parte alta del dispositivo, come ad esempio un indirizzo di una pagina web, tali da poter richiamare in qualsiasi momento. Non solo perché l'autore si immagina anche la possibilità di trascinare una foto o un testo per inserirli ad esempio da una pagina web ad un foglio di appunti.

Interessante anche la volontà di portare su iOS 11 quello che risulta essere forse uno dei più importanti aspetti di macOS: il finder. In questo caso gli autori del video hanno immaginato di utilizzare un applicazione su iPad tale da permettere agli utenti di cercare e dunque trovare ogni tipo di documento presente all'interno del dispositivo proprio come avviene con il Finder sugli attuali Mac di Apple. Una funzionalità decisamente interessante che da tempo gli utenti vederebbero bene sui dispositivi mobile permettendo di creare cartelle ma anche gestire in modo più veloce ed intuitivo tutti i documenti.

iOS 11 vuole dunque rendere ancora più produttivo l'uso degli iPad che grazie a processori sempre più potenti potrebbero essere utilizzati in maniera più completa inseguendo quello che da sempre risulta essere il pilastro dei tablet 2-in-1, il Surface Pro di Microsoft. Il concept rivela una nuova visione dello Split View ossia la divisione del display in due diverse regioni con una rivisitazione del concetto che abbandona lo scorrimento verticale della lista delle applicazioni da aprire, introducendo una sorta di griglia con tutte le applicazioni pronte per essere aperte in simultanea. Chissà se vedremo almeno qualcosa di tutto ciò nel nuovo iOS 11 in arrivo il prossimo 5 Giugno sul palco del WWDC 2017 a San Jose?

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
inited22 Maggio 2017, 17:34 #1
Si tratta sempre dell'OS che ha richiesto NOVE versioni principali per ottenere la possibilità di non dover chiudere una bozza di email per guardare cos'altro sia arrivato nel frattempo, eh. Non tratteniamo il fiato, ché qua ce n'è per morirci, aspettandosi cose scontate.
Malefiz22 Maggio 2017, 19:37 #2
iOS con gestione dei file simile a MacOS?
MAGARI!!!
M4R1|<22 Maggio 2017, 21:46 #3
Originariamente inviato da: inited
Si tratta sempre dell'OS che ha richiesto NOVE versioni principali per ottenere la possibilità di non dover chiudere una bozza di email per guardare cos'altro sia arrivato nel frattempo, eh. Non tratteniamo il fiato, ché qua ce n'è per morirci, aspettandosi cose scontate.


Il principale competitor dopo 14 releases non ha ancora imparato a gestire correttamente i processi in background

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^