Algoritmi che fanno acqua da tutte le parti: è la volta di Google

 Algoritmi che fanno acqua da tutte le parti: è la volta di Google

Gli uomini di colore sono riconosciuti come gorilla dal sistema di auto-tagging di Google Foto. Non è razzismo, ma solamente un algoritmo fallace. E la storia si ripete

di Nino Grasso pubblicata il , alle 13:41 nel canale Web
Google
 

Google si è prontamente scusata per l'errore segnalatole da un utente di Google Foto, un errore dovuto all'algoritmo di "auto-tagging" del servizio in cloud per la gestione delle proprie foto, video e immagini personali. Permette di impostare una categoria automatica per le immagini, ma come abbiamo visto in passato nel caso di Flickr, affidarsi al 100% ad un software è il metodo più veloce, ma di certo non quello affidabile.

Google, i neri vanno nella categoria Gorilla su Google Foto

Nello specifico, Google Foto ha contrassegnato come gorilla alcune immagini raffiguranti due ragazzi di colore. Lo ha subito segnalato alla società l'utente @jackyalcine su Twitter: "Google Foto, hai sbagliato di brutto. Il mio amico non è un gorilla", recita il suo post. Lo stesso identico errore, che potrebbe essere subito erroneamente ricondotto al razzismo, a cui era caduto l'algoritmo concorrente di Flickr.

Google, Facebook, Microsoft, e i colossi che hanno a che fare sul web parlano spesso di machine learning, deep learning e di intelligenza artificiale come se fosse un argomento ormai consolidato nel web di oggi. Se da una parte è vero, dall'altra errori così grossolani evidenziano come ci sia ancora parecchio lavoro da fare prima che il software riesca ad avere lo stesso livello percettivo di un essere umano.

Il gigante di Mountain View si è subito scusato circa l'errore diplomatico provocato dall'algoritmo e ha cercato di trovare una soluzione perché il problema non si ripetesse più. L'auto-tagging è una delle funzionalità più importanti di Google Foto e permette appunto di raggruppare le foto in base alla loro categoria. Nell'album "Biciclette", troveremo le foto delle biciclette, su "Grattacieli" i grattacieli.

Come su Flickr, gli algoritmi di machine learning della società si occuperanno di migliorare l'efficacia del riconoscimento nel corso del tempo, ma per il momento tutto quello che ha potuto fare Google è stato rimuovere del tutto la categoria "Gorilla" dal suo sistema automatizzato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

70 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
omerook02 Luglio 2015, 13:46 #1
ho come la sensazione che questa new ve la siete già venduta tempo fa!
acerbo02 Luglio 2015, 13:49 #2
e quale sarebbe l'errore? Ste polemiche sterili dal pretesto antirazzista sono veramente ridicole, l'uomo fino a prova contraria discende dalla scimmia ed é evidente che alcuni esseri umani gli somigliano molto.
Di neri che ricordano gorilla ce ne sono molti, Garet Bale prima di operarsi alle orecchie pareva uno scimpanzé, l'algoritmo in questione funziona benissimo, d'altra parte se l'occhio umano non é infallibile non vedo perché debba esserlo un software
demon7702 Luglio 2015, 13:53 #3
Originariamente inviato da: omerook
ho come la sensazione che questa new ve la siete già venduta tempo fa!


Era su flikr. Adesso è il turno di google photos.
Il problema comunque non è "l'algoritmo".. sono piuttosto i mentecatti che ne traggono spunto per accuse di razzismo. Perchè gente così andrebbe messa in manicomio.

L'algoritmo è un sitema matematico oggettivo. PUNTO.
Dal punto di vista totalmente OGGETTIVO (sottolineo nuovamente OGGETTIVO) una persona di colore con tratti somatici un po' pronunciati presa da una certa angolazione può decisamente assomigliare abbastanza ad un gorilla da trarre in inganno un algoritmo matematico..
La cosa cretina sul serio è farne caso di stayo come se a fare questa affermazione fosse un persona in carne ed ossa.

F1r3st0rm02 Luglio 2015, 13:54 #4
Non oso immaginare cosa sarebbe successo in Italia...

la Boldrini che sbracciandosi urla all'attentato costituzionale, Vendola che piange sangue, e tutta una serie di figuri che mai hanno aperto bocca che cominciano a berciare di razzismo...
matte91snake02 Luglio 2015, 13:55 #5
lei è bruttissima ecco perchè è classificata come gorilla

Se da una parte è vero, dall'altra errori così grossolani evidenziano come ci sia ancora parecchio lavoro da fare prima che il software riesca ad avere lo stesso livello percettivo di un essere umano.


o forse c'è ancora parecchia evoluzione da fare prima che quei gorilla si riescano a far riconoscere dagli algoritmi

**niente razzismo ovviamente è una battuta per riderci sopra, alla larga finti buonisti **
inkpapercafe02 Luglio 2015, 13:57 #6
LOL
doctor who ?02 Luglio 2015, 13:57 #7
Originariamente inviato da: matte91snake
lei è bruttissima ecco perchè è classificata come gorilla


La sua espressione facciale non aiuta.
matte91snake02 Luglio 2015, 14:02 #8
Originariamente inviato da: doctor who ?
La sua espressione facciale non aiuta.


ho paura che sia la sua espressione normale
Domenik7302 Luglio 2015, 14:06 #9
Chissà se facendo la foto a uno dei nostri parlamentari viene riconosciuto come ma...e
F1r3st0rm02 Luglio 2015, 14:15 #10
il parlamentare medio lo mettono nella sezione promessi sposi sottosezione Bravi

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^