Android 8.0 sarà Octopus. Google rilascia la Developer Preview di Android O con una sorpresa

Android 8.0 sarà Octopus. Google rilascia la Developer Preview di Android O con una sorpresa

A sorpresa l'azienda di Mountain View rilascia la quarta Developer Preview di Android O ossia l'ottava generazione del suo sistema operativo. A sorpresa però Google ha dichiarato come O starà per Octopus. Sarà uno scherzo degli sviluppatori?

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Telefonia
AndroidGoogle
 

La versione finale di Android 8.0 è stata rilasciata. La Developer Preview di Android O è apparsa nei server dell'azienda di Mountain View nella serata e tutti gli utenti iscritti al programma di Beta Tester potranno scaricarla nei propri device Nexus o Pixel per provarla. La sorpresa però non è stato il suo rilascio, comunque prevedibile vista la road map per l'arrivo in pubblico del nuovo sistema operativo di Google, ma effettivamente il nome che è stato dato dagli sviluppatori al nuovo Android O. Sì, perché al solito tappando ripetutamente sulla sezione della versione di Android con la nuova Developer Preview appare la figura di un polpo (alias Octopus). Android 8.0 sarà dunque denominato Octopus? O sarà uno scherzo degli sviluppatori?

Al momento purtroppo non è stato possibile scoprire se realmente la nuova versione di Android cambierà completamente l'indirizzo del proprio nome. Ad oggi Google ha sempre denominato le proprie release con nomi di dolci e cambiare improvvisamente sembrerebbe una particolarità di poco senso, anche se sappiamo che in Mountain View sono capaci di questo ed altro. Proprio per questo l'idea di porre il polpo come nominativo per la prossima versione di Android potrebbe risultare un semplice scherzo per distrarre gli utenti da Android Oreo che tutti a gran voce hanno delineato come successore dell'attuale Nougat.

Tralasciando lo scherzo o non scherzo gli sviluppatori di Google hanno comunque rilasciato, come detto, la nuova Developer Preview di Android, quella che sostanzialmente arriverà nelle prossime settimane e che potrà essere installata da tutti gli utenti sui propri Nexus. In questo caso sarà possibile l'aggiornamento sui Pixel, sul Pixel C ma anche sui Nexus 5X e 6P come anche sul Nexus Player installando le varie Factory Image disponibile a questa pagina.

Ma quali le novità che il nuovo Android (Polpo) porterà sugli smartphone? Decisamente tante e se queste potrebbero sembrare poi non così immediate o superficiali di certo saranno profonde. Parliamo di:

  • Background limits: Doze e Doze on the Go sono state le due funzionalità rispettivamente di Marsmhallow e Nougat per abilitare una modalità di risparmio energetico per le app in background. Su Android O ci sarà un'evoluzione dell'approccio delle due modalità precedenti con l'obiettivo di offrire la maggiore durata della batteria possibile senza compromettere l'esperienza d'uso. Google ha introdotto dei "limiti automatici" sulle attività che le app possono compiere in background, come ad esempio la cadenza dell'aggiornamento della posizione. Le novità aiuteranno gli sviluppatori a creare app capaci di rimanere in background senza compromettere l'autonomia dello smartphone.
  • Notification channels: i canali di notifica sono categorie definite dalle app per i contenuti presenti sulle notifiche. Gli utenti possono avere così un maggiore controllo sulle singole tipologie di app modificando con una sola impostazione il comportamento delle notifiche di tutte le app che appartengono ad una determinata categoria.
  • API per il riempimento automatico: Android può utilizzare già i cosiddetti password manager, tuttavia con Android O sarà più semplice per lo sviluppatore implementare le funzionalità di un password manager all'interno dell'ecosistema grazie ad API specifiche rilasciate da Google. L'utente potrà selezionare un'app per il riempimento automatico nei campi di testo (ad esempio le credenziali d'accesso dei siti, nomi utente, password, indirizzi) dalle Impostazioni del dispositivo, utilizzando i dati ovunque voglia all'interno del sistema operativo.
  • Picture in Picture e nuove feature per la gestione delle finestre: il multi-window è diventato una realtà con Nougat su Android, mentre con la nuova versione sarà presente anche una modalità PiP (Picture in Picture) sia su smartphone che su tablet. Gli utenti potranno così continuare la riproduzione di un video mentre rispondono ad un messaggio di testo o compiono qualsiasi altra operazione. Fra le altre opzioni per la gestione delle finestre troviamo una nuova modalità di sovrapposizione e il supporto al multi-display per lanciare un attività su un display esterno.
  • Risorse dei caratteri via XML: le applicazioni di terze parti possono adesso utilizzare caratteri differenti da quelli di sistema, semplicemente dichiarandoli nei layout XML.
  • Icone adattive: con Android O è possibile creare icone adattive che il sistema può mostrare in forme differenti sulla base delle caratteristiche dell'interfaccia utente utilizzata. Il sistema gestisce le animazioni sulla base delle icone scelte, utilizzandole inoltre nelle diverse schermate dell'interfaccia grafica in cui appaiono (launcher, scorciatoie, impostazioni, finestre di condivisione).
  • Supporto ai gamut di colore più estesi per le app: gli sviluppatori di app per immagini su Android possono adesso sfruttare i dispositivi che hanno display che supportano gamut particolarmente estesi. Su Android O sarà garantito il supporto di AdobeRGB, ProPhoto RGB, DCI-P3, e altri, da attivare individualmente su ogni singola app.
  • Connettività: Android O introduce diverse novità in ambito audio, aumentando la qualità via Bluetooth attraverso nuovi codec ad alta fedeltà come LDAC. Sul fronte connettività troviamo inoltre il supporto di Wi-Fi Aware (per comunicare con altri dispositivi senza la necessità di un access point), che richiede comunque hardware compatibile. 
  • AAudio API per Pro Audio: Android O integra nuove API native progettate nello specifico per app che richiedono audio ad alte performance e con il minimo della latenza (ad esempio per i professionisti).

Di certo queste non saranno proprio tutte le novità che Google porrà sul proprio Android 8.0 visto che l'arrivo dei nuovi Pixel di seconda generazione potrebbero introdurre novità in seno al nuovo design.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
]Rik`[25 Luglio 2017, 09:26 #1
API per il riempimento automatico



amen!
YetAnotherNewBie25 Luglio 2017, 11:04 #2
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade

(...) A sorpresa però Google ha dichiarato come O starà per Octopus.


Meglio Octopussy
Sputafuoco Bill25 Luglio 2017, 11:43 #3
7.2
zappy25 Luglio 2017, 11:51 #4
"piovra" no?
con tutti i dati dell'utente che trasmette a mountain view...
Rubberick25 Luglio 2017, 12:09 #5
Si ma siamo arrivati alla 8 e ancora non c'e' un sistema di aggiornamenti automatici come windows da enforcare su qualsiasi dispositivo? non è un pò ridicolo ?
TheZioFede25 Luglio 2017, 13:57 #6
Originariamente inviato da: Rubberick
Si ma siamo arrivati alla 8 e ancora non c'e' un sistema di aggiornamenti automatici come windows da enforcare su qualsiasi dispositivo? non è un pò ridicolo ?


mi immagino solo il casino che succederebbe a rilasciare una major release a 2 miliardi di dispositivi nello stesso periodo, sai che casini verrebbero fuori

poi a quel punto sarebbe responsabilità di google, macché scherzi
matrix8325 Luglio 2017, 14:59 #7
Originariamente inviato da: Rubberick
Si ma siamo arrivati alla 8 e ancora non c'e' un sistema di aggiornamenti automatici come windows da enforcare su qualsiasi dispositivo? non è un pò ridicolo ?

Non capisco se sei serio o trolli. Con tutte le personalizzazioni dei produttori è praticamente impossibile fare quello che dici. Infatti ogni produttore implementa il suo sistema OTA che fa esattamente quello ed è gia possibile da tempo. Non capisco perchè dovrebbe farlo google.
Erotavlas_turbo25 Luglio 2017, 15:46 #8
Dal punto di vista degli aggiornamenti dovrebbe migliorare la situazione con la versione 8 grazie a project treble.
ripsk25 Luglio 2017, 19:11 #9
Da notare l'espressione del polpo --> Link ad immagine (click per visualizzarla)



robbybby25 Luglio 2017, 23:29 #10

fill in = riempimento automatico?????

No lo sapete che to fill in si traduce con compilare, e non con riempire?

Il testo originale infatti è:
Autofill with Google allows users to easily fill in forms on their mobile devices.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^