XPC in formato picoBTX da Shuttle

XPC in formato picoBTX da Shuttle

Apparso a Tokyo un nuovo sistema compatto di Shuttle basato su formato picoBTX

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:24 nel canale Sistemi
Shuttle
 

Sul mercato giapponese, tradizionalmente il più reattivo per ciò che riguarda la commercializzazione di nuovi prodotti, è apparso un nuovo sistema small form factor di Shuttle Computer caratterizzato dal formato picoBTX. Sebbene tale sistema non rappresenti il primo PC in formato BTX apparso sul mercato, è comunque il primo sistema BTX orientato al mercato DIY (do-it-yourself).

Si tratta del modello XPC SB86i, basato su chipset Intel i915G che offre supporto a processori Intel Pentium 4 e Celeron con 533 e 800Mz di bus. Il sistema permette l'installazione di una scheda PCI Express x16 e di una scheda PCI e consente di installare un massimo di 2GB di memoria PC3200 DDR anche in modalità dual-channel. Il case permette inoltre l'adozione di una unità ottica da 5,25" e di due unità da 3,5 pollici. Il chipset permette inoltre di utilizzare funzionalità Matrix Raid. Tra le altre caratteristiche segnaliamo la presenza di un controller audio Intel high-definition a 8 canali, controller Gigabit Ethernet, porte USB 2.0 e FireWire e la presenza di un card reader 8-in-1.

Il nuovo sistema compatto, sebbene non così compatto come altre soluzioni proposte da Shuttle, permette di utilizzare i più recenti processori Intel Pentium 4, incluso il modello 570J a 3,80GHz, senza la necessità di dover impiegare particolari sistemi di dissipazione, grazie all'adozione del formato picoBTX.

Il modello XPCSB86i è commercializzato, per ora, solo a Tokyo, ad un prezzo compreso tra 365 e 385 dollari.

Fonte: Xbitlabs

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mamastro31 Gennaio 2005, 12:46 #1
Niente male l'haedware ma esteticamente non mi piace molto...
Onda Vagabonda31 Gennaio 2005, 13:16 #2
Veramente bruttino questo case... io per un prodotto del genere sopratutto DIY sperimenterie un case in legno, magari un bel ciliegio rosso.
Poix8131 Gennaio 2005, 13:21 #3
Originariamente inviato da Onda Vagabonda
Veramente bruttino questo case... io per un prodotto del genere sopratutto DIY sperimenterie un case in legno, magari un bel ciliegio rosso.


bello sarebbe bello, pero' la dissipazione sarebbe inesistente!

ciao ciao
Sig. Stroboscopico31 Gennaio 2005, 13:28 #4
Lo sapevate che in giappone gli stranieri che comprano hanno lo sconto sull'iva? Anche in molti altri paesi lo fanno... meglio chiedere sempre.
Eheheheh
Io l'ho scoperto quando un negoziante mi chiese se ero straniero... pensavo che scherzasse... insomma, un italiano da 195 cm per 90 kg non passa facilmente per giapponese... ahahahahah!
Così anche per Argentina e US.

Ciao!
almus!31 Gennaio 2005, 13:37 #5
Originariamente inviato da Sig. Stroboscopico
Lo sapevate che in giappone gli stranieri che comprano hanno lo sconto sull'iva? Anche in molti altri paesi lo fanno... meglio chiedere sempre.
Eheheheh
Io l'ho scoperto quando un negoziante mi chiese se ero straniero... pensavo che scherzasse... insomma, un italiano da 195 cm per 90 kg non passa facilmente per giapponese... ahahahahah!
Così anche per Argentina e US.

Ciao!


non hanno lo sconto. hanno una esenzione perche' poi l'iva la devono pagare in Italia.
luther_zero31 Gennaio 2005, 13:53 #6
Si, pero' se poi ti spedisci quel determinato oggetto a casa tua con corriere espresso o simili, e dichiari che si tratta di un regalo -> IVA schivata (o almeno cosi' hanno fatto alcuni miei amici che all'epoca si erano spediti in Italia un paio di PS2 appena uscite in Giappone). Comunque si, in teoria si tratterebbe solo di un rinvio di pagamento dell'imposta...
Symonjfox31 Gennaio 2005, 13:54 #7
Originariamente inviato da almus!
non hanno lo sconto. hanno una esenzione perche' poi l'iva la devono pagare in Italia.

OT: quindi se dovessi andare in Svizzera e comprare qualcosa, potrei farmi esentare l'IVA e poi pagarla alla Dogana? (facendo 2 conti, potrebbe valerne la pena, dipende da cosa si compra).
marck7731 Gennaio 2005, 14:22 #8
Symonjfox, sì è così. Anche gli stranieri che vengono qui in Italia possono pagare il prezzo ivato al negozio, e poi con un buono speciale alla dogana (o all'aeroporto) possono farsi ridare i soldi dell'IVA, per poi pagare l'imposta al momento dell'entrata nel loro paese.
Mau_2831 Gennaio 2005, 14:34 #9
Ma se compro qualcosa su ebay USA e me la spediscono in italia ,mi bloccano il pacco alla dogana fino al pagamento dell'IVA? Conosco gente che l'ha fatto ma non hanno avuto problemi di questo genere.
kuru31 Gennaio 2005, 14:40 #10
Originariamente inviato da Onda Vagabonda
Veramente bruttino questo case... io per un prodotto del genere sopratutto DIY sperimenterie un case in legno, magari un bel ciliegio rosso.


Secondo me questo case è stupendo, si vede che non sai apprezzare il design hi-tech... ciliegio rosso.... facci la cassa da morto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^