Microsoft e UNIDO insieme per diffondere il computer in Uganda

Microsoft e UNIDO insieme per diffondere il computer in Uganda

Microsoft e UNIDO hanno annunciato una nuova iniziativa per favorire lo sviluppo dell'economia ugandese sfruttando i computer dismessi

di pubblicata il , alle 14:02 nel canale Sistemi
Microsoft
 

Microsoft e l'United Nations Industrial Development Organization (UNIDO) hanno annunciato che presto partirà una nuova iniziativa per favorire la diffusione dei computer in Uganda. Il nuovo progetto consiste nell'apertura di un centro di computer ricondizionati nella capitale del paese Kampala, dove i PC rimessi a nuovo verranno rivenduti.

Il centro sarà in grado di gestire circa 10.000 computer in disuso all'anno: i sistemi in buono stato verranno riconfigurati e rimessi in vendita ad un prezzo medio dell'equivalente di 175 dollari, circa un terzo del costo attuale di un computer in Uganda, mentre i sistemi danneggiati verranno disassemblati al fine di recuperare i vari componenti ancora utilizzabili.

Iniziative di questo genere avevano in passato sollevato molte polemiche, soprattutto in merito all'hardware, spesso in pessimo stato ed ormai obsoleto. Stavolta però la situazione dovrebbe essere differente: per l'iniziativa Microsoft ha affermato che utilizzerà "quality-brand PC".

L'iniziativa guarda inoltre anche alla salvaguardia dell'ambiente: i materiali ormai privi di alcuna utilità verranno infatti riciclati localmente, cosi come si provvederà a smaltire in modo del tutto sicuro le sostanze tossiche presenti nei vari componenti.

Uno dei principali problemi incontrati dalle aziende Ugandesi e proprio la mancanza di strumenti adeguati per migliorare la propria produttività; la diffusione dei personal computer costituirà un valido strumento per lo sviluppo dell'economia locale del paese, riducendo i problemi legati ai costi non sempre sostenibili dalle piccole e medie compagnie.

Altro fattore decisamente importante è che l'iniziativa verrà gestita localmente e in modo sostenibile, fornendo l'addestramento ed il supporto necessario per la formazione di personale qualificato. Il centro di ricondizionamento opererà con una rete preesistente di distributori locali, al fine di raggiungere un pubblico il più ampio possibile.

Microsoft ha infine ribadito che proseguirà il proprio impegno con UNIDO al fine di espandere il programma di ricondizionamento dei computer ad altri stati africani. L'obiettivo finale è di riuscire entro il 2015 ad offrire la possibilità di avere un computer ad un miliardo di persone che ancora non possono beneficiare delle nuove tecnologie.

Per chi fosse interessato, suggeriamo di seguire l'argomento anche sul nostro blog Appunti Digitali.

 

Fonte: Microsoft

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ravered17 Giugno 2008, 14:30 #1
Iniziativa lodevole unico neo il prezzo di 175$ mi sembra elevato per dei PC "rottamati" dal mondo occidentale. Magari 99$ potrebbe essere una cifra più appropriata.
.Kougaiji.17 Giugno 2008, 15:13 #2
E fu così che Microsoft conquistò l'Uganda :3
El Bombastico17 Giugno 2008, 15:13 #3
Io prima di pensare ai computers sistemerei prima alcune cosette....pace, democrazia, istruzione, cibo.
Mi sembra tanto una mossa per fare ancora più profitto...
panda8417 Giugno 2008, 15:14 #4
Che distribuzione Linux ci mettono?
pabloski17 Giugno 2008, 15:17 #5
in pratica MS non sa come riuscire a vendere software a quelle nazioni, nazioni dove la pirateria è alle stelle e così fa il giochino delle tre carte....

alla fine da una parte paghiamo noi con le nostre tasse, perchè di sicuro un bel pò di soldoni l'UNIDO glieli dà, dall'altro riescono abbassando il prezzo a fare la parte dei salvatori della patria

in tutto questo però continueranno a diffondere software chiuso, quindi quella povera gente invece di avere in mano gli strumenti per studiare l'informatica andranno ad accrescere le fila dei lobotimizzati da MS Word

non c'è che dire proprio un'iniziativa lodevole....

l'ONU se vuole fare sul serio dovrebbe cominciare ad arrestare gli AD delle compagnie occidentali che arruolano soldati mercenari per tenere in piedi in quei Paesi guerre civili alfine di sfruttare la popolazione e le risorse locali
AntonioBO17 Giugno 2008, 15:24 #6
L'obiettivo finale è di riuscire entro il 2015 ad offrire la possibilità di avere un computer ad un miliardo di persone che ancora non possono beneficiare delle nuove tecnologie.


Un miliardo di copie di Winzozz... soppa le pensa tutte......
DanieleC8817 Giugno 2008, 15:26 #7
Cos'è, la concorrenza all'OLPC?
hibone17 Giugno 2008, 15:55 #8
"...il pueblo UNIDO lo estrae... dal suo aliante del cazzo... e lo conduce in trionfo alla plaza..."
Mephy7217 Giugno 2008, 16:51 #9
Originariamente inviato da: El Bombastico
Io prima di pensare ai computers sistemerei prima alcune cosette....pace, democrazia, istruzione, cibo.
Mi sembra tanto una mossa per fare ancora più profitto...


Intanto una cosetta la hanno sistemata lo smaltimento dei computer vecchi
mika48017 Giugno 2008, 17:37 #10

...................

Che schifo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^