Poche CPU Intel sul mercato: uno scenario di fatto fino a metà 2019?

Poche CPU Intel sul mercato: uno scenario di fatto fino a metà 2019?

La limitata offerta di processori Intel sul mercato potrebbe prolungarsi anche sino alla seconda metà del prossimo anno: questa la previsione, non da tutti condivisa, del CEO di Compal Electronics

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Processori
IntelCore
 

Abbiamo evidenziato nella giornata di ieri, con questa notizia, i problemi legati all'attuale capacità di Intel di mantenere un livello di produzione di processori che sia bilanciato alla domanda di mercato. Di questa situazione potrebbe beneficiare AMD, che sembra orientata verso una quota di mercato dei processori prossima al 30% per il quarto trimestre 2018.

Digitimes fornisce nuove informazioni su questo scenario di mercato, evidenziando come le difficoltà di Intel potrebbero proseguire sino alla seconda metà del prossimo anno.

Questa informazione è stata indicata da Martin Wang, presidente e CEO di Compal Electronics. Lo shortage produttivo viene gestito al momento da Intel dando priorità ai processori delle famiglie Core e Xeon, per le quali l'azienda riesce ad ottenere i migliori margini di vendita.

Le difficoltà di approvvigionamento potrebbero portare ad una contrazione nelle vendite di notebook rispetto alle iniziale stime: si tratta di dispositivi che sono vittime di questa situazione in modo particolare. Un po' tutti i produttori sembrano essere interessati da questo fenomeno, con previsioni di crescita delle vendite contenute entro il 5% contro stime per il quarto trimestre 2018 che prevedevano vendite in aumento sino al 10%.

Intel è all'opera per mitigare gli effetti di questo scenario produttivo, ma più di tanto non sarà possibile fare nel breve periodo. Se il CEO di Compal Electronics indica la seconda metà del prossimo anno come il periodo nel quale questa situazione di mercato si stabilizzerà, per altri operatori la fornitura di processori in volumi adeguati dovrebbe stabilizzarsi già dai primi mesi del prossimo anno.

Resta in ogni caso da vedere quanto rapidamente, e con quali volumi complessivi, Intel riuscirà a produrre processori con processo produttivo a 10 nanometri. Il debutto di tali modelli in volumi è atteso per i primi mesi del 2019, ma rimane ancora da capire se e in che misura Intel incontrerà problemi con questa nuova tecnologia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bivvoz28 Settembre 2018, 11:04 #1
Com'è che in Intel hanno sfornato CPU a bomba fino ad adesso e improvvisamente sono diventati impediti?
Non hanno manco cambiato PP, forse è una conseguenza di aver portato le cpu hedt in fascia mainstream, le rese sono più basse e la produzione va a rilento.
macker128 Settembre 2018, 11:44 #2
Ci stanno prendendo tutti per i fondelli!
Prima le gpu alle stelle, la ram più salata che mai, le nuove nvidia con prezzi stile iphone, e chi riesce più a farsi un nuovo pc?
LordPBA28 Settembre 2018, 12:25 #3
la butto là:

non è che la questione 'meltdown' che Intel pensava di sfruttare per spingere verso il cambio delle vecchie CPU ha invece, come dire, infangato un pò la fiducia su Intel? E' vero che è soggetta anche AMD, ma 'aggente' leggeva sempre Intel (i 'giornalai' non conoscono AMD...)

Aggiungiamo anche che AMD sta facendo un buon lavoro

Aggiungiamo anche che il mercato non è più florido come un tempo

ed eccoci qua che ne inventano di tutti i tipi per aumentare margini
mauriziofa28 Settembre 2018, 12:50 #4
Lo shortage delle cpu a 14nm dipende dalle poche fab con quel processo produttivo, perchè Intel pensava di passare velocemente al processo a 10nm, inoltre in quelle fab produce anche cpu per server datacenter, i modem per Apple, i chipset per le schede madri, insomma non solo prodotti pc ma diversificati.

Il problema sui 10nm è di complessità, quando si passa al nuovo processo produttivo, dopo averlo testato con la produzione di ram (che sono i chip più semplici da produrre), si inizia a rimpicciolire la cpu precedente per testare le connessioni tra i vai componenti che diventano più piccole e sono più difficili da gestire. Una volta che, con successo, si è ottenuto il die-shrink delle cpu prodotte con processi superiori, si conoscono i margini per riuscire a produrre le nuove cpu, sapendo quanta frequenza in più si può ottenere, quanti core in più si possono aggiungere, ecc... Insomma non basta inserire il wafer nella macchina per avere le cpu a 10nm ma devono lavorare gli ingegneri e si va per tentativi fino ad avere il c.d. tape out, il chip che si voleva ottenere perfettamente funzionante in tutte le sue componenti.

Ovviamente per fare questo è molto più difficile per un core i5/i7 con cpu, gpu, memory controller, controller pci express, ecc... rispetto ai Ryzen AMD che hanno solo la componente cpu, senza la gpu, ed ovviamente memory controller e pci express. Infatti le c.d. apu di AMD sono dei ryzen depotenziati per riuscire a stipare nel chip anche la gpu.

La stessa cosa in ambito schede video, non è un caso che le nuove gpu Nvidia rtx siano prodotte a 12nm, mentre le nuove Vega siano prodotte a 7nm, le seconde sono più semplici come architettura.
Bivvoz28 Settembre 2018, 14:04 #5
Originariamente inviato da: LordPBA
la butto là:

non è che la questione 'meltdown' che Intel pensava di sfruttare per spingere verso il cambio delle vecchie CPU ha invece, come dire, infangato un pò la fiducia su Intel? E' vero che è soggetta anche AMD, ma 'aggente' leggeva sempre Intel (i 'giornalai' non conoscono AMD...)

Aggiungiamo anche che AMD sta facendo un buon lavoro

Aggiungiamo anche che il mercato non è più florido come un tempo

ed eccoci qua che ne inventano di tutti i tipi per aumentare margini


AMD non è affetta da meltdown.
ionet28 Settembre 2018, 17:52 #6
Originariamente inviato da: Bivvoz
Com'è che in Intel hanno sfornato CPU a bomba fino ad adesso e improvvisamente sono diventati impediti?
Non hanno manco cambiato PP, forse è una conseguenza di aver portato le cpu hedt in fascia mainstream, le rese sono più basse e la produzione va a rilento.


appunto,e' finita l'era delle vacche grasse,miseri chippetti venduti con margini assurdi

alla fine e' sempre tutta colpa di amd
con nvidia i prezzi sono alti perche non c'e' concorrenza
con intel invece i prezzi sono alti perche c'e' concorrenza

con le gpu in parte e' vero,ma per nvida e' ormai il suo ecosistema e il marchio che fa il prezzo
anche intel vuole ancora sfruttare il proprio,ma vuoi il ritardo dei 10nm,piu' il pericolo,il danno prestazionale e d'immagine con le varie falle sulla sicurezza,amd che la raggiunge e tsmc che la supera...
bho ci vuole veramente coraggio ad alzare pure i prezzi
non lo so ma ci vedo una specie di stress test,con intel che vuole controllare se ha ancora l'umanita' ai suoi piedi

tuttavia se continuera' a vendere e macinare trimestrali record...allora la prossima se cercate ancora un responsabile per i prezzi assurdi,lo troveremo banalmente di fronte uno specchio
tuttodigitale28 Settembre 2018, 18:58 #7
Originariamente inviato da: mauriziofa
L
La stessa cosa in ambito schede video, non è un caso che le nuove gpu Nvidia rtx siano prodotte a 12nm, mentre le nuove Vega siano prodotte a 7nm, le seconde sono più semplici come architettura.

Queste considerazioni lasciano il tempo che trovano.
la prima GPU sui 14nm FINFET è stata GP100, raddoppiando fin da subito il numero di transistor rispetto al chip più grosso della precedente generazione.

VEGA20 sarà il chip più complesso prodotto da AMD. Probabilmente sarà lo stesso per il primo chip a 7nm di nvidia...

Originariamente inviato da: mauriziofa
Il problema sui 10nm è di complessità, quando si passa al nuovo processo produttivo, dopo averlo testato con la produzione di ram (che sono i chip più semplici da produrre),


cosa ti fa pensare che i 10nm per le RAM siano migliori dei 14nm?
-Vale-30 Settembre 2018, 06:55 #8
Produzione a parte intel pensava di farla da padrone , invece a differenza di nvidia nel campo gpu amd non è rimasta a dormire lato cpu , attualmente i ryzen sono la scelta ideale , si magari con un i5/i7 8000 fai quale fps in piu in game , ma non ha senso visto la politica intel

-chipset che cambiano ogni generazione
-per fare overclock devi pagarate tangente del processore K
-per fare overclock devi prendere chipset Z

Intel deve rivedere un bel po di cose

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^