App Store è composto in larga parte da 'app zombie'

App Store è composto in larga parte da 'app zombie'

Apple e Google pubblicizzano spesso i propri store virtuali di applicazioni riferendosi al numero estremamente elevato di contenuti. Tuttavia, secondo un'analisi condotta da Adjust non è tutto oro quello che luccica

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:01 nel canale Apple
AppleGoogle
 

Una delle critiche maggiormente diffuse su Windows Phone è relativa alla mancanza di applicazioni rispetto ai più diffusi iPhone e dispositivi Android. Una critica portata avanti per via del numero di app sullo store: poco oltre i 200 mila per la piattaforma di Redmond contro i numeri superiori al milione di App Store e Google Play. Il confronto appare numericamente impari.

App Store

Tuttavia, gran parte delle applicazioni su App Store sembrerebbero essere "zombie apps", secondo Adjust, che avrebbe coniato il modo di dire per identificare quelle app che non vengono mostrate "in nessuna delle posizioni delle 39.171 Top List di App Store per almeno due giorni su tre lungo il periodo di valutazione di un mese".

L'idea alla base dello studio è semplice: se un'app non raggiunge una delle quasi 40 mila posizioni delle Top List, l'utente occasionale non potrà mai scoprirne la pubblicazione, se non cercandola attivamente sfruttando il motore di ricerca della piattaforma. Secondo lo studio condotto da Adjust, nel mese di giugno 2014 il 79,6% delle app presenti su App Store possono essere definite come "app zombie". In numeri, parliamo di 953.387 app, sulle 1.197.087 presenti.

Un trend destinato inesorabilmente ad aumentare in proporzioni, all'aumentare del quantitativo di app presenti sullo store. Lo scorso giugno, la stessa società d'analisi di mercato aveva trovato solamente il 70% di app zombie.

La "scoperta" delle nuove applicazioni ha da sempre rappresentato un grosso problema negli store virtuali delle piattaforme mobile, e all'aumentare del numero delle proposte (60.000 ne vengono aggiunte quotidianamente) sembrerebbe logico iniziare a sviluppare una soluzione innovativa, soprattutto per favorire la diffusione delle app dei piccoli programmatori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Unrealizer14 Luglio 2014, 08:40 #1
A parte che non capisco cosa c'entri WP all'inizio (comunque il numero è vicino al 300k, non 200...), è una cosa che si sapeva già da quasi due anni, però non mi aspettavo che il numero di app zombie fosse cresciuto tanto (a dicembre 2012 si stimavano in circa 450k, questa nuova stima è il doppio!)

D'altra parte è normale in un mercato così affollato, le nuove app fanno fatica ad emergere
DKDIB14 Luglio 2014, 08:54 #2
Nemmeno io capisco il riferimento a Windows Phone: le app zombie, per come vengono definite, sono una cosa fisiologica, sopra ad un certo quantitativo di app.

Fra l'altro, la definizione mi sembra parecchio restrittiva: considerando che le applicazioni nelle parti alte della classifica ben difficilmente ne usciranno, il riciclo c'è solo nella parte bassa e se un'app, per essere definita non-zombie, deve comparirvi per 20 giorni al mese, hai voglia...
devilred14 Luglio 2014, 09:08 #3
era ora che qualcuno dicesse le cose come stanno veramente. la verita' e' che su google play trovi sempre la copia della copia della copia, e' facile dire abbiamo milioni di app, poi in realta' non sono nemmeno il 40%.
andy4514 Luglio 2014, 09:08 #4
Le cancellassero, in fondo delle applicazioni mai viste o scaricate da nessuno non hanno ragione di esistere, renderebbero anche gli store più fruibili e "snelli"...e cmq è normale ce ne siano così tante, gli utenti scaricano solo quelle con il maggior numero di download, quindi le prime che si trovano di fronte e di conseguenza le più famose, non vanno di certo a scaricare l'ultima applicazione della lista, mai vista da nessuno e mai scaricata.
recoil14 Luglio 2014, 09:13 #5
mi sembra normale, sia per giochi che per app "generiche"
bastano poche calcolatrici, pochi calendari, poche app per prendere note, inutile averne 100 per tipo come accade ora

moltissime app che vengono pubblicate inoltre sono generate automaticamente dalla pagina facebook o dal sito mobile della società e sono inutili perché tanto vale andare sul sito se già ottimizzato per smartphone

anche la qualità di alcune app è abbastanza scadente e più che altro l'approvazione di quelle app inutili rallenta quella delle app serie, quindi se ce ne fossero meno sarebbe meglio più per noi sviluppatori che altro, l'utente quelle ciofeche probabilmente nemmeno le vede
Marok14 Luglio 2014, 09:50 #6
Articolo no sense.
Io farei più una stima di app doppie, non funzionanti o copiaticcio di altre, prima di questa categorizzazione che lascia il tempo che trova.

Ovvio che in classifica mi compaiano i giochini e le app di uso comune.

Il riferimento a wp oltre a non aver senso visto che questa cosa affligge pure questa piattaforma è anche controproducente visto in altri alricoli si confrontavano le app in voga del momento e la rispettiva controparte wp è rara.

In realtà quella parte del 70-80% di app è la vera forza, perchè fatta da quelle app non di uso comune e quindi solo chi ne ha bisogno le trova.

In questa categoria ricadono quasi tutte le app specialistiche e quelle di lavoro. Ad esempio nel mio lavoro sono disponibili app di case produttrici di reagenti e queste app hanno un bacino minuscolo, che solo chi ne ha bisongo le cerca, ma comunque ci sono.

Magari ci fossero anche per wp.
Mr_Paulus14 Luglio 2014, 10:10 #7
Originariamente inviato da: Marok
Articolo no sense.
Io farei più una stima di app doppie, non funzionanti o copiaticcio di altre, prima di questa categorizzazione che lascia il tempo che trova.

Ovvio che in classifica mi compaiano i giochini e le app di uso comune.

Il riferimento a wp oltre a non aver senso visto che questa cosa affligge pure questa piattaforma è anche controproducente visto in altri alricoli si confrontavano le app in voga del momento e la rispettiva controparte wp è rara.

In realtà quella parte del 70-80% di app è la vera forza, perchè fatta da quelle app non di uso comune e quindi solo chi ne ha bisogno le trova.

In questa categoria ricadono quasi tutte le app specialistiche e quelle di lavoro.
Ad esempio nel mio lavoro sono disponibili app di case produttrici di reagenti e queste app hanno un bacino minuscolo, che solo chi ne ha bisongo le cerca, ma comunque ci sono.

Magari ci fossero anche per wp.


.
diabolikum14 Luglio 2014, 10:31 #8
@Unrealizer

Cosa c'entra WindowsPhone? Semplice a creare la solita OS war, accesso al sito, e vendita di pubblicità. Un esempio classico di articolo markettaro per tirare acqua al mulino. E poi ci si chiede perchè si usi ADBLOCK nel modo più aggressivo possibile.
andy4514 Luglio 2014, 10:31 #9
Originariamente inviato da: Marok
In realtà quella parte del 70-80% di app è la vera forza, perchè fatta da quelle app non di uso comune e quindi solo chi ne ha bisogno le trova.

In questa categoria ricadono quasi tutte le app specialistiche e quelle di lavoro.


Solo una minima, forse infinitesima parte sono applicazioni specialistiche e di lavoro, la maggior parte è spazzatura.
Aenil14 Luglio 2014, 10:52 #10
Originariamente inviato da: Unrealizer
A parte che non capisco cosa c'entri WP all'inizio (comunque il numero è vicino al 300k, non 200...), è una cosa che si sapeva già da quasi due anni, però non mi aspettavo che il numero di app zombie fosse cresciuto tanto (a dicembre 2012 si stimavano in circa 450k, questa nuova stima è il doppio!)


Originariamente inviato da: DKDIB
Nemmeno io capisco il riferimento a Windows Phone: le app zombie, per come vengono definite, sono una cosa fisiologica, sopra ad un certo quantitativo di app.


nino style

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^