Eseguire app iOS su Android in codice nativo, possibile grazie a Cider

Eseguire app iOS su Android in codice nativo, possibile grazie a Cider

Sei studenti della Columbia University hanno realizzato un software in grado di eseguire applicazioni per iOS su un dispositivo Android. Al momento si tratta di un progetto embrionale, che comunque rappresenta un ottimo traguardo per gli studenti coinvolti

di Nino Grasso pubblicata il , alle 14:31 nel canale Telefonia
AndroidiOSApple
 

Sei studenti del Dipartimento di Informatica della Columbia University hanno mostrato un compatibility layer che consente l'esecuzione di codice nativo Objective C su dispositivi Android. Cider (in italiano Sidro, bevanda ottenuta dalla fermentazione alcolica delle Mele) non è infatti un emulatore o una virtual machine, ma un software che rende compatibile il codice nativo delle app di iPhone e iPad con i dispositivi basati sul sistema di Google.

Al momento si tratta di un proof-of-concept, ovvero di una prima versione embrionale funzionante solo relativamente. Applicazioni per iOS come Yelp o Apple Remote, ad esempio, funzionano, ma sono estremamente lente e riportano un consistente lag durante l'uso, come è possibile verificare nel video che i sei studenti hanno pubblicato, mostrando Cider su un Nexus 7.

Inoltre, le applicazioni per iOS non hanno accesso a gran parte dell'hardware installato sul dispositivo, come GPS, fotocamere, Bluetooth e connessione cellulare. Allo stato attuale si tratta di un prototipo, ancora lontano da una versione definitiva. Il software potrebbe indubbiamente maturare, ma probabilmente alcune limitazioni saranno difficili da aggirare.

Tuttavia, la caratteristica con cui Cider si distingue rispetto ad un tradizionale emulatore è quella di eseguire codice binario sviluppato per iOS senza avere la necessità di modificarlo per risultare compatibile con la piattaforma Android. Questo è possibile eseguendo codice binario interno e straniero sullo stesso dispositivo: Cider può copiare le librerie e i framework necessari di cui un'app ha bisogno, facendo credere alla stessa app che viene eseguita sul kernel XNU di Apple, piuttosto che sul kernel Linux di Android.

I sei studenti continueranno lo sviluppo di Cider, cercando di eliminare i compromessi a cui ad oggi la piattaforma deve sottostare. Uno studio encomiabile e di certo di non semplice fattura, che gli studenti hanno spiegato all'interno di questo documento tecnico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
floc15 Maggio 2014, 15:01 #1
carino anche se poco utile, pero' prevedo causa legale in 3 2 1...
Darkon15 Maggio 2014, 15:05 #2
Originariamente inviato da: floc
carino anche se poco utile, pero' prevedo causa legale in 3 2 1...


Non vedo proprio in che termini dato che eseguire quel tipo di codice non significa per forza rubare app iOS (almeno sulla carta).

Sarebbe come se facessero causa a windows perché può eseguire anche eseguibili in ambienti emulati.

È responsabilità solo dell'utente lanciare programmi di cui si ha legalmente diritto non certo dell'os o di chi crea un app che permette un determinato codice.
MCMXC15 Maggio 2014, 15:24 #3
Troveranno sicuramente un qualche appiglio legale per portar via loro anche le mutande se non si fermano all'istante!:/ Quantomeno Jobs lo avrebbe fatto, visto il suo dichiarato "odio totale" verso Android e l'intenzione di scatenare "una guerra termonucleare contro di esso" se la malattia non lo avesse fermato una volta per tutte!
Darkon15 Maggio 2014, 15:57 #4
Originariamente inviato da: MCMXC
Troveranno sicuramente un qualche appiglio legale per portar via loro anche le mutande se non si fermano all'istante!:/ Quantomeno Jobs lo avrebbe fatto, visto il suo dichiarato "odio totale" verso Android e l'intenzione di scatenare "una guerra termonucleare contro di esso" se la malattia non lo avesse fermato una volta per tutte!


Mah sarà ma stavolta penso che anche per Jobs sarebbe stata dura e alla fine secondo me potrebbe anche essere un vantaggio in termini di market:

"Vuoi provare l'emozione di una app iOS? Te la vendo o te la do per X giorni io (apple) stessa su android grazie all'emulatore e vedrai se poi non passi a iPhone."

Giusto per darti un'idea dello spot che potrebbero fare.

Alla fine dei giochi secondo me da questo "emulatore" hanno più da guadagnare che da perdere e potrebbe aprirglisi tutto un nuovo mercato.

Poi se vogliono l'ennesima guerra totale insensata facciano pure tanto il danno ormai è fatto... uscita l'app se è realmente utile ormai anche la bandissero dal market ufficiale la troverai sempre e comunque in giro.
frankie15 Maggio 2014, 16:12 #5
Io creerei una startup e mi farei acquisire da Apple
gd350turbo15 Maggio 2014, 16:15 #6
Originariamente inviato da: MCMXC
Troveranno sicuramente un qualche appiglio legale per portar via loro anche le mutande se non si fermano all'istante!:/ Quantomeno Jobs lo avrebbe fatto, visto il suo dichiarato "odio totale" verso Android e l'intenzione di scatenare "una guerra termonucleare contro di esso" se la malattia non lo avesse fermato una volta per tutte!


Da una compagnia che brevetta il rettangolo, mi aspetterei gli avvocati davanti alla porta un minuto dopo l'annuncio !
andbad15 Maggio 2014, 16:25 #7
Originariamente inviato da: gd350turbo
Da una compagnia che brevetta il rettangolo, mi aspetterei gli avvocati davanti alla porta un minuto dopo l'annuncio !


Querelare 6 studenti per un PoC?
Anche se avesse ragione Apple, sarebbe solo pubblicità negativa (e milioni di hacker lavorerebbero 23 ore al giorno per rendere il progetto perfettamente funzionante).

By(t)e
LMCH15 Maggio 2014, 22:14 #8
Originariamente inviato da: andbad
Querelare 6 studenti per un PoC?
Anche se avesse ragione Apple, sarebbe solo pubblicità negativa (e milioni di hacker lavorerebbero 23 ore al giorno per rendere il progetto perfettamente funzionante).


Esatto, allo stato attuale non è una minaccia per Apple e per querelare c'è sempre tempo.
Inoltre ci sono alternative migliori se si vuole sviluppare crossplatform.
Boscagoo17 Maggio 2014, 12:42 #9
Eccolo li...spunto per una nuova causa miliardaria inutile...
recoil19 Maggio 2014, 09:11 #10
sì ma le prestazioni?
capisco che può andare bene per piratare un gioco iOS su Android ma se gira lento tanto vale...

ormai gli sviluppatori hanno diversi framework per creare facilmente app compatibili con iOS, Android e WP quindi un emulatore del genere è un ottimo esercizio, complimenti agli studenti ma non credo che rivoluzionerà il mondo e non credo che per ora Apple farà causa dato che non è una minaccia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^