Al progetto Debian serve maggiore supporto

Al progetto Debian serve maggiore supporto

Nel corso di una mini conferenza su Debian GNU/Linux tenutasi all'Australian national Linux conference, Anbal Monsalve Salazar e Niv Sardi hanno criticato l'indifferenza delle grandi compagnie del settore nei confronti della popolare distribuzione

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Sistemi Operativi
 

Il progetto Debian GNU/Linux ha bisogno di maggiore supporto da parte delle compagnie. Questo è quanto emerso da una vivace discussione durante la Debian mini-conference tenutasi all'Australian national Linux conference.

Secondo Anibal Monsalve Salazar e Niv Sardi, due sviluppatori della popolare distribuzione Debian, le grandi aziende internazionali del settore sarebbero restie a supportare il progetto. Hewlett-Packard sarebbe una delle poche società a farlo, mentre altre compagnie molto quotate come Google, IBM e SGI, nonostante internamente utilizzino Debian, non forniscono alcun tipo di supporto.

Al progetto servirebbero uomini, soldi e infrastrutture. Salazar ha voluto aggiungere enfasi al discorso sottolineando che senza l'esistenza di Debian, alcuni prodotti come Ubuntu e Xandros non avrebbero mai visto la luce e non avrebbero ottenuto il successo commerciale di cui ora godono.

Sardi ha inoltre commentato che Debian non è molto appetibile per le compagnie a causa dell'irregolarità con cui le nuove versioni della distribuzione vengono rilasciate; con il supporto delle compagnie sarebbe possibile per gli sviluppatori mantenere aggiornati i pacchetti e fornire fix in tempi più ragionevoli. In tal senso però la comunità Debian si è dimostrata piuttosto scettica: la regolarizzazione dei tempi di rilascio è vista come fonte di possibili cali di stabilità e sicurezza, che da sempre contraddistinguono questa distribuzione.

Fonte: ITWire

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

119 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
]BlackWingAngel[04 Febbraio 2008, 13:12 #1
Beh è interessante vedere come su articoli che riguardano le schede video o i processori nuovi ci siano 2500 commenti inutili per di più e una cosa importante come questa venga lasciata a se stessa...

Signori l'opensource è il futuro... e se Debian ha dei problemi c'è seriamente da preoccuparsi.
outlaw1604 Febbraio 2008, 13:23 #2
L'open source è il futuro, ma le compagnia mirano solo a una cosa, profitto!
Peccato veramente che questi progetti non siano appoggiati come si deve nonostante il grande successo che stanno riscuotendo negli ultimi anni
davide8604 Febbraio 2008, 13:23 #3
Originariamente inviato da: ]BlackWingAngel[
Beh è interessante vedere come su articoli che riguardano le schede video o i processori nuovi ci siano 2500 commenti inutili per di più e una cosa importante come questa venga lasciata a se stessa...

Signori l'opensource è il futuro... e se Debian ha dei problemi c'è seriamente da preoccuparsi.



quoto..
non posso credere che neanche la Canonical finanzi Debian...
MiKeLezZ04 Febbraio 2008, 13:26 #4
Debian sta avendo le stesse problematiche che si attribuiscono a Windows: un elefante che non riesce ad esser aggiornato alle ultime novità
megawati04 Febbraio 2008, 13:27 #5
Semplicemente, le grandi compagnie NON puntano sulla qualità del software. Molto più redditizio farsi un buon ufficio marketing e vendere schifezze tirate su in quattro e quattr'otto. Micro$oft ci ha fatto i miliardi, così...
psimem04 Febbraio 2008, 13:30 #6
"...mentre altre compagnie molto quotate come Google, IBM e SGI, nonostante internamente utilizzino Debian, non forniscono alcun tipo di supporto."

Cimmo04 Febbraio 2008, 13:33 #7
Debian e' cosi', dentro e' troppo irregolare e rigida, e Ubuntu si' si basa su Debian, ma la sua fortuna la deve anche al fatto che ha messo appunto release ogni 6 mesi e l'utente finale piu' o meno al centro e non il geek di turno.

Debian si e' poi ingelosita degli utenti/successo/soldi di Ubuntu, ma cara Debian, non puoi mica pretendere che tutti gli utenti installino ancora i pacchetti con la console e cambino ogni file di configurazione a manina.
Gia' ancora certe cose non sono possibili su Ubuntu, ma ad ogni release migliorano qualcosa.

Ah la gelosia e l'invidia...
Cimmo04 Febbraio 2008, 13:37 #8
Originariamente inviato da: megawati
Semplicemente, le grandi compagnie NON puntano sulla qualità del software. Molto più redditizio farsi un buon ufficio marketing e vendere schifezze tirate su in quattro e quattr'otto. Micro$oft ci ha fatto i miliardi, così...


ah si tu hai lavorato in tutte le compagnie grandi per dirlo?
matic04 Febbraio 2008, 13:39 #9
Ma Debian non era la distribuzione dura e pura che non voleva a bordo nessuna riga di codice che non fosse open source? Io pensavo che l'interesse delle grandi compagnie fosse l'ultima cosa che interessasse loro...
Cimmo04 Febbraio 2008, 13:40 #10
Originariamente inviato da: matic
Ma Debian non era la distribuzione dura e pura che non voleva a bordo nessuna riga di codice che non fosse open source? Io pensavo che l'interesse delle grandi compagnie fosse l'ultima cosa che interessasse loro...


infatti si contraddicono da soli, vogliono fare i geek di turno, il programmatore che non deve chiedere mai, poi pero' sono invidiosi dei soldi e degli utenti di ubuntu.

Ridicolo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^