Intel annuncia l'Atom Developer Program

Intel annuncia l'Atom Developer Program

Una nuova iniziativa per supportare gli sviluppatori che vogliono realizzare applicazioni ottimizzate per sistemi netbook e, in futuro, smartphone e palmari

di pubblicata il , alle 09:12 nel canale Programmi
IntelAtom
 

L'Intel Developer Forum 2009 rappresenta lo scenario ideale per il lancio del nuovo Intel Atom Developer Program, un programma espressamente destinato agli sviluppatori che mette a disposizione una struttura per la creazione e la commercializzazione di applicativi per l'ambito netbook e, in prospettiva, per smartphone e palmari.

L'impatto dei processori Atom è infatti stato particolarmente importante, grazie ad una combinazione di caratteristiche di basso consumo, ingombri contenuti e bassi costi di produzione, che hanno consentito ai dispositivi Netbook di conoscere un impressionante successo.

Come tutti gli utenti che hanno già avuto modo di utilizzare quesi sistemi, spesso risulta difficile poter sfruttare i programmi pensati per computer di fascia più alta. Lo scopo dell'Atom Developer Program è quello di promuovere lo sviluppo di applicazioni specificatamente ottimizzate per l'ambito netbook e per portare in questo mondo applicativi che già oggi sono disponibili su tradizionali sistemi desktop e notebook.

Il programma Atom Developer Program supporterà più sistemi operativi e ambienti runtime, allo scopo di consentire un adeguato sviluppo di soluzioni multipiattaforma. In particolare viene offerto il supporto a Windows e a Moblin e a tecnologie quali Silverlight, Flash, Visual Studion e .NET.

Lo scopo del programma non è solamente quello di mettere gli sviluppatori nelle migliori condizioni per la realizzazione di nuove applicazioni, ma anche offrire un sistema per la commercializzazione delle stesse. Intel, a questo proposito, ha avviato una serie di collaborazioni con produttori OEM di sistemi notebook per la creazione di negozi virtuali dove le applicazioni verranno commercializzate, similmente a quanto avviene con App Store di Apple.

Presso il sito web appdeveloper.intel.com gli sviluppatori interessati potranno trovare tutte le necessarie informazioni per aderire al programma, così come i dettagli relativi al processo di validazione delle applicazioni. Attualmente è possibile inviare la domanda di adesione; i kit di sviluppo saranno invece distribuiti ai membri del programma alla fine dell'autunno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw23 Settembre 2009, 09:28 #1
App store ha coinvolto proprio tutti e ha cambiato davvero il concetto di mobile app... Vedo difficile però replicare in altre piattaforme il successo di Itunes oltre 100 mln di abbonati, prima con iPod quindi un sistema gia familiare a molti e, utilizzando la stessa login, si può accedere agli altri servizi e questo è stato devastante in senso buono. Non a caso pochi giorni fa Apple ha convalidato la cifra record di 1393 app in un solo giorno, quanto tutto lo store di Blackbarry.
Tuvok-LuR-23 Settembre 2009, 09:32 #2
io più che altro trovo scandaloso che non aggiornino questa cpu, la più inefficiente del pianeta, da oltre un anno, e almeno fino a metà 2010 non siano previsti sviluppi.
potere del monopolio
ATi750023 Settembre 2009, 09:47 #3
Originariamente inviato da: Tuvok-LuR-
io più che altro trovo scandaloso che non aggiornino questa cpu, la più inefficiente del pianeta, da oltre un anno, e almeno fino a metà 2010 non siano previsti sviluppi.
potere del monopolio


ma hai letto la news o ti sei alzato dal verso sbagliato stamane?
Atom e' inefficiente con le applicazioni programmate per CPU ben piu' potenti, o con software che di efficiente non hanno nulla (vedi Flash). Lo scopo di questo Atom Developer Program e' proprio quello di stimolare la creazione di programmi che sfruttino a pieno le capacita' (ridotte) dell'Atom.
Nui_Mg23 Settembre 2009, 11:03 #4
Bellissima notizia: si ritorna a programmare in ottica "spremitura"
filippo198023 Settembre 2009, 11:38 #5
Propongo di fare una nuova applicazione proprio adatta all'ATOM:
Avvii l'applicazione e ti fa scaldare così tanto il procio da far scoppiare il tutto con tanto di fungo ATOMico!
Che ne dite? ehehehehe
A parte questo, ben vengano programmi per migliorare l'efficienza dei software e presto avremo le versioni "light" delle applicazioni più importanti in modo da poter sfruttare meglio i netbook!
Chiancheri23 Settembre 2009, 12:18 #6
Originariamente inviato da: dwfgerw
App store ha coinvolto proprio tutti e ha cambiato davvero il concetto di mobile app... Vedo difficile però replicare in altre piattaforme il successo di Itunes oltre 100 mln di abbonati, prima con iPod quindi un sistema gia familiare a molti e, utilizzando la stessa login, si può accedere agli altri servizi e questo è stato devastante in senso buono. Non a caso pochi giorni fa Apple ha convalidato la cifra record di 1393 app in un solo giorno, quanto tutto lo store di Blackbarry.



apple non ha inventato proprio niente... sa però "rubare" le cose giuste, farle brillare agli occhi della gente e rivenderle care.

Il sistema di AppStore su linux esiste da tempi immemori, solo che sull'iphone tutti dicono "quanto è comodo installare la roba" su linux dicono il contrario perchè ovviamente chi usa un pc si aspetta di scaricare da internet i .exe e non di andare su un menu e spuntare i programmi.

E funziona uguale, aggiornamenti puntuali, download e installazione automatizzata, ecc... su linux funziona così anche per i driver, per il sistema, insomma per tutto e da una vita.

Poi su iphone sei vincolato allo store di apple, su linux dove sei libero di allacciarti anche al "repository" di tuo nonno per i programmi, senza nessuna limitazione sul contenuto dei programmi ovviamente....
v1doc23 Settembre 2009, 13:15 #7
La “average power” della prima slide è da dir poco ridicola: una “average CPU” del 2006 è mooolto più veloce dell’Atom.
E’ come confrontare una Panda del 2009 con una Ferrari F430 del 2006 e vantarsi perché la Panda consuma meno

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^