Google Chrome riduce drasticamente l'autonomia dei notebook

Google Chrome riduce drasticamente l'autonomia dei notebook

Secondo un nuovo report del Forbes, un bug del popolare browser di BigG sarebbe la causa di un consumo anomalo della batteria durante la sua esecuzione

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Programmi
Google
 

Un grave bug di Google Chrome potrebbe ridurre considerevolmente l'autonomia di un computer portatile basato su sistema operativo Windows. A fare luce sul fenomeno è Ian Morris del Forbes che consiglia l'uso di browser web alternativi fino alla correzione dell'errore nel codice.

Google Chrome

Perché succede? Il bug è relativo all'uso improprio di un'impostazione di sistema chiamata "system clock tick rate". In sostanza, all'esecuzione di Chrome viene imposto un parametro pari a 1,000ms, laddove il valore di idle per Windows è pari a 15,625ms. Per capire come questo possa avere una drastica corrispondenza con il consumo energetico maggiorato, entriamo nel dettaglio.

Un clock tick è essenzialmente l'intervallo di tempo in cui il sistema resta a riposo prima di ricercare nuovi eventi. Si tratta di un sistema che ha come fine ultimo l'ottenimento della massima efficienza, che permette di destinare la (scarsa) potenza computazionale richiesta altrove, o risparmiare sul consumo energetico. Per meglio capire l'entità del sistema di Chrome, basta tradurre rapidamente i numeri riportati poco sopra.

Quando l'intervallo è fissato a 1,000ms, il sistema ricerca nuovi eventi 1.000 volte al secondo, mentre se impostato a 15,625ms il processore si risveglia solamente 64 volte in un secondo. La stessa Microsoft sostiene che, impostando l'intervallo a 1,000ms, il consumo energetico potrebbe aumentare anche del 25%. Il comportamento di Chrome è anomalo, anche alla luce del modus operandi degli altri browser in commercio.

Internet Explorer e Firefox, tanto per citare i più noti, durante l'esecuzione mantengono il valore del system clock tick rate predefinito, portandolo a 1,000ms esclusivamente quando necessario. Ad esempio, il valore sarà modificato durante la riproduzione di un video su YouTube, mentre durante una sessione di navigazione su pagine prevalentemente testuali tornerà a 15,625ms.

Google Chrome, system clock tick rate

Con Chrome, il valore resta sempre fisso nella soglia più aggressiva, ed è proprio questo comportamento anomalo, secondo il Forbes, a causare un consumo anomalo, leggermente superiore rispetto a quello degli altri applicativi della categoria. Ian Morris ha cercato di quantificare l'impatto dell'uso di Chrome sulla durata dell'autonomia di un sistema, misurando con strumenti appositi il consumo energetico del proprio sistema fisso durante l'esecuzione del browser.

Se in idle il sistema mostrava un consumo fra i 12 e i 15W durante il test, lasciando in esecuzione Chrome il consumo toccava i 20W. Un problema sostanzialmente irrisorio in ambiente desktop che può trasformarsi in un enorme compromesso su un dispositivo mobile. Un compromesso a cui molti utenti non sarebbero disposti a scendere, se consapevoli.

Il bug è circoscritto esclusivamente alla versione di Chrome per Windows, gli utenti di sistemi Mac o Linux non dovrebbero pertanto avere problemi di alcuna natura, fra quelli descritti nella pagina. Inoltre, si tratterebbe di una problematica nota da anni, ma a cui Google non ha ancora prestato particolare attenzione.

Cosa possono fare quindi gli utenti di Google Chrome su dispositivi portatili? Non molto, al momento, se non usare un browser alternativo. È possibile, inoltre, contrassegnare questo post nel bug tracker con una stellina, in modo da "votare" lo stesso e renderlo più visibile agli occhi di BigG.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
laverita16 Luglio 2014, 10:25 #1
Mi sembra normale considerando che "sotto" chrome macina i nostri dati.
Dov'è il problema?
coschizza16 Luglio 2014, 10:32 #2
Originariamente inviato da: laverita
Mi sembra normale considerando che "sotto" chrome macina i nostri dati.
Dov'è il problema?


se fosse normale perche tutti gli altri browser a parita di contenuti e prestazioni si comportano diversamente?

è un bug evidente
PhoEniX-VooDoo16 Luglio 2014, 10:34 #3
credo che si riferisca ad altri dati
laverita16 Luglio 2014, 10:34 #4
Originariamente inviato da: PhoEniX-VooDoo
credo che si riferisca ad altri dati


coschizza16 Luglio 2014, 10:38 #5
Originariamente inviato da: PhoEniX-VooDoo
credo che si riferisca ad altri dati


ho capito
giovannifg16 Luglio 2014, 11:03 #6

MacBook Air

Nonostante l'articolo riporti che le versioni per Mac OS X non siano affette dal problema, io sul mio MacBook Air noto un sensibile calo nell'autonomia ogni volta che uso Chrome. Non mi riferisco a nessuna versione di Chrome in particolare, è un problema che ho sempre notato. Non ho mai misurato esattamente l'impatto in termini di minuti d'autonomia persi, ma è abbastanza evidente che Chrome consumi di più di, ad esempio, Safari. Non so quale sia la causa, ma il problema per me è evidente anche su Mac OS X.
calabar16 Luglio 2014, 11:09 #7
Qualcosa non torna con i conteggi:

"Quando l'intervallo è fissato a 1.000ms, il sistema ricerca nuovi eventi 1.000 volte al secondo, mentre se impostato a 15.625ms il processore si risveglia solamente 64 volte in un secondo. "

Le cose sono due:
- o l'intervallo non è in millisecondi ma in microsecondi.
- o la ricerca di nuovi eventi avviene 1 volta al secondo nel caso di Crome e circa 15 volte più lentamente in condizioni normali.

La prima ipotesi mi pare più plausibile, qualcuno può confermare/smentire?
gpat16 Luglio 2014, 11:12 #8
Originariamente inviato da: giovannifg
Nonostante l'articolo riporti che le versioni per Mac OS X non siano affette dal problema, io sul mio MacBook Air noto un sensibile calo nell'autonomia ogni volta che uso Chrome. Non mi riferisco a nessuna versione di Chrome in particolare, è un problema che ho sempre notato. Non ho mai misurato esattamente l'impatto in termini di minuti d'autonomia persi, ma è abbastanza evidente che Chrome consumi di più di, ad esempio, Safari. Non so quale sia la causa, ma il problema per me è evidente anche su Mac OS X.


Quoto. Anche io con Macbook Air, il consumo con Chrome mi sembra sensibilmente superiore.
kesy8516 Luglio 2014, 11:16 #9
Concordo con giovannifg, anche su Mac, magari sarà un problema diverso, ma chrome consuma molta più batteria e non solo... la versione ad alta risoluzioe di Chrome (retina) su qualsiasi sito con uno scrolling leggermente differente dallo standard (parallax ad esempio) ha performance inferiori di decine di volte rispetto a quelle di altri browser, fino ad andare vistosamente a scatti mentre in safari lo stesso sito offre un esperienza fluida.

Tutta questa fatica a far spostare gli utenti da ie7 a chrome e adesso ci toccherà farli tornare da chrome a safari e IE11, imbarazzante.
Pier220416 Luglio 2014, 11:19 #10
Da quella volta che mi si è installato da solo perché non ho tolto la spunta all'aggiornamento di Flash, che con chrome centra un c... l'ho tolto da tutto quello che ho senza rimpianti, vedo che ho fatto bene.
Per Mac non lo so, ma per Windows i migliori si chiamano IE e Firefox

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^