Strix Point, anche AMD adotterà un progetto ibrido per i processori del futuro?

Strix Point, anche AMD adotterà un progetto ibrido per i processori del futuro?

Un'indiscrezione dalla Cina riporta che anche AMD salterà sul treno delle architetture ibride dal 2024 con Strix Point, una APU che farà parte della gamma Ryzen 8000 in arrivo nel 2024. Si prevedono 8 core Zen 5 ad alte prestazioni affiancati a 4 core più efficienti, il tutto prodotto a 3 nanometri.

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Processori
AMDRyzenZen
 

Intel ha iniziato ad approcciare il mondo delle architetture ibride con Lakefield lo scorso anno, ma sarà solo con Alder Lake, nei prossimi mesi, che vi sarà un'adozione decisa di questa filosofia di progettazione in ambito desktop e mobile. Con architettura ibrida s'intende un chip che vede la presenza sia di core ad alte prestazioni cha a basso consumo (o maggiore efficienza), come da anni vediamo in ambito smartphone con il progetto Big.LITTLE di ARM.

Per il mondo x86 si tratta di una grande svolta, e sarà interessante vederne i risultati in termini di prestazioni e consumi. Certo, nulla impedirà a Intel di selezionare solo core ad alte prestazioni per coprire con modelli ad hoc determinati segmenti di mercato, ma dovremo abituarci a vedere configurazioni tra le più disparate, anche in termini di rapporto tra core e thread.

In molti si chiedono se la strada dell'architettura ibrida sarà battuta anche da AMD e in passato un brevetto ha lasciato intendere che l'idea circola nei laboratori dell'azienda. Joe Macri, vicepresidente e Product CTO, fece in seguito capire che AMD non è contraria a questa evoluzione, ma se l'adotterà lo farà solo quando il software sarà in grado di gestire adeguatamente i processori ibridi (ripartendo correttamente il lavoro tra i diversi core) e, di conseguenza, restituire un beneficio all'utente finale.

In queste ore, un sito cinese racconta che AMD adotterà un'architettura ibrida con i core Zen 5 nel 2024, e più precisamente si parla di un processore chiamato Strix Point realizzato a 3 nanometri e parte della gamma Ryzen 8000. Si tratterebbe di una APU che, accanto alla GPU, vedrebbe 8 core ad alte prestazioni Zen 5 affiancati da 4 core pensati per una migliore efficienza (l'architettura non è nota). Vi saranno inoltre "importanti cambiamenti" per quanto concerne il sottosistema di memoria, quindi cache e controller di memoria.

Si tratta della classica indiscrezione non verificabile o nemmeno eccessivamente commentabile, in quanto si parla di progetti così lontani nel tempo che non è possibile aggiungere altro, se non ribadire che AMD all'idea del processore ibrido ci ha pensato e non l'ha derubricata in modo categorico. Potrebbe quindi essere una notizia vera oppure una bufala, di fatto oggi gli unici che lo sanno davvero sono i progettisti e i dirigenti dall'azienda statunitense.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gello28 Aprile 2021, 12:22 #1
[Si tratta della classica indiscrezione non verificabile o nemmeno eccessivamente commentabile, in quanto si parla di progetti così lontani nel tempo che non è possibile aggiungere altro, se non ribadire che AMD all'idea del processore ibrido ci ha pensato e non l'ha derubricata in modo categorico. Potrebbe quindi essere una notizia vera oppure una bufala, di fatto oggi gli unici che lo sanno davvero sono i progettisti e i dirigenti dall'azienda statunitense.]

LoL quanta qualita'
Manolo De Agostini28 Aprile 2021, 14:13 #2
Originariamente inviato da: Gello
[Si tratta della classica indiscrezione non verificabile o nemmeno eccessivamente commentabile, in quanto si parla di progetti così lontani nel tempo che non è possibile aggiungere altro, se non ribadire che AMD all'idea del processore ibrido ci ha pensato e non l'ha derubricata in modo categorico. Potrebbe quindi essere una notizia vera oppure una bufala, di fatto oggi gli unici che lo sanno davvero sono i progettisti e i dirigenti dall'azienda statunitense.]

LoL quanta qualita'


Beh, cosa vuoi dire di altro? Non c'è da far qualità, un rumor è un rumor, o non lo riporti o lo riporti. Questo però lancia un'informazione che, se vera, è interessante. Ne scarto tanti, non li riporto tutti, ma questo pare comunque interessante.
rockroll28 Aprile 2021, 14:21 #3
Originariamente inviato da: Gello
[Si tratta della classica indiscrezione non verificabile o nemmeno eccessivamente commentabile, in quanto si parla di progetti così lontani nel tempo che non è possibile aggiungere altro, se non ribadire che AMD all'idea del processore ibrido ci ha pensato e non l'ha derubricata in modo categorico. Potrebbe quindi essere una notizia vera oppure una bufala, di fatto oggi gli unici che lo sanno davvero sono i progettisti e i dirigenti dall'azienda statunitense.]

LoL quanta qualita'


Bah, non è da queste pensate di tendenza che intravedo qualità, ma la giudico da tutto un insieme di fattori, e comunque essa sempre va rapportata col costo (reale) del prodotto.
Resto sempre dell'idea che le soluzioni ibride hanno senso solo dove è fortemente richiesto un basso consumo, ovvero nelle apparecchiature mobili, e che comunque il risparmio energetico che ne deriva, a fronte di una maggior complessità HW/SW, è di poco conto.
Molto più incisivi sono i vantaggi dell'adozione dei 3 nm, che oltretutto agiscono sull'abbattimento di consumi (e di calore dissipato) in modo assai più consistente.
Staremo a vedere quanti saranno pronti ad affermare a prescindere che i 3 nm di TSMC non varranno quanto i 5 se non 7 nm di Intel, quando ci saranno.
Phopho28 Aprile 2021, 14:35 #4
Originariamente inviato da: rockroll
CUT
Staremo a vedere quanti saranno pronti ad affermare a prescindere che i 3 nm di TSMC non varranno quanto i 5 se non 7 nm di Intel, quando ci saranno.


puoi scommettere che c'è e ci sarà sempre la fila dei paladini blu, come i rossi e i verdi. chissà poi con che ritorno...
nickname8828 Aprile 2021, 14:43 #5
Va bene tutto, basta che ci sia la reperibilità
Manolo De Agostini28 Aprile 2021, 14:44 #6
Originariamente inviato da: nickname88
Va bene tutto, basta che ci sia la reperibilità


Spero che per il 2024 lo shortage sia un ricordo...
Gello28 Aprile 2021, 16:03 #7
Originariamente inviato da: rockroll
Bah, non è da queste pensate di tendenza che intravedo qualità, ma la giudico da tutto un insieme di fattori, e comunque essa sempre va rapportata col costo (reale) del prodotto.
Resto sempre dell'idea che le soluzioni ibride hanno senso solo dove è fortemente richiesto un basso consumo, ovvero nelle apparecchiature mobili, e che comunque il risparmio energetico che ne deriva, a fronte di una maggior complessità HW/SW, è di poco conto.
Molto più incisivi sono i vantaggi dell'adozione dei 3 nm, che oltretutto agiscono sull'abbattimento di consumi (e di calore dissipato) in modo assai più consistente.
Staremo a vedere quanti saranno pronti ad affermare a prescindere che i 3 nm di TSMC non varranno quanto i 5 se non 7 nm di Intel, quando ci saranno.


rock sto quotando un pezzo dell' "articolo", il mio commento non era riferito all'hardware di cui non sappiamo niente, mi sembra chiaro.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^