Guida all'acquisto - Monitor

Con la grande varietà di dimensioni, tecnologie, formati e prezzi esistenti sul mercato, la scelta del monitor adatto alle proprie esigenze non è impresa facile. Come possiamo essere in grado di gestire la proverbiale coperta corta e individuare ciò che davvero fa per noi acquistando la soluzione migliore e spendendo il giusto, in accordo con il nostro budget? Bisogna fare chiarezza e partire anzitutto dal delineare quali siano le reali esigenze.

Partiamo da un caso comune: siamo un utente senza particolari esigenze e cerchiamo il cosiddetto "monitor tuttofare". Non abbiamo nessuna tendenza di specializzazione particolare e usiamo il computer per fare di tutto un po': giocare, scrivere, navigare sul web, guardare video e ritoccare qualche fotografia. Non avendo un impiego d'elezione il consiglio che si può dare è quello di puntare alla versatilità e badare alla presenza di alcune funzionalità utili (per esempio la riduzione della luce blu, per la salute dei nostri occhi). Si preferità quindi un monitor che abbia un buon comportamento su vari fronti così da non penalizzare nessuno dei nostri impieghi. Se invece il nostro "di tutto un po'" ha comunque delle preferenze specifiche allora si potranno seguire le indicazioni che seguono e destinate ai monitor professionali.

Siete, invece, un accanito videogiocatore? Allora la nostra guida ai monitor gaming è quello che fa per voi!

Se il monitor che state cercando è per uso professionale, vuol dire che già avete le idee chiare sulla sua destinazione d'uso. In generale un monitor professionale dovrà avere una gestione del colore eccellente (profilo colore ampio ed elevata fedeltà e precisione cromatica), una corretta progressione tonale (quindi una curva di gamma fedele al riferimento, con eventualmente anche la possibilità di scegliere curve diverse), un elevato rapporto di contrasto e una ampia possibilità di regolazione dei parametri perché sia possibile calibrarlo al meglio.

Veniamo ora ai dettagli più tecnici. A cosa prestare attenzione?

Risoluzione

Sul mercato si possono trovare svariate risoluzioni, ma partiamo da un assunto. Non ha senso, oggi, scendere al di sotto del Full HD (1920x1080 pixel): è la risoluzione che ci permette di fare davvero tutto ad una qualità apprezzabile ed è gestibile se tra le nostre varie attività ci sono anche i videogiochi senza pretese. All'altro capo c'è la risoluzione 4K che è adatta per chi ha esigenze un po' più elevate per quanto riguarda la visione di video o che può essere utile per coloro i quali utilizzano un monitor per scopi professionali di produzione di contenuti video. Nel mezzo ci sono tante alternative. Tenete presente un principio fondamentale: se volete fruire di contenuti nativi Full HD o 4K allora è opportuno scegliere un monitor non superiore a queste risoluzioni per prevenire eventuali perdite di qualità dovute ad algoritmi di upscaling poco performanti. Se invece avete bisogno di lavorare su contenuti, è sempre opportuno scegliere risoluzioni leggermente maggiori: così potremo lavorare sul contenuto alla sua piena risoluzione e disporre dello spazio aggiuntivo per gli strumenti del software che stiamo usando (per esempio i pannelli di Photoshop o di Premiere).

Tecnologia del pannello

Per lo più i monitor oggi in commercio sono di tipo LCD, a cristalli liquidi. Vi sono tre tipologie in particolare, indicate da tre diverse sigle: IPS, TN e VA.

  • IPS sta per In-Plane Switching, un nome che deriva dal fatto che le molecole di cristallo si muovono parallelamente al pannello e non perpendicolarmente. I monitor IPS solitamente si caratterizzano per ottimi angoli di visione e migliore riproduzione dei colori, ma pagano dazio in termini di tempi di risposta, di solito allineati sui 4 o 5 millisecondi.
  • I TN (o Twisted nematic), invece, sono meno competitivi su questi fronti, ma hanno tempi di risposta più rapidi, anche di un millisecondo.
  • I pannelli VA (Vertical Alignment) presentano caratteristiche miste rispetto alle due tecnologie precedenti, ovvero buoni tempi di risposta al cospetto di una fedeltà cromatica non così sacrificata come per i TN

I pannelli TN vanno scelti solamente se il tempo di risposta è un'esigenza primaria (ma allora siete videogiocatori competitivi, e quindi vi rimandiamo nuovamente alla nostra guida sui migliori monitor per videogiocatori) oppure in caso di budget davvero limitato. In generale se non ci sono esigenze particolari in termini di fedeltà cromatica i pannelli VA sono degli ottimi tuttofare, mentre invece per utilizzi professionali dove il colore è un elemento fondamentale del vostro lavoro allora la scelta obbligata è per i pannelli IPS.

Dimensioni e formato

Le dimensioni del monitor che stiamo cercando sono ovviamente vincolate allo spazio che abbiamo a disposizione. Ad oggi tuttavia è sconsigliabile (e anche difficile, considerando cosa esiste sul mercato) scendere al di sotto dei 22 pollici di diagonale. All'altro capo ci sono monitor anche da 49 pollici ultrawide, che sono una soluzione ottima per chi necessita di grandi spazi di lavoro. La dimensione di un monitor e la risoluzione sono aspetti che andrebbero considerati insieme: una grande diagonale e una bassa risoluzione hanno come risultato il mettere in evidenza la matrice di pixel, con una definizione non ottimale.

Spazio colore, profondità e fedeltà cromatica

Lo spazio colore di un monitor indica quanti e quali colori il monitor è in grado di riprodurre. Anche in questo caso avremo a che fare con sigle: sRGB, Adobe RGB, DCI-P3. Se non dobbiamo svolgere produzione professionale di contenuti grafici, foto o video allora scegliamo un monitor con spazio colore sRGB. Se invece siamo votati alla grafica e al fotoritocco o alla produzione video, allora orientiamoci su DCI-P3 e Adobe RGB. Sul fronte della profondità cromatica i pannelli a 8-bit vanno benissimo per gli impieghi più comuni, quelli a 10-bit sono indicati per l'uso professionale. Se siete poi alla ricerca di un monitor con una fedeltà cromatica elevata cercate quelli - se dichiarato - con un valore di ∆E (o DeltaE) il più basso possibile.

Monitor tuttofare Full HD

HP 22 W

offerte
HP 22W
Pannello LCD - IPS Risoluzione Full HD - 1920x1080 Dimensioni 21,5 pollici Connessioni 1xVGA, 1xHDMI

HP 22 W è il perfetto monitor tuttofare o muletto: ha un costo contenuto, una buona versatilità e una compattezza che gli permettono di essere installato in quasi ogni situazione. Se avete limitazioni di spazi e budget è la scelta ideale ad un rapporto qualità-prezzo imbattibile. L'unico limite sono le connessioni, ma la presenza di una porta HDMI assicura comunque una corretta flessibilità d'impiego.

Monitor Multimediale Full HD

Samsung C27F396
Pannello LCD - VA Risoluzione Full HD - 1920x1080 Dimensioni 27 pollici, curvo Connessioni 1xVGA, 1xHDMI

Aumentando un po' il budget si può acquistare, sempre nel dominio delle soluzioni Full HD, questa soluzione di Samsung dalle maggiori dimensioni, con pannello curvo per un maggior effetto immersivo, e dotato inoltre di tecnologie di risparmio energetico e di soluzioni per prevenire l'affaticamento oculare. Si tratta di un monitor perfetto per l'utente che spazia su svariati impieghi: dalla fruizione di contenuti, ai videogiochi casual, alla produzione a livello hobbystico e non è interessato alle risoluzioni Ultra HD. L'unico neo è l'assenza della connessione DisplayPort, ma ci sembra un malus assolutamente accettabile.

Monitor 4K per Netflix

LG 27UL500

offerte
LG 27UL500
Pannello LCD - VA Risoluzione 4K - 3840x2560 Dimensioni 27 pollici Connessioni 2xHDMI, 2xDisplayPort

Nel caso in cui si desiderasse un monitor 4K con funzionalità HDR, anche in questo caso non per impieghi professionali, la soluzione di LG ha tutte le carte in regola per rappresentare una scelta ideale. Si rivela adatto per la visione di contenuti UHD - come quelli disponibili sui servizi di streaming e su YouTube - può essere utilizzato per giocare con le console di ultima generazione e non disdegna comunque attività di produzione contenuti a livello hobbistico. Anche in questo caso il rapporto qualità prezzo è vantaggioso, per uno schermo di qualità.

Monitor QDH

AOC Q2790PQU
Pannello LCD - IPS Risoluzione QHD - 2560x1440 Dimensioni 27 pollici Connessioni 2xHDMI, 1xDisplayPort, 4xUSB 3.0

Chi è invece alla ricerca di un monitor per impieghi prosumer, o anche professionali ma a limitato budget, può orientarsi verso la proposta di AOC che offre risoluzione quad-HD e un pannello IPS di ottima qualità. Le cornici sono sottili, adatte quindi a configurazioni multi-monitor, e la presenza di un hub integrato di porte USB 3.0 conferisce versatilità. Spazio colore Wide Color Gamut, ideale proprio per attività di produzione prosumer/professionale.

Monitor 4K per professionisti

BenQ PD3200U
Pannello LCD - IPS Risoluzione 4K - 3840x2160 Dimensioni 31,5 pollici Connessioni 2xHDMI, 1xDisplayPort, 1xMiniDisplayPort, 4xUSB 3.0

Per il professionista che ricerca un monitor di alta qualità, elevati livelli di fedeltà cromatica, flessibilità d'impiego grazie a numerosi preset presenti e, assieme a tutto questo, grandi dimensioni e risoluzione 4K, la proposta di BenQ è una scelta obbligata. Il prezzo è elevato, ma ben commisurato alle caratteristiche di questo monitor che offre, tra l'altro, una buona versatilità in quanto a connessioni. Interessante la presenza di un piccolo accessorio, l'Hotkey Puck, che permette di accedere agevolmente alle impostazioni dello schermo.

Monitor 4K per produzione video

EIZO ColorEdge CG319X
Pannello LCD - IPS Risoluzione 4K - 4096x2160 Dimensioni 31,1 pollici Connessioni 2xHDMI, 2xDisplayPort

Per le produzioni professionali di alto livello è necessario affidarsi a strumenti solidi e di comprovata qualità. La proposta EIZO che selezioniamo ha tutte le carte in regola per rispettare i requisiti più stringenti e severi: ampie dimensioni, risoluzione 4K, pannello IPS, fedeltà cromatica vicina alla perfezione e, ciliegina sulla torta, sensore di calibrazione integrato. E' un prodotto che si propone a chi non può scendere a compromessi per produzioni video e foto di qualità.

Monitor panoramico dual QHD

Philips 499P9H/00
Pannello LCD - VA Risoluzione doppia QuadHD 5120x1440 Dimensioni 48,8 pollici Connessioni 2xHDMI, 2xDisplayPort

La proposta Philips è invece una soluzione insolita per chi ha bisogno di un ampio spazio di lavoro, ma magari non ha la possibilità di utilizzare configurazioni multi-monitor o preferisce non dover perdere tempo a configurare e calibrare più monitor per avere la stessa resa cromatica. In questo caso è come disporre di due monitor QuadHD affiancati, con la possibilità di separare virtualmente l'area di lavoro e sfruttarla come fossero due monitor distinti. Certo è un po' ingombrante, ma si rivela davvero versatile.

Qualora avessi segnalazioni specifiche sui prodotti presenti in questa guida, o su altri che ritieni meritevoli di inserimento in questa pagina, sei pregato di inviare una mail alla redazione utilizzando questo link.
^