HighPoint Serial ATA/RAID Controller

HighPoint Serial ATA/RAID Controller

Xbitlabs segnala la produzione di due controller RAID SerialATA da parte di HighPoint

di pubblicata il , alle 15:48 nel canale Storage
 
Xbitlabs ha pubblicato una news riguardante la presentazione, da parte di HighPoint, di due controller RAID dotati di intervfaccia Serial ATA, nuovo standard che prenderà il posto dell'EIDE.

Già, peccato che non esistano ancora in commercio hard disk dotati di tale interfaccia allo stato attuale...

La presentazione ci sembra quantomeno prematura: sicuramente qualche mese dovrà passare prima di poter parlare di nuovo standard applicato nel mondo reale.

I controllers oggetto di questa news sono i modelli HighPoint RocketRAID 1520 e RocketRAID 1540 rispettivamente a due e quattro periferiche collegabili. Allo stato attuale non è ancora possibile sapere di più. Vedremo nei mesi seguenti, quando si potrà testare con prove pratiche l'interfaccia SerialATA.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mech17 Giugno 2002, 16:29 #1
"Già, peccato che non esistano ancora in commercio hard disk dotati di tale interfaccia allo stato attuale..."
Qualcuno doveva pur cominciare a mettere in listino qualcosa...
Magari Seagate metterà i suoi hdd s-ata tra poco... :o
csteo17 Giugno 2002, 17:03 #2
Peccato che poi la meccanmica non sta dietro all'interfaccia e allora si ritorna al punto precedente

Mi chiedo cosa serva un test se si è gia visto che tra ata100 e ata133 non c'era un ceppo di dofferenza
Mattlab17 Giugno 2002, 17:49 #3
D'accordo con csteo, mi sembra che l'elettronica si un po' troppo avanti alla meccanica, cosa alquanto inutile e magari anche costosa...
metrino17 Giugno 2002, 17:59 #4
Non sono completamente d'accordo con voi. Come mai allora un HD SCSI e' piu' veloce di un ATA anche a 7200rpm? E comunque non e' possibile che ancora oggi se devi trasferire piu' file di gorsse dimensioni, windows va un po' a scatti (non tanto ma si nota)!
--||ONLY-AMD||--17 Giugno 2002, 18:58 #5
si ma c'è sempre la meccanica che fa la diff!!!
credi che abbiamo chip e "motori" uguali??
la meccanica di uno scsi è mooolto + complessa
xkè credi che l'ide sia fermo a 7200rpm/ATA133 e lo scsi a 15000rpm/UWS320?
Dreadnought17 Giugno 2002, 19:10 #6
x Metrino: con lo SCSI no, con l'ata si che hai gli scatti, perchè assorbe molta più potenza della CPU di quanto dichiarato in genere dai costruttori.

x Only AMD: La meccanica SCSI è a volta pure identica a quelli ATA, l'interfaccia la fa per la maggiore, infatti l'ATA è troppo vincolata al bus, alla cpu e ha sempre poca banda disponibile
Pinco Pallino #117 Giugno 2002, 20:01 #7
Penso che non avete presente come si collegano le unita` con il serial ATA.
E` la fine degli scomodissimi cavi odierni.
Secondo me, solo questo vale l'introduzione di questo standard.
+Benito+17 Giugno 2002, 21:35 #8
a proposito di scsi, avete presente che sono attaccati a dei cosi chiamati controller, che hanno a volte piu' ram di quanta ce n'e' su un pc normale? sfido che non rallentino win! Pero' io quella del sata la vedo come una novita' di importanza enorme per 2 motivi:

A) in attesa dello sviluppo della meccanica, oramai non piu' cosi' lontana dal limite, pena l'affidabilita' dei dischi, pone una solida base come interfaccia

B) si tende a costruire pc compatti con tutto integrato, non avere i cavoni ide migliora le cose in maniera disarmante, specialmente poi per chi ha magari un ata-raid con quattro dischi.... e poi e' la gioia del raffreddamento non avere le piattine tra i piedi, il modding puo' spaziare in tutto il case con i cavi fuori dai piedi...spero che i miei prossimi dischi siano sata, e spero che prima di Natale tutti i produttoriabbinao a listino modelli sata, sono ormai due o tre anni che lo studiano, sarebbe ora di buttare fuori qualcosa, anche ovviamente come schede madri
Sig. Stroboscopico17 Giugno 2002, 23:30 #9
speriamo che siano reperibili anche i controller pci... i 133 mi pare che in italia non si siano mai visti

comunque grazie a dio ci togliamo dai piedi i cavi ata 100... certo, spero che i sata arrivino almeno a 90 cm (come reperibilità
Kilo18 Giugno 2002, 01:33 #10
Quel "coso" chiamato controller insieme all'elettronica dei dischi fa la differenza...
Le periferiche SCSI grazie all'elettronica possono essere fino a 15 sulla stessa catena (contro le due IDE), possono sfruttare meglio la banda e accodare le informazioni in base a delle priorità, ottimizzando tempi di lettura, tempi di trasferimento e non gravano sul processore (di fatto l'elaborazione delle sincronizzazioni avviene nel processore dedicato del controller, il quale ha un suo bios e delle sue routine di configurazione).
Montare meccaniche da 10 o 15mila giri su dischi IDE non darebbe un vantaggio in termini di prestazioni commisurato all'aumento dei costi.
Le meccaniche sono perfettamente uguali, motore di rotazione, testine e servo-testine (ovviamente a parte le ottimizzazioni per il numero di giri decisamente + elevato). A parità di numero di giri e cache del disco, utilizzando un singolo disco, le prestazioni sono perfettamente uguali, tranne che per una minore occupazione di processore.

Ben venga il serial ata... in fondo per le prestazioni ci bastava anche l'Ata66, ma volete mettere la comodità di non avere + flat in giro! ::-):
A dire la verità avrei preferito pure l'eliminazione del molex dai dischi e alimentazione attraverso il controller (con molex collegato sul controller) ma probabilmente i consumi degli HD presenti e futuri potrebbero cuocerlo in un attimo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^