Microsoft, ufficiale. Il file system exFAT arriverà anche su Linux

Microsoft, ufficiale. Il file system exFAT arriverà anche su Linux

Microsoft ha rilasciato la documentazione del file system proprietario exFAT in modo tale che possa essere utilizzato anche dalla community Linux

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftLinux
 

Microsoft ha annunciato che supporterà l'aggiunta del file system exFAT sul kernel Linux. Si tratta del file system successore del FAT32, ed è utilizzato nativamente nelle vecchie versioni di Windows, sulle schede SD, i drive flash e su molte altre unità di archiviazione. È la base portante del fatto che, secondo Microsoft, molte periferiche funzionano sin da subito non appena vengono inserite su laptop, fotocamere e automobili.

Microsoft ama Linux

L'azienda di Redmond vuole che anche la community Linux possa utilizzarlo senza problemi, e per far ciò ha rilasciato le specifiche di exFAT (la documentazione può essere trovata qui, nella sua interezza). Rispetto al tradizionale FAT32 il vantaggio più evidente per l'utente finale è la dimensione estesa dei singoli file: essendo FAT32 a 32-bit, infatti, non può supportare file di dimensioni superiori a 4GB, mentre exFAT pone quel limite a 16EB.

Il supporto al FAT32 è presente praticamente su tutti i dispositivi, soprattutto per via della sua "età". Tuttavia con la diffusione di contenuti sempre più pesanti in fatto di dimensioni sul disco (come ad esempio video ad alta definizione) i limiti del vecchio file system stanno diventando sempre più pesanti. Ed è per questo che è giusto lasciar spazio ad altri file system più efficaci in tal senso, con exFAT che è certamente fra le alternative più ovvie.

exFAT è l'acronimo di Extended File Allocation Table, e viene raramente chiamato FAT64. Nato nel 2006 con Windows Embedded CE 6.0 (e introdotto in Windows Vista SP1 e Windows XP tramite un aggiornamento), ha avuto fin dagli albori l'obiettivo di porsi come alternativa al FAT32 sulle unità di archiviazione dalle dimensioni contenute (e dove NTFS risultava poco sfruttabile). Ad oggi è il file system standard sulle SD da 32GB o superiori.

Sia chiaro che exFAT rimarrà un file system proprietario, visto che Microsoft non lo sta proponendo come tecnologia open source. Stando a quanto dichiarato ufficialmente, inoltre, Microsoft vorrebbe che un kernel Linux con il supporto a exFAT venisse incluso in una revisione futura del Linux System Definition dell'Open Invention Network.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
omerook31 Agosto 2019, 10:11 #1
Ma perché non ficcano loro il supporto ext4 nel kerel Windows? Perché non lo fa pure Apple su osx ? Non facciamo prima?
silviop31 Agosto 2019, 10:26 #2
Originariamente inviato da: omerook
Ma perché non ficcano loro il supporto ext4 nel kerel Windows? Perché non lo fa pure Apple su osx ? Non facciamo prima?

Windows ha i gli IFS , quindi la verita' e' che nessuno si e' mai sbattutto per fare un driver affidabile per ext4 se volgiamo dirla tutta!!
unnilennium31 Agosto 2019, 10:48 #3
sarebbe interessante sapere che tipo di implementazione ha in mente microsoft per includere il supporto exfat nel kernel linux, considerando che su linux già esiste un'alternativa open, che funziona, anche se con delle limitazioni, e su android il supporto nativo lo hanno messo quasi tutti i produttori, se non tutti ormai, quindi in realta l'implementazione esiste già, e sicuramente è uno dei motivi per cui microsoft si becca tutti quei soldi dai produttori.
Phoenix Fire31 Agosto 2019, 10:54 #4
Originariamente inviato da: unnilennium
sarebbe interessante sapere che tipo di implementazione ha in mente microsoft per includere il supporto exfat nel kernel linux, considerando che su linux già esiste un'alternativa open, che funziona, anche se con delle limitazioni, e su android il supporto nativo lo hanno messo quasi tutti i produttori, se non tutti ormai, quindi in realta l'implementazione esiste già, e sicuramente è uno dei motivi per cui microsoft si becca tutti quei soldi dai produttori.


di base credo che ogni prodotto android con supporto a fat venduto, dia uno o due dollari minimo a MS
Totix9231 Agosto 2019, 12:57 #5
Ma non capisco, già tutti gli smartphone Android hanno nel sistema il driver exfat.ko
Anche vari OS Linux desktop ce l'hanno, anche i NAS Synology, anche se lì devi pagare per sbloccarne il funzionamento.
Ma ciò in ogni caso vorrà dire che ad esempio Synology non farà più pagare la licenza d'uso?
Unrealizer31 Agosto 2019, 18:54 #6
Originariamente inviato da: unnilennium
sarebbe interessante sapere che tipo di implementazione ha in mente microsoft per includere il supporto exfat nel kernel linux, considerando che su linux già esiste un'alternativa open, che funziona, anche se con delle limitazioni, e su android il supporto nativo lo hanno messo quasi tutti i produttori, se non tutti ormai, quindi in realta l'implementazione esiste già, e sicuramente è uno dei motivi per cui microsoft si becca tutti quei soldi dai produttori.


Non svilupperanno loro un'implementazione per Linux: quel che hanno detto è più o meno "eccovi le spec ufficiali, se qualcuno vorrà fare un'implementazione 100% corretta basata su questo a noi starà bene, non appena verrà approvato da OIN*"

*Open Invention Network
pabloski01 Settembre 2019, 10:16 #7
Originariamente inviato da: Unrealizer
Non svilupperanno loro un'implementazione per Linux: quel che hanno detto è più o meno "eccovi le spec ufficiali, se qualcuno vorrà fare un'implementazione 100% corretta basata su questo a noi starà bene, non appena verrà approvato da OIN*"

*Open Invention Network


Il codice è quello di Samsung e sono le peggiori 11.000 linee di codice mai scritte. Sarà tanto se non faranno esplodere il kernel.

Poi le spec di exFAT, in pieno stile MS, sono azzoppate. Per strada abbiamo perso il journaling, il supporto alle transazioni e ci ritroviamo con una singola FAT e una singola free space map.

Cioè mentre da un lato, con ZFS e compagni, andiamo verso una maggiore robustezza, MS va verso una minore robustezza. Mah! Valli a capire!!

E non staccate la vostra pendrive exFat senza aver fatto l'unmount, se amate i vostri dati.
emiliano8402 Settembre 2019, 08:17 #8
Originariamente inviato da: pabloski
E non staccate la vostra pendrive exFat senza aver fatto l'unmount, se amate i vostri dati.


sei rimasto un po' indietro
https://www.hwupgrade.it/news/siste...turo_81768.html
murasame7402 Settembre 2019, 08:54 #9
Originariamente inviato da: pabloski
Il codice è quello di Samsung e sono le peggiori 11.000 linee di codice mai scritte. Sarà tanto se non faranno esplodere il kernel.


Ed è per questo motivo che fino ad ora è sempre stato un driver fuori kernel ed ora verrà inserito tra quelli in staging per il testing e lo sviluppo ma considerato "non stabile".

Originariamente inviato da: pabloski
Poi le spec di exFAT, in pieno stile MS, sono azzoppate. Per strada abbiamo perso il journaling, il supporto alle transazioni e ci ritroviamo con una singola FAT e una singola free space map.

Cioè mentre da un lato, con ZFS e compagni, andiamo verso una maggiore robustezza, MS va verso una minore robustezza. Mah! Valli a capire!!


FAT è nato in un'epoca in cui potenza di calcolo e velocità di I/O erano ridicole rispetto ad oggi e per l'epoca andava bene. exFAT è la sua evoluzione pensata in un'epoca in cui le memorie flash e la potenza dei dispositivi per cui era pensato non permettevano journaling, pooling, snapshoot e compagnia bella per cui ci sta che sia così. Per il contesto di utilizzo è più che sufficiente oppure tu sei uno di quelli che salva i suoi dati importanti su una chiavetta USB miserrima ma contento perchè formattata in ZFS e quindi convinto che siano al sicuro ?
DanieleG02 Settembre 2019, 09:10 #10
Originariamente inviato da: pabloski
Il codice è quello di Samsung e sono le peggiori 11.000 linee di codice mai scritte. Sarà tanto se non faranno esplodere il kernel.

Poi le spec di exFAT, in pieno stile MS, sono azzoppate. Per strada abbiamo perso il journaling, il supporto alle transazioni e ci ritroviamo con una singola FAT e una singola free space map.

Cioè mentre da un lato, con ZFS e compagni, andiamo verso una maggiore robustezza, MS va verso una minore robustezza. Mah! Valli a capire!!

E non staccate la vostra pendrive exFat senza aver fatto l'unmount, se amate i vostri dati.


Il journaling per un FS pensato per le unità esterne?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^