In Windows 10 potranno girare le app Android e iOS rielaborate

In Windows 10 potranno girare le app Android e iOS rielaborate

Microsoft rilascia a sorpresa due SDK per il porting di app Android e iOS in ambiente Windows 10, accorciando di molto l''integrazione delle app nel proprio store rispetto a quanto accade oggi.

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 22:59 nel canale Sistemi Operativi
Microsoft
 

Nelle ultime ore avevamo parlato di una ipotetica possibilità di utilizzare in Windows 10 app pensate per il mondo Android, sulla base di alcune voci girate in rete. Speranze e timori giravano tutte su una possibile integrazione in Windows 10 di un ambiente emulativo, sulla scia di quanto fatto da Blackberry.

Come stanno veramente le cose è stato detto nel corso dell'importante evento Microsoft BUILD, allontanando lo spettro di un semplice emulatore che avrebbe probabilmente scontentato i più. Con una mossa a sorpresa e di enorme importanza, Microsoft ha rilasciato due SDK per il porting di app scritte nativamente per Android e iOS, e la cosa è totalmente differente dal temuto emulatore.

Oggi le app per il mondo Windows necessitano di essere scritte proprio per questo ambiente: la conseguenza è sotto gli occhi di tutti, con Microsoft in affanno per farsi sviluppare app anche molto diffuse, a volte con mesi o anni di ritardo, sempre che vengano scritte. Molti si saranno imbattuti nella dicitura "per iOS e Android" in riferimento a questa o quella app, lasciando a bocca asciutta chi sperava di vedere nei sistemi operativi anche quelli di Microsoft, mobile o meno che siano.

Il motivo è presto detto: oggi gli sviluppatori scrivono molto spesso app partendo da mondo iOS (potenzialmente più remunerativo), le cui versioni per Android arrivano o in contemporanea o poco dopo. Ovviamente stiamo generalizzando e non valutando eccezioni o casi particolari, ma grosso modo le cose vanno così. Con Windows 10 la musica cambia molto in quanto quelle stesse app scritte per la concorrenza possono subire un porting verso l'ambiente Windows senza la necessità di essere riscritte da capo.

Ovviamente l'operazione non sarà semplice come cliccare qualche tasto qua e là, ma sicuramente saranno molti gli sviluppatori e le software house che si troveranno nella condizione di proporre i propri strumenti anche per il mondo Windows in una frazione del tempo oggi richiesto. La cosa potrà fare la differenza fra l'avere o meno una app nello store, motivo per cui la mossa è di quelle che fanno ben sperare per Microsoft.

Nella SDK Android Microsoft permetterà agli sviluppatori di utilizzare codice Java e C++, mentre in quella iOS Objective C. Fra le dichiarazioni rilasciate c'è quella riferita al testing con alcune app di King, ad esempio Candy Crush Saga: è stato possibile ottenere con pochi passaggi una versione correttamente funzionante per l'ambiente Windows partendo da quella per iOS.

Secondo Microsoft, Windows 10 sarà presente su un miliardo di dispositivi (mobile e non) entro due o tre anni; fondamentale per il raggiungimento dell'ambizioso obiettivo è quello di superare l'empasse app ed essere competitiva con la concorrenza. La mossa annunciata questa sera ci sembra un modo brillante per colmare di molto il gap oggi esistente. Per capire poi se ci sia un mare o un ruscello fra il dire e il fare... saranno i prossimi mesi a stabilirlo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
babu2529 Aprile 2015, 23:16 #1
Brava Microsoft !!
LMCH29 Aprile 2015, 23:22 #2
Quindi .... ora è ancora più conveniente sviluppare per iOS o Android che sfruttare nativamente WinRT ?

Comunque per me non fa differenza.
Ottengo già lo stesso risultato con Qt.
damxxx30 Aprile 2015, 00:09 #3
Personalmente non mi piace molto questo approccio, speriamo che abbia ragione Microsoft...
rockroll30 Aprile 2015, 02:40 #4
Originariamente inviato da: babu25
Brava Microsoft !!


Brava a sfruttare le app altrui (così come sta sfruttando le vendite altrui)? Brava davvero!
GTKM30 Aprile 2015, 07:09 #6
Originariamente inviato da: rockroll
Brava a sfruttare le app altrui (così come sta sfruttando le vendite altrui)? Brava davvero!


Eh?

Comunque, vedremo se avrà ragione a far così.
Cappej30 Aprile 2015, 08:11 #7
ottimo colpo di mercato
emiliano8430 Aprile 2015, 09:36 #8
Originariamente inviato da: rockroll
Brava a sfruttare le app altrui (così come sta sfruttando le vendite altrui)? Brava davvero!


in realta' non e' MS a guadagnarci ma l'utente finale, per gli sviluppatori che non hanno voglia di scrivere le app in C#, potranno usare lo stesso codice di ios o android cambiando poche cose, e compilandole NATIVAMENTE per windows
mihos30 Aprile 2015, 09:38 #9
Originariamente inviato da: rockroll
Brava a sfruttare le app altrui (così come sta sfruttando le vendite altrui)? Brava davvero!


Forse con una rilettura alla notizia...
Sunburp30 Aprile 2015, 10:22 #10
Originariamente inviato da: mihos
Forse con una rilettura alla notizia...


Penso più una sistemata al cervello...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^