IBM e Intel presentano una workstation mobile con Linux

IBM e Intel presentano una workstation mobile con Linux

Al via la sperimentazione di una piattaforma mobile dedicata ai progettisti elettronici e ottimizzata per Cadence Design Systems e il sistema operativo Linux

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 16:13 nel canale Programmi
IntelIBM
 

IBM e Intel Corporation collaboreranno insieme per la realizzazione della versione pilota di una workstation mobile basata su Linux e destinata ai progettisti operanti in uno dei settori più complessi dal punto di vista del calcolo, quello dell'Electronic Design Automation (EDA). La nuova piattaforma abbina i punti di forza della tecnologia mobile Intel Centrino ai notebook IBM ThinkPad e al software di Cadence Design Systems.

"Con questa nuova piattaforma la mobilità sta compiendo un passo in avanti significativo", ha dichiarato Guru Bhatia, General Manager of Engineering Computing di Intel Corporation. "Il personale tecnico può sfruttare la flessibilità e la produttività della tecnologia mobile Intel Centrino unitamente alle notevoli prestazioni che il software per Electronic Design Automation richiede. Questo aiuterà ad accelerare i cicli di sviluppo e consentirà ai produttori di semiconduttori di abbreviare il time-to-market e diventare ancor piu' competitivi".

Recentemente, IBM ha presentato la workstation mobile ThinkPad T42p caratterizzata da buone prestazioni grafiche e da un ampio schermo Flexview da 15" con un angolo di visione di 170 gradi: si tratta di un notebook standard sottile e leggero particolarmente indicato per le applicazioni progettuali.

"Cadence è stata coinvolta nei progetti pilota con IBM e Intel impegnandosi a realizzare soluzioni dalle prestazioni più elevate", ha commentato Lavi Lev, Executive Vice President e General Manager della Implementation Division di Cadence Design Systems Inc. "La combinazione tra la tecnologia mobile Intel Centrino integrata nei notebook IBM insieme con la nostra piattaforma per la progettazione Custom Virtuoso, fornisce ai nostri clienti la flessibilità e la produttività di cui hanno bisogno per poter ridurre ulteriormente i cicli di progettazione e il time-to-market di circuiti integrati complessi".

Per l'attuale progetto pilota è stato scelto il sistema operativo Linux, un ambiente che si sta diffondendo sempre più rapidamente per la progettazione all'interno di settori diversi come quello automobilistico, energetico, elettronico, farmaceutico e biotecnologico - settori che si sono tradizionalmente basati su piattaforme UNIX per la progettazione e lo sviluppo collaborativo dei prodotti.

La combinazione delle più recenti workstation mobili IBM ThinkPad con i processori Intel Pentium M e il software Cadence dà vita a significativi miglioramenti di prestazioni e a un più rapido throughput di progettazione.

Test iniziali condotti da Intel ed IBM con Cadence Virtuoso Spectre Circuit Simulator indicano che il processore Intel Pentium M 745 (da 1,8 GHz, nome in codice Dothan) fornisce un incremento delle prestazioni pari al 56% rispetto al processore Pentium M da 1,7 GHz (nome in codice Banias). Questo aumento delle prestazioni, unito ai vantaggi tipici della mobilità, può portare a significativi miglioramenti della produttività in ambito EDA.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SilentDragon18 Giugno 2004, 16:36 #1
quale distribuzione verrà utilizzata?
ilsensine18 Giugno 2004, 16:41 #2
Da http://punto-informatico.it/p.asp?i=48658

Per il momento, tuttavia, IBM non ha specificato quale distribuzione di Linux impiegherà sulle proprie workstation mobili.
LASCO18 Giugno 2004, 17:09 #3
Test iniziali condotti da Intel ed IBM con Cadence Virtuoso Spectre Circuit Simulator indicano che il processore Intel Pentium M 745 (da 1,8 GHz, nome in codice Dothan) fornisce un incremento delle prestazioni pari al 56% rispetto al processore Pentium M da 1,7 GHz (nome in codice Banias).
Non ho capito questo confronto: oltre al processore diverso vengono sfruttate solamente delle ottimizzazioni software in più?
leoneazzurro18 Giugno 2004, 17:18 #4
Penso che un tale incremento sarebbe possibile solo se il programma girasse tutto nella cache da 2 Mega del Dothan e non in quella da 1 Mega del Banias, altrimenti la vedo un pò la solita sparata del marketing. Del resto, i due processori non hanno tutte queste differenze architetturali a parte processo costruttivo e cache.
Davirock18 Giugno 2004, 17:41 #5

concordo...

... con leoneazzurro.

Bye
xaviers200218 Giugno 2004, 18:56 #6

INCREDIBILE!!!

Ma come, dicevano che Linux non era buono, che era solo per AMD... adesso lo mettono in una workstation?!
Intel-Linux... credo che il target non siamo noi. Il target sono le grandi imprese!!! Cmq, complimenti a Linux sta facendo veramente passi da gigante!!!
Tasslehoff18 Giugno 2004, 20:23 #7

Re: INCREDIBILE!!!

Originariamente inviato da xaviers2002
Ma come, dicevano che Linux non era buono, che era solo per AMD... adesso lo mettono in una workstation?!
Intel-Linux... credo che il target non siamo noi. Il target sono le grandi imprese!!! Cmq, complimenti a Linux sta facendo veramente passi da gigante!!!
E chi le ha mai dette queste cose? Microsoft forse?
Andiamo... IBM oltre ad essere il più grosso colosso dell'informatica è sempre stata l'azienda che più ha puntato su linux, l'unica che vi abbia investito pesantemente; oltretutto i team di sviluppo dei principali pilastri del mondo open source sono pieni zeppi di personale (e soldi) IBM.
Io non ci vedo niente di così sconvolgente in tutto questo, mi pare l'ennesimo step di una politica precisa iniziata da Big Blue parecchio tempo fa.
DioBrando19 Giugno 2004, 20:39 #8
E chi le ha mai dette queste cose? Microsoft forse?
Andiamo... IBM oltre ad essere il più grosso colosso dell'informatica è sempre stata l'azienda che più ha puntato su linux, l'unica che vi abbia investito pesantemente; oltretutto i team di sviluppo dei principali pilastri del mondo open source sono pieni zeppi di personale (e soldi) IBM.
Io non ci vedo niente di così sconvolgente in tutto questo, mi pare l'ennesimo step di una politica precisa iniziata da Big Blue parecchio tempo fa.


un mld di Euro di investimenti...bruscolini

sarebbe ora cmq che liberalizzassero di + la commercializzazione di portatili con la possibilità di scegliere il proprio sistema operativo.

Il magna magna tra MS e case cosruittrici è vergognoso e il fatto che per ottenere il rimborso al momento dell'acquisto del notebook ci vogliano i salti mortali lo è ancora di +

spero che la spinta di IBM+Linux contribuisca a smuovere le acque...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^