Nvidia, l'acquisizione di ARM si complica? Ecco chi si sta mettendo di traverso

Nvidia, l'acquisizione di ARM si complica? Ecco chi si sta mettendo di traverso

Microsoft, Google e Qualcomm sarebbero preoccupate per l'acquisizione di ARM da parte di Nvidia e avrebbero esposto tutti i loro "dubbi" ai regolatori di mercato che devono dare il lasciapassare all'acquisizione.

di pubblicata il , alle 09:31 nel canale Mercato
ARMNVIDIAMicrosoftGoogleQualcomm
 

L'anno scorso Nvidia si è lanciata nell'acquisizione di ARM, mettendo scompiglio tra quei produttori che basano il loro business sulle licenze del progettista britannico. Da più parti vi è stata una levata di scudi e la palla è finita nelle mani dei regolatori di Stati Uniti, Europa, Cina e Regno Unito che devono appurare se l'operazione crei uno scompenso alla concorrenza.

Dietro le quinte però gli animi sono agitati e secondo CNBC e Bloomberg realtà come Microsoft, Google e Qualcomm hanno comunicato le loro preoccupazioni ai regolatori, temendo possibili cambiamenti che Nvidia potrebbe apportare sul fronte delle licenze ARM. Non sono quindi bastate le rassicurazioni del CEO Jensen Huang, che nei mesi scorsi ha dichiarato che non ci saranno novità rispetto allo status quo.


Jen-Hsun Huang, CEO di Nvidia

"Mentre proseguiamo nel processo di revisione, siamo fiduciosi che sia i regolatori che i clienti vedranno benefici dal nostro piano di proseguire il modello di licenza aperto di ARM e assicurare una relazione trasparente e collaborativa con i licenziatari di ARM", ha affermato un portavoce di Nvidia alla CNBC. "La nostra visione per ARM aiuterà tutti i licenziatari a far crescere le loro attività e ad espandersi in nuovi mercati".

I rivali di Nvidia sostengono che acquistare ARM per 40 miliardi di dollari e poi mantenerla neutrale, senza usarne la tecnologia a proprio vantaggio, non è quello che la società di Huang sarebbe incentivata a fare.

Le restrizioni alle licenze avrebbero un impatto dirompente sulle tante realtà che vivono sfruttando i progetti ARM in licenza (ve ne sono di vari tipi). Google, Microsoft e Qualcomm sono tra coloro che progettano chip su base ARM, in particolare Qualcomm offre i chip Snapdragon sugli smartphone. Non possiamo dimenticare Apple, con i suoi chip custom su base ARM per dispositivi mobile e ora anche computer, ma la lista completa sarebbe decisamente lunga e ci fermiamo qui.

Per capire meglio cosa vuole dire ARM per il mercato dell'hi-tech, ecco qualche numero freschissimo diffuso proprio dall'azienda: nell'ultimo trimestre i partner hanno consegnato 6,7 miliardi di chip, circa 842 chip al secondo, portando il totale dalla fondazione di ARM a 180 miliardi di chip consegnati.

Nvidia, dal canto suo, ha sempre affermato che l'operazione le consentirà di dare un'ulteriore spinta innovativa al settore dell'intelligenza artificiale, e non ha escluso altri scenari come lo sviluppo di una CPU "proprietaria". È evidente che chi controlla ARM, mette le mani praticamente su tutto il mondo degli smartphone e molti altri settori in crescita come l'Internet of Things, tenendo quindi i tanti "tori" che si combattono nel vasto ecosistema tecnologico "per le corna".

Fanno bene i regolatori ad approfondire e fissare paletti, anche ascoltando le preoccupazioni dei rivali. L'unica certezza, in questo momento, è che il processo di analisi dell'operazione non sarà breve viste le possibili ricadute e gli attori coinvolti.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MikDic13 Febbraio 2021, 11:14 #1
Condivido le preoccupazioni dei più. Le dichiarazioni sono una cosa, quando sei proprietario di un bene e lo hai pagato profumatamente, potresti cambiare idea. La lista è lunghissima di chi lo ha fatto, di chi ci ha provato o avuto la tentazione, a volte dovendo ritornare sui propri passi. Vedi Oracle con Sun/Java/OpenOffice MySql o Ibm/RetHat/CentOs. A volte si è corso subito ai ripari (es LibreOffice oppure MariaDB) ma nei processori non penso sia la stessa cosa ... Il rischio è oggettivamente molto alto. Ma dall'altra parte ci sono le regole di mercato e di finanza :/. Alternative ce ne sono diverse per tipologia, diffusione proprietarie o liberi tipo x86 e Mips, ma ARM oramai è troppo, troppo diffuso... Parzialmente OT : e pensare che anni fa ARM era di proprietà della nostra Olivetti ... mah..
Gringo [ITF]13 Febbraio 2021, 12:35 #2
Non c'è da preoccuparci, tanto la tecnologia si è deciso che sarà solo per pochi eletti che se la acquisteranno all'asta su ebay, visto che i loro sistemi per "Proteggere" dal Bagarinaggio è venderle direttamente ai Minatori.
Anche che nVidia faccia le proprie CPU ARM e le "Virtua Vende" a metà del prezzo, ormai in commercio varranno il Triplo e quindi non ci sarà reale concorrenza. (Tutto quello che è scritto sopra e Sarcastico e se ci sono errori di ortografia, cliccate sul link https://www.youtube.com/watch?v=Z7Rj9mHj79E
io78bis13 Febbraio 2021, 12:57 #3
Originariamente inviato da: MikDic
Condivido le preoccupazioni dei più. Le dichiarazioni sono una cosa, quando sei proprietario di un bene e lo hai pagato profumatamente.. potresti cambiare idea. La lista è lunghissima di chi lo ha fatto a ci ha provato o avuto la tentazione, a volte dovendo ritornare sui propri passi. Vedi Oracle con Sun/Java/OpenOffice MySql o Ibm/RetHat/CentOs . A volte si è corso subito ai ripari (libreOffice oppure MariaDB) ma nei processori non penso sia la stessa cosa ... IL rischio o oggettivamente molto alto. Ma dall'altra parte ci sono le regole di mercato e di finanza.. Alternative ce ne sono diverse per tipologia, diffusione proprietarie o liberi tipo x86 e Mips, ma arm oramai è troppo,troppo diffuso... Partialmetne OT : e pensare che anni fa ARM era di proprietà della nostra Olivetti ... mah..


Concordo, infatti non capisco visto la centralità tecnologica che ARM rappresenta perché non facciano un consorzio per acquistarla che ne garantisca la neutralità. Tutti i Big messi insieme non credo non abbiano fondi a sufficienza per farlo anche perché risparmierebbero sui soldi dei brevetti.
supertigrotto13 Febbraio 2021, 13:19 #4
Ma cominciare a prendere in seria considerazione MIPS che ora è Open oppure sviluppare un bel risc five (risc V) ?
Con tutti i soldi che hanno le big in 2 anni avrebbero una alternativa ad Arm molto valida.
Arm è una buona architettura ma non la migliore.
Capisco se si scannassero con la migliore architettura di sempre ma in questo caso, alternative migliori ci sarebbero
SamFisher9213 Febbraio 2021, 14:02 #5
Originariamente inviato da: supertigrotto
Ma cominciare a prendere in seria considerazione MIPS che ora è Open oppure sviluppare un bel risc five (risc V) ?
Con tutti i soldi che hanno le big in 2 anni avrebbero una alternativa ad Arm molto valida.
Arm è una buona architettura ma non la migliore.
Capisco se si scannassero con la migliore architettura di sempre ma in questo caso, alternative migliori ci sarebbero

Mips non è più open da quando si sono messi in mezzo i cinesi e Mediatek.
LMCH13 Febbraio 2021, 14:47 #6
Originariamente inviato da: SamFisher92
Mips non è più open da quando si sono messi in mezzo i cinesi e Mediatek.


Esatto, attualmente le architetture "libere" potenzialmente interessanti sono Risc V e Power (anche se li ci sono stati comportamenti non sempre coerenti da parte di IBM), seguiti a distanza da OpenRISC e dal J2 ("clone" degli Hitachi SH2/3/4 di cui sono scaduti i brevetti).

Ma la cpu da sola non basta, uno dei vantaggi di ARM è che ARM Ltd. vende anche le IP e le macrocelle per bus di collegamento, periferiche seriali, i2c, spi, per GPU e varia altra roba già pronta per essere integrata con tutto il resto.

In pratica al momento la soluzione più sensata in caso di problemi con le licenze ARM è puntare su Risc V.
Gringo [ITF]13 Febbraio 2021, 15:58 #7
Lato Power... per quanto non fosse OPEN ... il CELL BE era un ottimo esperimento che andrebbe aggiornato.

4Core 64SPE a 5ghz non penso faccia schifo....
cdimauro14 Febbraio 2021, 09:57 #8
Originariamente inviato da: LMCH
Esatto, attualmente le architetture "libere" potenzialmente interessanti sono Risc V e Power (anche se li ci sono stati comportamenti non sempre coerenti da parte di IBM), seguiti a distanza da OpenRISC e dal J2 ("clone" degli Hitachi SH2/3/4 di cui sono scaduti i brevetti).

Ma la cpu da sola non basta, uno dei vantaggi di ARM è che ARM Ltd. vende anche le IP e le macrocelle per bus di collegamento, periferiche seriali, i2c, spi, per GPU e varia altra roba già pronta per essere integrata con tutto il resto.

In pratica al momento la soluzione più sensata in caso di problemi con le licenze ARM è puntare su Risc V.

O POWER o MIPS, che non hanno ormai alcun tipo di licenza.

Le altre architetture non sono sufficientemente generali da coprire qualunque segmento di mercato.
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
Lato Power... per quanto non fosse OPEN ... il CELL BE era un ottimo esperimento che andrebbe aggiornato.

4Core 64SPE a 5ghz non penso faccia schifo....

Beh, sì: fa proprio schifo, invece.
LMCH14 Febbraio 2021, 17:48 #9
Originariamente inviato da: cdimauro
O POWER o MIPS, che non hanno ormai alcun tipo di licenza.

MIPS é in una situazione complicata, se non sbaglio la sua IP è stata aquisita fa un azienda cinese e non è chiaro cosa implica per chi volesse sviluppare una cpu senza licenze.
IBM aveva prima "aperto" l'architettura Power a chi entrava nel consorzio OpenPower (se ricordo bene) ed ora ha reso libero il set di istruzioni, ma non ricordo se alcune delle soluzioni circuitali per ottenere dei Power con buone prestazioni sono IP ancora saldamente in mano ad IBM.

Che io sappia NXP ed ST (i maggiori produttori di cpu PowerPC) stanno continuando con i loro vecchi core (giusto shrinkandoli quando cambiano pp), mi sarei aspettato che cogliessero l'opportunità al balzo quando (oltre ad aprire l'instruction set) IBM ha rilasciato i sorgenti VHDL (o verilog?) di un paio di cpu Power multicore.
Se Power fosse così "libero" mi sembra strano che proprio loro sembrino ignorare certe opportunità.
cdimauro14 Febbraio 2021, 22:01 #10
POWER è stata scelta come ISA open da quelli libresoc, preferendola a RISC-V: quindi non dovrebbe essere male a livello di "apertura" / usabilità in qualunque progetto.
Il problema principale è che, sebbene sia un RISC, è un'ISA abbastanza pesante e con una densità di codice molto bassa (c'è un'estensione per un'ISA compressa, ma non ha preso piede, e dovrebbero esserci alcuni problemi di cui adesso non ricordo i dettagli però.
Sì, NXP e ST la usano ancora, ma non so per quanto ancora, visto che ormai si sono buttati tutti su ARM o RISC-V

MIPS in effetti è quella di cui si sa di meno rispetto all'utilizzabilità a tutto tondo.
Ha una buona estensione/ISA compressa (a livello di densità di codice), ma non molto supportata.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^