Prossimo tablet Nexus con processore Intel Moorefield a 64-bit?

Prossimo tablet Nexus con processore Intel Moorefield a 64-bit?

Secondo le ultime indiscrezioni, per la prossima generazione di tablet Nexus Google potrebbe porre fine alla vendita di modelli da 7" per introdurre sul mercato una nuova variante da 8 pollici, con processore quad-core Intel Moorefield

di Nino Grasso pubblicata il , alle 17:11 nel canale Tablet
IntelGoogleNexus
 

Nexus 8 potrebbe essere il primo tablet ad integrare il processore Intel Moorefield, quad-core a 64-bit. Durante le ultime settimane alcune voci informavano a riguardo di un possibile abbandono del brand Nexus 7, sostituito da un nuovo modello da 8" alimentato da processori Intel.

Asus Nexus 8

Secondo quanto scrive VR-Zone, il nuovo modello potrebbe essere annunciato ufficialmente a luglio, un mese dopo la conferenza Google I/O. Il colosso di Mountain View avrebbe scelto ancora una volta Asus come produttore per il tablet, tuttavia fra gli accordi operati troviamo anche i nomi di HTC e Lenovo.

Al momento non sono noti dettagli ufficiali sul dispositivo, ma sembra sempre più probabile l'implementazione del SoC a 64-bit Intel Atom Z3580, basato su architettura Moorefield, variante quad-core di Merrifield a 2,3GHz. Moorefield utilizza la GPU PowerVR G6430 da 533MHz ed il modem Intel XMM 7260 compatibile con gli standard LTE Cat. 6 (fino a 300Mbps).

Intel ha specificato di recente che il SoC sarà disponibile nei primi dispositivi a partire dal terzo trimestre del 2014. La decisione di Google di utilizzare un chip Intel, inoltre, potrebbe essere legata ad una nuova versione di Android, ottimizzata per il supporto ad istruzioni a 64-bit, per cui i SoC di Intel rappresentano al momento la soluzione più appetibile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno11 Marzo 2014, 18:02 #1
Visto che la serie Nexus è normalmente acquistata da chi capisce qualcosa di quel che compra, vedremo quanto sarà apprezzato il SoC di Intel.
Potrebbe essere davvero l'ultima spiaggia per Intel. Se non sfonda su un device Nexus vuol dire davvero che non ha speranze se non continuare a pagare per vedere i propri SoC montati su 3 o 4 dispositivi nel mondo.
Oppure potrebbe essere l'ariete che la proietta (finalmente) nel mondo mobile.

La domanda però è lecita: Goggle supporterà al 100% questo SoC non ARM con le future release di Android?
pabloski11 Marzo 2014, 19:07 #2
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Visto che la serie Nexus è normalmente acquistata da chi capisce qualcosa di quel che compra, vedremo quanto sarà apprezzato il SoC di Intel.


Per ora si tratta di indiscrezioni, ma onestamente fatico a crederci. Molte app Android crashano bellamente sulla versione x86. Skype nemmeno accetta di essere installato!!

Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
La domanda però è lecita: Goggle supporterà al 100% questo SoC non ARM con le future release di Android?


Il porting di Android su x86 è gestito direttamente da Intel.
JackZR11 Marzo 2014, 20:07 #3
Quanto ci vorrà perché ci installino Windows?
CrapaDiLegno11 Marzo 2014, 20:47 #4
Originariamente inviato da: pabloski
Il porting di Android su x86 è gestito direttamente da Intel.

Mi sono perso qualcosa o la serie Nexus è quella che viene curata direttamente da Google? Che si fa ui? SI fa un dispositivo Nexus e lo si lascia in gestione a Intel con un porting "casalingo"?
Non credo Google sia disposta a questo.
Se ci sarà un SoC Intel su un dispositivo Nexus secondo me significa che Google ha fatto il porting verso x86 come si deve e continuerà a curarlo anche con le versioni successive dell'OS. O almeno, questo spero per un dispositivo Nexus. Altrimenti tanto vale chiamarlo Asus/LG/HTC PincoPalla e tanti saluti al supporto illimitato dato da Google stessa, no?
coschizza11 Marzo 2014, 21:43 #5
Originariamente inviato da: pabloski
Il porting di Android su x86 è gestito direttamente da Intel.


intel porta avanti il solo progetto "android ia" non quello android-x86
cdimauro12 Marzo 2014, 00:31 #6
Originariamente inviato da: pabloski
Per ora si tratta di indiscrezioni, ma onestamente fatico a crederci. Molte app Android crashano bellamente sulla versione x86. Skype nemmeno accetta di essere installato!!

Allora spiegami come ho fatto a installarlo sul Fonepad 7 di mio figlio.

Anzi, te lo spiego io che facciamo prima: PlayStore, ricerca Skype, click su Installa, accettazione dei termini, download, installazione, configurazione dell'account, e... prova con videochiamata.

Anche con qualche dozzina di giochi (roba che sfrutta l'NDK) è andato tutto bene e girano benissimo.
Il porting di Android su x86 è gestito direttamente da Intel.

Android IA, come ha detto coschizza.
Originariamente inviato da: CrapaDiLegno
Mi sono perso qualcosa o la serie Nexus è quella che viene curata direttamente da Google? Che si fa ui? SI fa un dispositivo Nexus e lo si lascia in gestione a Intel con un porting "casalingo"?
Non credo Google sia disposta a questo.

Non serve: è Intel che se ne occupa.
Se ci sarà un SoC Intel su un dispositivo Nexus secondo me significa che Google ha fatto il porting verso x86 come si deve e continuerà a curarlo anche con le versioni successive dell'OS. O almeno, questo spero per un dispositivo Nexus. Altrimenti tanto vale chiamarlo Asus/LG/HTC PincoPalla e tanti saluti al supporto illimitato dato da Google stessa, no?

Google si occupa del suo software. Di Android IA e della futura versione a 64 bit se n'è occupata e continuerà a farsene carico Intel.
emiliano8412 Marzo 2014, 09:09 #7
Originariamente inviato da: JackZR
Quanto ci vorrà perché ci installino Windows?


se lo vendono a prezzo stracciato google, ci spero, cosi ci faccio un pensierino
CrapaDiLegno12 Marzo 2014, 09:36 #8
Originariamente inviato da: cdimauro
Non serve: è Intel che se ne occupa.

Google si occupa del suo software. Di Android IA e della futura versione a 64 bit se n'è occupata e continuerà a farsene carico Intel.


Allora che Nexus è se Google delega il supporto a Intel?
cdimauro12 Marzo 2014, 20:39 #9
Perché, ti risulta che il Nexus se lo faccia tutto il casa? Delega all'esterno la sua produzione, com'è giusto che sia (Google si occupa d'altro).

In questo caso è lo stesso. L'unica differenza è che il porting di Android per l'architettura IA32 è stato curato da Intel fin dall'inizio, perché era l'unica che aveva interesse in merito.

Quindi Google si trova tutto il lavoro già bello e fatto.
CrapaDiLegno13 Marzo 2014, 21:32 #10
Originariamente inviato da: cdimauro
Perché, ti risulta che il Nexus se lo faccia tutto il casa? Delega all'esterno la sua produzione, com'è giusto che sia (Google si occupa d'altro).

In questo caso è lo stesso. L'unica differenza è che il porting di Android per l'architettura IA32 è stato curato da Intel fin dall'inizio, perché era l'unica che aveva interesse in merito.

Quindi Google si trova tutto il lavoro già bello e fatto.


Che stai a dì?
l'HW dei dispositivi Nexus è fatto da terzi, e questo mi sembra ovvio. Ma il supporto SW del dispositivo è fatto direttamente da Google, non da chi produce il ferro.
Se Google non ha un porting suo di Android su x86 dovrebbe delegare a Intel il suo supporto, il che non rende il dispositivo un Nexus come non lo è un Galaxy S1,2,3,4,5,n, Sony U,P,J,S,T,V,Z, ZZ, HTC One/X/L/StatioWagon etc...
Quindi Google non si trova un bel niente di fatto, secondo il tuo ragionamento sta praticamente licenziando l'OS Android come per chiunque altro lasciandogli poi in carico il supporto del dispositivo. Che non è la regola di un dispositivo Nexus, ma di un dispositivo Android qualunque.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^