Shared Computer Toolkit: limitiamo i danni nelle reti scolastiche

Shared Computer Toolkit: limitiamo i danni nelle reti scolastiche

Microsoft ha presentato nei giorni scorsi una release preliminare di Shared Computer Toolkit, un software per Windows XP che permette di gestire in modo flessibile e sicuro reti di computer il cui utilizzo viene condiviso da varie persone.

di pubblicata il , alle 09:33 nel canale Sicurezza
MicrosoftWindows
 
Microsoft ha presentato nei giorni scorsi una release preliminare di Shared Computer Toolkit, un software per Windows XP che permette di gestire in modo flessibile e sicuro reti di computer il cui utilizzo viene condiviso da varie persone.

Il target di questo prodotto è prettamente quello scolastico/aziendale, realtà in cui vi è la necessità di bloccare l'esecuzione di attività pericolose sui sistemi client.

Il nuovo Shared Computer Toolkit permetterà di impostare policy di sicurezza differenti per ogni sistema o per ogni gruppo di pc e garantirà anche una più flessibile gestione degli aggiornamenti .

Il software funziona con Windows XP home e pro, oltre che con la versione Tablet pc.
Al momento Shared Computer Toolkit è in fase beta, ma per fine estate dovrebbe essere disponibile la release ufficiale.

Da alcune indiscrezioni raccolte alla National Education Computing Conference di Philadelphia il nuovo tool potrebbe essere rilasciato gratuitamente.

La release beta ed ulteriori dettagli sono disponibili qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
teliripongo30 Giugno 2005, 10:13 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upg
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/sicurezza/14906.html

gestire in modo flessibile e sicuro reti di computer....

Click sul link per visualizzare la notizia.




a quando la prima pacth?? scommesse aperte..
Kars30 Giugno 2005, 10:42 #2
Se non fosse che in italia le reti scolastiche sono per lo piu' fatte da client win95
GMcomp130 Giugno 2005, 10:54 #3
be non lo trovo malaccio e sopratutto se fosse gratis sicuramente lo proverei
Motosauro30 Giugno 2005, 10:54 #4
Beh, comunque è un'dea carina
Io sono sempre dell'idea che a scuola come a lavoro sarebbe meglio avere un mainframe e dei veri client, tipo l'AS400. Cmq dovendo avere dei pc autonomi come client, questo mi pare un passo verso una direzione giusta

IMHO
alfredino8530 Giugno 2005, 10:56 #5
la prima pacth a un mese dall'uscita..
vincino30 Giugno 2005, 11:17 #6
Chi l'ha detto che nelle scuole hanno client win95. Nn avete idea di quello che spendono nelle scuole per i PC. Ci sono addetti di segreteria che per scrivere la letterina in word e mandare la posta elettronica di cambiano degli ottimi PIII per comprarsi P4 con 1 giga di ram dischi da 160 e masterizzatore DVD! Il tutto condito con tanto di monitor lcd 17"! Altro che!
Scezzy30 Giugno 2005, 12:04 #7
Gratis ? mmmmmmmmmmmmmmmm

Cosa non si fa per vendere piu' licenze di windows XP
fek30 Giugno 2005, 12:06 #8
Originariamente inviato da: alfredino85
la prima pacth a un mese dall'uscita..


Pero' quando esce una patch di Firefox dopo tre giorni sono bravi eh?
Kars30 Giugno 2005, 12:19 #9
Originariamente inviato da: vincino
Chi l'ha detto che nelle scuole hanno client win95. Nn avete idea di quello che spendono nelle scuole per i PC. Ci sono addetti di segreteria che per scrivere la letterina in word e mandare la posta elettronica di cambiano degli ottimi PIII per comprarsi P4 con 1 giga di ram dischi da 160 e masterizzatore DVD! Il tutto condito con tanto di monitor lcd 17"! Altro che!


Mah sono casi molto molto isolati... la realta' e' ben diversa l'amministrazione e' abbastanza pulciara
JohnPetrucci30 Giugno 2005, 12:19 #10
L'idea non è male, non vedo motivo di criticare Ms in questo caso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^