Royalties per l'utilizzo del file system FAT

Royalties per l'utilizzo del file system FAT

Microsoft, con un annuncio a sorpresa, ricorda ai produttori che il brevetto del file system FAT non è per niente scaduto; per essere più convincente presenta il conto da pagare

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 14:35 nel canale Programmi
Microsoft
 

Microsoft

Microsoft sembra seriamente intenzionata a chiedere ai produttori di periferiche che utilizzano memorie flash (ma non solo) una piccola royalty per l'utilizzo del file system FAT. Tali apparecchi, divenuti ormai molto diffusi e venduti in milioni di pezzi l'anno, saranno dunque oggetto di una "tassa" Microsoft.

Microsoft detiene 4 brevetti collegati al particolare file system (U.S. Patent #5,579,517, U.S. Patent #5,745,902, U.S. Patent #5,758,352, U.S. Patent #6,286,013), ideato dalla casa di Redmond nel lontano 1976 per la memorizzazione di dati su floppy disk. Ovviamente il file system si è evoluto nel tempo, ma rimane comunque di proprietà Microsoft. Singolare però il "battere cassa" solo ora che si vendono milioni di unità, in quanto fino ad oggi nessuno a Redmond si era preso la briga di sottolineare la proprietà del brevetto.

Il prezzo deciso da Microsoft è di 0,25 dollari ad unità oppure 250.000 dollari per ogni casa produttrice, senza limiti di numero di pezzi prodotti.

Queste alcune delle unità soggette a royalty: fotocamere digitali, videocamere digitali, lettori mp3 portatili, stampanti multifunzione, strumenti musicali elettronici e alcuni televisori. Rientrano cioè nella categoria tutti quegli apparecchi che memorizzano su qualsiasi supporto utilizzando il filesystem FAT.

Microsoft inoltre fa sapere che per altre categorie di prodotti è disponibile a trattative caso per caso, oltre a lasciare spiragli per accordi anche differenti dalle linee guida.

Le richieste di Microsoft sono lecite: il brevetto è loro ed è giusto pagare per l'utilizzo. L'immagine di Microsoft però non penso che troverà giovamento dall'iniziativa: chiedere soldi solo ora, dopo quasi 30 anni dal brevetto, appare una mossa antipatica e per certi versi sorprendente.

Fonte: dpreview

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

189 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
matteo198611 Dicembre 2003, 14:41 #1
Certo che questi qui sono davvero insopportabili!
ilsensine11 Dicembre 2003, 14:41 #2
Mi ricorda qualcuno...
red5lion11 Dicembre 2003, 14:44 #3
adesso voglio vedere se c'è qualcuno che ha il coraggio di difernderla...
cattivik6611 Dicembre 2003, 14:44 #4
prima cercano di diffondere il standard
poi quando c'è possibilità di guadagno e lo standard è ampliamente utilizzato vogliono guadagnarci
non si può far altro che pagare..
Mirus11 Dicembre 2003, 14:46 #5
Vorrà dire che passeranno tutti a ext2/3
matteo198611 Dicembre 2003, 14:47 #6
Originariamente inviato da Mirus
Vorrà dire che passeranno tutti a ext2/3


Troppo bello, peccato che non è compatibile con winzozz...
ilsensine11 Dicembre 2003, 14:47 #7
Originariamente inviato da Mirus
Vorrà dire che passeranno tutti a ext2/3

Non al jfs mi raccomando, arriverebbero richieste simili
hellripper11 Dicembre 2003, 14:49 #8

Non mi sembra sbagliato

I brevetti sono Microsoft, è una invenzione Microsoft, ed è ingiusto il contrario, cioè il fatto che venga utilizzato un brevetto senza alcuna spesa.
Anche per produrre i CD le varie case pagano roialty a quelli dello standard Orange Book (sony, panasonic, philips credo).
hellripper11 Dicembre 2003, 14:51 #9

File System linux la soluzione

Come già detto, la possibilità è usare un file system libero.

unica cosa non credo che questa roilaty sia applicabile a quei prodotti venduti non formattati e non partizionati.
matteo198611 Dicembre 2003, 14:51 #10
Ma non esiste proprio far pagare delle royalties dopo tutto questo tempo.
E poi non c'era un limite massimo per la validità dei brevetti?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^