Anche l' open source ha i suoi bug

Anche l' open source ha i suoi bug

In una libreria largamente diffusa e utilizzata nel mondo dell'open source, è stato scoperto un "baco" che ha messo in allarme gli addetti alla sicurezza.

di pubblicata il , alle 09:47 nel canale Programmi
 

In una libreria largamente diffusa e utilizzata nel mondo dell'open source, è stato scoperto un "baco" che ha messo in allarme gli addetti alla sicurezza. Tale libreria, zlib, è utilizzata per la compressione dei dati e si trova integrata, tra le altre cose, nel kernel di Linux.

Mozilla/Netscape 6 e Galeon sono solo alcuni dei software che utilizzano questa libreria. Il bug in questione (un buffer overflow del codice di gesione della memoria) potrebbe rendere i sistemi soggetti ad attacchi da remoto.

Questo problema interessa anche un altro grande numero di sistemi oltre Linux, tra i quali possiamo ricordare Solaris.

Fonte: Punto-Informatico


tnx Andrea

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Kralizek09 Marzo 2004, 11:38 #1
chissà perchè quando esce un baco per win si trovano almeno 10 pagine di commenti...
checo09 Marzo 2004, 11:48 #2
anche il sistema per scrivere sta news aveva qualche bug di html
Leron23 Marzo 2004, 12:21 #3
Originariamente inviato da Kralizek
chissà perchè quando esce un baco per win si trovano almeno 10 pagine di commenti...

appunto.... un motivo ci sarà

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^