Connettore USB-Type C, all'orizzonte numerose varianti differenti

Connettore USB-Type C, all'orizzonte numerose varianti differenti

Le specifiche USB 3.1 e il connettore USB Type-C potranno essere implementati in molti modi diversi, con il rischio di creare confusione nel pubblico

di pubblicata il , alle 15:18 nel canale Periferiche
 

Dopo aver fatto la sua comparsa in anteprima sui sistemi portatili MacBook di Apple, il connettore reversibile USB Type-C inizierà nei prossimi mesi a diffondersi su PC, periferiche e dispositivi mobile. Un connettore reversibile è qualcosa che il settore attende fin dall'introduzione della prima generazione di USB nel 1997, tuttavia è bene osservare che non tutte le implementazioni supporteranno necessariamente la totalità delle caratteristiche introdotte dall'ultima versione delle specifiche USB e che potranno esservi quasi una decina di declinazioni di USB-C con differenti funzionalità.

Le specifiche USB 3.1 hanno introdotto il connettore reversibile Type-C a 24-pin e numerose altre funzionalità che pur estendendo le possibilità di impiego del bus USB, mantengnono la retrocompatibilità con le precedenti versioni dello standard. Allo scopo ultimo di creare un'interconnessione capace di fare quasi tutto, è stato incrementato il data signaling rate a 10Gb/s, così che un'implementazione USB 3.1 allo stato dell'arte dovrebbe essere capace di raggiungere una bandwidth di picco di circa 1,2GB/s. USB 3.1 supporta inoltre le specifiche 2.0 per l'erogazione di corrente, permettendo di trasferire fino a 100W di potenza su un singolo cavo. Il connettore USB Type-C e le specifiche USB 3.1 permettono inoltre ai vendor di implementare funzionalità proprietarie grazie ad Alternate and Accessory Mode per differenziare i propri prodotti. Il problema è che non tutte le caratteristiche sono obbligatorie per l'implementazione.

Cosa accade nel pratico? I connettori USB Type-C potrebbero essere usati con qualsiasi controller USB 2.0, 3.0, 3.1 o Thunderbolt 3, il che permette ai vari produttori di costruire nuovi dispositivi senza dover usare i controller USB 3.1, costosi e dispendiosi dal punto di vista energetico. Il rovescio della medaglia è che dispositivi differenti potranno avere lo stesso connettore fisico ma supportare differenti velocità di trasferimento dati (480Mb/s, 5Gb/s o 10Gb/s). Le differenze però non si fermano qui: i vari produttori di hardware hanno infatti la possibilità di scegliere se integrare o meno il supporto a funzionalità DisplayPort tramite USB-C, il che significa che su determinati dispositivi vi sarà anche un output per display che su altri dispositivi, pur con lo stesso connettore, non sarà presente. Infine anche le tecnologie USB Power Delivery potranno essere integrate a scelta del produttore.

In tutto questo mare di combinazioni l'unico faro è rappresentato dalle 8 etichette specifiche che l'USB Implementers Forum ha progettato per descrivere le funzionalità delle porte USB-C. Di contro, tuttavia, è bene sottolineare che la presenza di un connettore USB 3.1 Type-C non offre alcuna indicazione immediata sulle sue funzionalità. Attualmente l'unica implementazione del connettore USB 3.1 Type-C in grado di supportare interamente tutte le caratteristiche dello standard può essere effettuata usando il controller Alpine Ridge di Intel, che supporta inoltre Thunderbolt 3 a 40Gb/s. Ad oggi l'unico produttore ad usare Alpine Ridge è Gigabyte, sulle schede madri basate su Intel Z170.

Oltre ai vari connettori vi sarà anche la proliferazione di molti cavi differenti e di numerosi adattatori che permetteranno ai nuovi dispositivi di collegarsi a sistemi meno recenti e a dispositivi datati di collegarsi agli ultimi sistemi. Le varie implementazioni di USB Type-C permetteranno ai produttori di inserire la tecnologia nei loro prodotti anche a costi non proibitivi e permetterà di accelerare la diffusione del nuovo connettore. Questo tipo di approccio porterà però una grande confusione sul mercato, con il rischio che una fetta del pubblico non riesca ad apprezzare appieno le capacità di USB 3.1 sottovalutandone quindi le potenzialità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
*Pegasus-DVD*31 Agosto 2015, 15:22 #1
boh
marchigiano31 Agosto 2015, 15:33 #2
fare svariate versioni di usb-c va bene, per risparmiare... ma deve essere scritto chiaro, magari con delle etichette o dei loghi prestabiliti, tipo porta usb con 5v, oppure con 12v, potenza massima erogabile, altre caratteristiche varie...

non come quanto anni fa comprai una asrock con le porte power-sata perchè volevo attaccare al volo hard disk... ho scoperto solo provando che asrock le aveva alimentate con la sola 5v e non con la 12, quindi andavano solo dischi da 2.5" non era spiegato neanche nel manuale, una vergogna
fally31 Agosto 2015, 15:38 #3
dal titolo deduco esistano anche le varianti uguali...
gpat31 Agosto 2015, 15:39 #4
Il 99% degli accessori sfrutterà solo la parte relativa all'USB 3.1, quello è importante che sia uguale per tutti.
Per le varianti di Thunderbolt Intel può pure tirare fuori 15 varianti diverse, tanto resteranno di nicchia come lo sono state finora, per via dei costi elevati.
Portocala31 Agosto 2015, 15:42 #5
Ci vorranno almeno 2 anni prima che diventino "standard" ovunque.
Jones D. Daemon31 Agosto 2015, 15:45 #6
Originariamente inviato da: marchigiano
fare svariate versioni di usb-c va bene, per risparmiare... ma deve essere scritto chiaro, magari con delle etichette o dei loghi prestabiliti, tipo porta usb con 5v, oppure con 12v, potenza massima erogabile, altre caratteristiche varie...

non come quanto anni fa comprai una asrock con le porte power-sata perchè volevo attaccare al volo hard disk... ho scoperto solo provando che asrock le aveva alimentate con la sola 5v e non con la 12, quindi andavano solo dischi da 2.5" non era spiegato neanche nel manuale, una vergogna


Ma le USB non erogavano SOLO 5V, ed era l'amperaggio a variare?
]Rik`[31 Agosto 2015, 15:51 #7
Originariamente inviato da: fally
dal titolo deduco esistano anche le varianti uguali...


un po' come i gemelli diversi!
MCMXC31 Agosto 2015, 16:10 #8
... poteva essere un ottimo standard, ed invece...

... voglio sfondare anche io un muro a craniate!>_____<
zappy31 Agosto 2015, 16:12 #9
come rendere uno standard un non-standard...
demon7731 Agosto 2015, 16:15 #10
che bordello..
e che cesso i loghi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^