Samsung: in arrivo i chip DDR2 2Gbit a 60nm

Samsung: in arrivo i chip DDR2 2Gbit a 60nm

Samsung prossima ad avviare la produzione in volumi di chip di memoria DDR2 da 2 Gigabit, che verranno utilizzati per quattro diversi tipi di moduli di memoria

di pubblicata il , alle 09:50 nel canale Memorie
Samsung
 

Samsung Electronics ha annunciato di aver sviluppato il primo processo produttivo a 60 nanometri per la realizzazione di chip di memoria DDR2 da 2 Gigabit, che verrà utilizzato entro la fine dell'anno in corso per la produzione in volumi di tali chip.

Il processo produttivo a 60 nanometri permette di ottenere un incremento delle prestazioni del 20% rispetto all'attuale processo produttivo a 80 nanometri, sempre per ciò che concerne i chip di memoria DDR2 a 2 Gigabit. Il passaggio al nuovo processo produttivo consentirà inoltre di poter incrementare l'efficienza produttiva del 40% circa.

I chip DDR2 da 2Gb consentono di dimezzare il numero dei componenti utilizzati in un modulo da 8GB costruito con chip da 1 Gigabit. In questo modo è possibile risparmiare il 30% circa di energia per il funzionamento di un modulo di memoria a parità di capacità. La conseguenza diretta di un minor consumo energetico è anche una minore dissipazione del calore, fattore che contribuisce ad incrementare l'affidabilità dei moduli e a ridimensionare le esigenze di sistemi di raffreddamento particolarmente consistenti.

Samsung utilizzerà i chip DDR2 a 2Gb in quattro diversi tipi di moduli: Fully-Buffered DIMM da 8GB, Registered DIMM da 8GB, Unbuffered DIMM da 4GB e SODIMM da 4GB. I nuovi prodotti saranno quindi indirizzati all'impiego con soluzioni server, workstation e notebook ove le prestazioni e la velocità computazionale occupano una posizione di rilievo.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
vinck0514 Settembre 2007, 09:59 #1
ma mica ci si puo arrivare a tutta quella frequenza? a che serve?
giaballante14 Settembre 2007, 10:00 #2
cit: Credo che 640kB siano più che sufficienti per chiunque
Wee-Max14 Settembre 2007, 10:10 #3
aaaaaaaah finalmente qualcuno che pensa anche al risparmio energetico oltre che alla potenza!
axias4114 Settembre 2007, 10:16 #4
Originariamente inviato da: giaballante
cit: Credo che 640kB siano più che sufficienti per chiunque


Eh si, anche il Conto Porte sbaglia, qualche volta...
gas7814 Settembre 2007, 11:40 #5
Originariamente inviato da: vinck05
ma mica ci si puo arrivare a tutta quella frequenza? a che serve?


Temo ti sia confuo tra gigaBit e gigaHz..

Questa notizia indica semplicemente che la capacita' del singolo chip prodotto passa da uno a due gigaBit (un gigaBit e' un ottavo di un gigaByte).
In pratica aumentera' la capacita' del singolo banco di memoria a parita' di chip utilizzati.

Non si fa menzione della velocita' a cui potra' operare

-Gas-
Ratatosk14 Settembre 2007, 11:44 #6
Come se fosse necessario affondare ulteriormente le DDR3 (minori consumi delle DDR2 = minore utilità delle DDR3) :>
ilratman14 Settembre 2007, 11:45 #7
finalmente arriveranno i moduli sodimm da 4GB speriamo in un prezzo umano.
Cloud7614 Settembre 2007, 12:48 #8
Non capisco perchè non utilizzarli anche per i desktop... se riescono a produrli in volumi sufficienti sarebbe solo cosa positiva...
ilratman14 Settembre 2007, 12:58 #9
Originariamente inviato da: Cloud76
Non capisco perchè non utilizzarli anche per i desktop... se riescono a produrli in volumi sufficienti sarebbe solo cosa positiva...


dove sta scritto che non sono per desktop?
Davis514 Settembre 2007, 14:09 #10
perche' non utilizzarle sui desktop?

un modulo da 8gb se non installi un OS a 64bit e' solo un soprammobile... ecco perche'...

P.S. ci sarebbe vista 64... ma trovami qualcosa che ci giri sopra...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^