Xiaomi: nel primo trimestre 2019 il fatturato cresce del 27%

Xiaomi: nel primo trimestre 2019 il fatturato cresce del 27%

Xiaomi ha rilasciato ufficialmente i risultati fiscali per il Q1 2019 (primo trimestre) riportando numeri decisamente interessanti. Parte del successo va al mercato degli smartphone, ma anche l'IoT ha dato il suo contributo.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Telefonia
XiaomiRedmi
 

A inizio Maggio erano state rilasciate le prime cifre ufficiali per le spedizioni degli smartphone Xiaomi. La società cinese ha rilasciato in queste ore i risultati fiscali per il primo trimestre 2019 con diversi dettagli e informazioni. Riassumendo quanto scritto dal CEO della società asiatica, il produttore non si può lamentare dell'andamento dei propri risultati sia per quanto riguarda gli smartphone ma soprattutto per tutto l'ecosistema Mi.

Redmi smartphone

Partendo proprio dagli smartphone Xiaomi, stando a quanto riportato, sono stati vendute 27,9 milioni di unità facendo del produttore cinese la quarta forza del mercato (dietro a Samsung, Huawei e Apple). A fare da traino a questi risultati ci hanno pensato la serie Mi 9 e Redmi Note 7 con la prima che ha superato le 1,5 milioni di unità spedite e il secondo le 4 milioni di unità.

Il fatturato di Xiaomi, anche grazie all'espansione ufficiale in mercati al di fuori della Cina, ha toccato quota i 5,7 miliardi di euro con una crescita anno-su-anno del 27,2% (e superando le stime degli analisti). L'utile netto è stato invece pari a oltre 272 milioni di euro.

Xiaomi Mi TV

Ma il successo non è tutto merito degli smartphone. Come spiegato da Xiaomi è l'associazione "smartphone + IoT" ad aver portato a questi risultati più che positivi (nonostante il mercato degli smartphone non sia più quello di un tempo).

In particolare l'IoT e dispositivi per la casa hanno portato nelle casse di Xiaomi 1,5 miliardi di euro con una crescita del 56,5% anno su anno. Le smart TV in particolare hanno riscontrato un ottimo gradimento in Cina (così come i notebook). L'ecosistema IoT del produttore, senza quindi considerare smartphone e notebook, ha toccato i 170 milioni di dispositivi connessi (+70% anno-su-anno).

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7721 Maggio 2019, 13:27 #1
Poi adesso con il casino huawei VS Trump di sicuro guadagneranno ulteriormente
Bradiper21 Maggio 2019, 13:39 #2
Magari sarà il prossimo bersaglio di trump.
Sandro kensan21 Maggio 2019, 13:57 #3
Se xiaomi va in seconda posizione fa la stessa fine di huawei.
Bernhard Riemann21 Maggio 2019, 14:09 #4
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Se xiaomi va in seconda posizione fa la stessa fine di huawei.


Xiaomi non produce infrastrutture di rete, e non ha importanti brevetti sul 5G.
Dumah Brazorf21 Maggio 2019, 14:14 #5
Tranquillo che qualche scusa se la inventano lo stesso.
Bernhard Riemann21 Maggio 2019, 14:21 #6
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Tranquillo che qualche scusa se la inventano lo stesso.


In realtá, qualunque Nazione mediamente importante dovrebbe avere il controllo delle sue infrastrutture strategiche, soprattutto quelle di telecomunicazioni.
Affidare il controllo ad un'azienda cinese STRETTAMENTE legata al Partito Comunista (e, quindi, al Governo), tutt'altro che trasparente, non mi sembra esattamente la mossa giusta. Ma ho smesso di aver fiducia nell'intelligenza di chi prende determinate decisioni giá da un po'.
frank808521 Maggio 2019, 21:33 #7
Originariamente inviato da: Bernhard Riemann
In realtá, qualunque Nazione mediamente importante dovrebbe avere il controllo delle sue infrastrutture strategiche, soprattutto quelle di telecomunicazioni.
Affidare il controllo ad un'azienda cinese STRETTAMENTE legata al Partito Comunista (e, quindi, al Governo), tutt'altro che trasparente, non mi sembra esattamente la mossa giusta. Ma ho smesso di aver fiducia nell'intelligenza di chi prende determinate decisioni giá da un po'.


bel discorso ma le prove? ...
ops... non ci sono!

se fosse un caso in tribunale avrebbe vita molto breve, huawei ci ha provato a ""fare ricorso"" andando contro il dipartimento di Stato se non erro, ci ho sperato molto, ma la giustizia USA è stata così imparziale
da essersi assicurata che non arrivasse ad alcun tribunale. bello questo concetto di democrazia (imparato dai cinesi immagino, almeno loro non mettono il naso negli affari di mezzo mondo)
fraussantin21 Maggio 2019, 22:34 #8
Originariamente inviato da: Bradiper
Magari sarà il prossimo bersaglio di trump.


Trump lo segheranno prima.
Con tutte le minchiate che ha fatto non lo rieleggeranno mai.
Dumah Brazorf21 Maggio 2019, 22:50 #9
Il problema non è trump ma i milioni che lo hanno votato.
san80d21 Maggio 2019, 23:58 #10
come detto in altra discussione, il dossier huawei fu aperto da obama ... di fatto tutto quello che ha in mano trump (qualunque cosa essa sia ), e' un lavoro dell'amministrazione obama

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^