Ridotti i furti di smartphone nelle grandi città, il kill-switch funziona

Ridotti i furti di smartphone nelle grandi città, il kill-switch funziona

L'iniziativa "Secure Our Smartphones" americana ha portato i suoi frutti: le misure anti-furto applicate da Apple, Samsung ed altre società del settore sembrano avere esiti positivi

di Nino Grasso pubblicata il , alle 14:21 nel canale Telefonia
 

I furti di smartphone si sono notevolmente ridotti nelle tre maggiori città che hanno condotto l'iniziativa "Secure Our Smartphones". Secondo un comunicato congiunto delle città di New York, San Francisco e Londra, i furti di iPhone sono calati rispettivamente del 25, 40 e 50% con larga parte del merito dovuta, secondo le autorità di legge, all'implementazione del cosiddetto kill-switch.

Co-presieduta dal Procuratore Generale di New York Eric Schneiderman e dal Procuratore Distrettuale di San Francisco George Gascon, l'iniziativa è sostanzialmente rappresentata da una vasta coalizione di autorità di legge, forze dell'ordine, attivisti della pubblica sicurezza e avvocati per la difesa dei consumatori. I due funzionari avevano annunciato la sua formazione lo stesso giorno in cui Apple, Google, Motorola, Microsoft, Samsung e altri partecipavano ad un vertice organizzato appositamente nel giugno 2013.

"L'industria mobile continua a consegnarci nuove feature sofisticate, ma prevenire ai propri utenti di essere coinvolti in un crimine violento rappresenta la tecnologia più valida che l'industria può portare sul mercato", ha dichiarato lo stesso Gascon, commentando il declino dei furti. Negli Stati Uniti il furto di smartphone ha rappresentato per parecchio tempo il 30-40% delle rapine complessive annuali, secondo Consumer Reports.

Solo nel 2012 sono stati 1,6 milioni i furti di smartphone negli USA, mentre nel 2013 i crimini legati agli smartphone hanno avuto un costo di 30 miliardi di dollari per i consumatori coinvolti. Apple, Microsoft e Google hanno cercato di mettere una pezza al problema implementando sulle proprie piattaforme funzionalità in grado di eliminare da remoto tutti i dati in caso di furto o di disabilitare le feature cruciali dei dispositivi.

Alcuni stati americani avevano inoltre proposto l'obbligo di legge per l'implementazione di funzionalità simili su tutti i dispositivi venduti, ma nessuna fra queste proposte di legge è riuscita a entrare in vigore.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kratos012 Febbraio 2015, 19:12 #1
Dalla notizia non sono riuscito a capire cosa fosse il kill switch, nello specifico. Sono dovuto andare su un altro sito per comprendere questo meccanismo.
Il Kill Switch non mi sembra un argomento molto noto...

A scuola mi insegnavano sempre ad esporre gli argomenti come se stessi parlando ad una persona che non ne sa niente...
alex912 Febbraio 2015, 19:57 #2
Originariamente inviato da: kratos0
Dalla notizia non sono riuscito a capire cosa fosse il kill switch, nello specifico. Sono dovuto andare su un altro sito per comprendere questo meccanismo.
Il Kill Switch non mi sembra un argomento molto noto...

A scuola mi insegnavano sempre ad esporre gli argomenti come se stessi parlando ad una persona che non ne sa niente...


QUOTO. Anch'io sono arrivato incredulo alla fine dell'articolo: sto kill switch davvero non si capisce cos'è. Roba da matti...
Cloud7612 Febbraio 2015, 22:48 #3
Commento solo per ribadire quanto esposto dai due utenti precedenti.
Ho letto il titolo dalla homepage, non conoscendo " il cosiddetto kill-switch" (così è scritto nell'articolo) leggo cercando di capire di cosa si tratti... tempo perso perché all'autore non è venuto nemmeno in mente di spiegare di cosa si sta parlando (e non è la prima volta).
Andreax8612 Febbraio 2015, 22:54 #4

Strepitoso

Bellissimo articolo, soprattutto la parte che parlava del kill switch.
Ora9212 Febbraio 2015, 23:52 #5
Originariamente inviato da: Andreax86
Bellissimo articolo, soprattutto la parte che parlava del kill switch.


Quoto, un'articolo scritto con i piedi tanto per fare che rasenta il ridicolo!!
Il Castiglio13 Febbraio 2015, 00:37 #6
Non sapete cos'è il Kill Switch ... leggete qui:
http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=756853

Probabilmente nemmeno chi ha scritto l'articolo sa che cos'è, si è limitato a copiare la notizia e non ha voluto perdere tempo a cercare sul web
Petardo23813 Febbraio 2015, 02:11 #7
Ma un bel tool che in caso di furto, fa letteralmente "esplodere" la batteria da remoto? Toccatemi il telefono, vi mando a fuoco XD
Eress13 Febbraio 2015, 08:13 #8
Però non è chiaro in mano a chi sarà questo kill switch, al possessore legittimo dello smartphone o a qualche non meglio identificata squadra anticrimine. Mi sembra la solita deriva antidemocratica.
idroCammello13 Febbraio 2015, 09:29 #9

in italia non funziona bene lo kill switch

Come ha spiegato BENISSIMO nino per usare lo kill switch ci vuole il porto d'armi.
bobafetthotmail13 Febbraio 2015, 09:32 #10
è temporaneo. Eventualmente scopriranno che basta una borsa da shoplifting (preparata per rubare cose con antitaccheggio) per aggirare la cosa quel tanto che basta per andare in un posto sicuro e isolato dove possono aggirare il lockscreen come facevano anche prima e poi fare un factory reset.

Oppure chiederanno anche user e password di iCloud e avranno un complice che cambia la password in tempo reale.

Però non è chiaro in mano a chi sarà questo kill switch, al possessore legittimo dello smartphone
L'ordine di brickare il dispositivo viene impartito dal possessore dell'account iCloud collegato al dispositivo.

Sì, iCloud, lo stesso servizio che è stato hackerato con metodi brute-force (tanto per dire il livello di niubbaggine della sicurezza offerta) e ha permesso il casino che è stato chiamato "The Fappening".

La cosa divertente è che non ha alcuna importanza chi ha comprato effettivamente il dispositivo, l'ordine viene da un account iCloud collegato al dispositivo e non c'è modo di farsi riattivare il tutto neanche se hai le prove di aver comprato il dispositivo e vai alla Apple.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^