Google e Microsoft insieme per eliminare i falsi positivi negli antivirus

Google e Microsoft insieme per eliminare i falsi positivi negli antivirus

VirusTotal, società parte di Google, ha annunciato oggi un progetto per ridimensionare il problema dei falsi positivi nell'industria degli antivirus

di pubblicata il , alle 15:22 nel canale Sicurezza
GoogleMicrosoft
 

In una sola settimana e con l'apporto di una sola compagnia, VirusTotal è riuscita a individuare ed eliminare 6 mila casi di risultati falsi positivi valutati dai più comuni software anti-virus. VirusTotal è stata acquisita circa due anni fa da Google per una cifra non pubblica, e la compagnia di cui si parla è Microsoft, che ha condiviso alcuni metadati con la compagnia di sicurezza anti-malware.

Microsoft e Google sono stati protagonisti di recente di una particolare vicenda. Big G e la sua divisione di sicurezza Project Zero avevano scoperto una vulnerabilità sul software operativo di Redmond, notificandolo alla società. Nessun fix è stato rilasciato dopo 90 giorni, fattore che ha costretto Google a pubblicare l'exploit in modo da affrettare le procedure per il rilascio di una patch lenitiva.

Le due società si trovano adesso a lavorare insieme nel tentativo di offrire un complemento all'analisi euristica dei più recenti software anti-virus. Attraverso quest'ultima, è possibile che i tool di sicurezza riconoscano come malware file che in realtà sono del tutto legittimi. Quando questo avviene con file sensibili appartenenti allo stesso sistema operativo si possono provocare danni difficili da riparare, se non con il classico format riparatore.

Andando a manipolare alcuni file, l'anti-virus può infatti compromettere prestazioni e stabilità della macchina, o addirittura inibire lo stesso avvio del sistema operativo. In più, l'errata interpretazione di un file può di fatto portare a malfunzionamenti anche del software installato, con ripercussioni sensibili nell'esperienza d'uso. Microsoft e Google si riappacificano, quindi, dopo lo strano caso delle ultime settimane?

Le due cose in realtà appaiono ancora separate: VirusTotal è di Google, ma ha specificato più volte che lavora in maniera indipendente, mentre il prossimo obiettivo è ottenere la grazia di Apple e cooperare per lo stesso fine su Mac OS X. VirusTotal ha già rilasciato il suo software di sicurezza sui sistemi della Mela ma, considerato il modus operandi in quel di Cupertino, non speriamo molto su un'eventuale collaborazione fra le due parti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
globi13 Febbraio 2015, 00:53 #1
Mai visto finora un caso di falso positivo, eccezion fatta per programmi crack, però anche in quei casi talvolta l`antivirus lo individuava e lo definiva per esempio e anche giustamente come un keygen.
zhelgadis13 Febbraio 2015, 08:09 #2
Vorrei lanciare una petizione perché l'inglese "company" venga tradotto con un più appropriato "azienda", o "società".
"Compagnia" è semplicemente Urrendo ...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^