Huawei Mate X rimandato a settembre. L'azienda vuole fare altri test per proporre un device ''perfetto''

Huawei Mate X rimandato a settembre. L'azienda vuole fare altri test per proporre un device ''perfetto''

Il primo dispositivo pieghevole di Huawei sembra essere stato "rimandato" a settembre per la sua vendita. Questo non per problemi di sorta sul device ma per proporre agli utenti un dispositivo praticamente perfetto. Ecco i dettagli.

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Telefonia
Huawei
 

I tempi per uno smartphone pieghevole forse non sono ancora veramente maturi. La vicenda della problematica del Samsung Galaxy Fold, il quale ricordiamolo doveva uscire sul mercato durante lo scorso mese di maggio ma è stato rimandato a data da definirsi dall'azienda per anomalie del display e della cornice, è stato probabilmente l'antitesi anche al rimando da parte di Huawei del proprio Mate X. Effettivamente un portavoce dell'azienda cinese ha confermato alla CNBC come il nuovo Huawei Mate X, il primo dispositivo con display flessibile e pieghevole dell'azienda, non arriverà sul mercato in questo mese di giugno come preventivato ma sarà rimandato almeno a settembre.

Huawei Mate X: cautela per il primo pieghevole

Nei mesi scorsi di questo 2019 "movimentato" abbiamo visto e toccato anche con mano il primo smartphone pieghevole 5G al mondo. Huawei lo aveva presentato durante il MWC 2019 a Barcellona e Mate X aveva subito fatto scalpore non solo per quella sua innata possibilità di piegare completamente il display divenendo dapprima uno smartphone e poi un tablet ma anche per la possibilità di avere il supporto al 5G ed un comparto fotografico di primissimo livello.

Tutto rimandato a settembre. La società per voce di un suo dipendente ha fatto sapere come il nuovo Mate X abbia forse bisogno di più cautela nell'approdare sul mercato. Huawei vuole renderlo perfetto per gli utenti che lo acquisteranno e dunque lo utilizzeranno tutti i giorni. Per questo il mese di giugno come mese di debutto dello smartphone sarebbe divenuto troppo tirato e dunque l'azienda cinese ha deciso di rimandare di qualche mese la sua uscita perfezionandolo al massimo. Un rimando che chiaramente non può che far pensare anche allo scivolone di Samsung con il suo Galaxy Fold fatto provare ad alcuni recensori esperti ma "rotto" dopo qualche giorno per alcuni difetti al display e soprattutto alla cornice che permetteva a residui di polvere di entrare proprio nel display rovinandolo.

In questo caso Huawei, a detta del suo portavoce, sarebbe a lavoro per implementare novità in seno alla sicurezza di resistenza del nuovo smartphone. Test effettuati soprattutto in merito alla cerniera posta al di sotto del pannello pieghevole che sappiamo essere il vero corpo del device. Non solo perché l'azienda vuole rendere perfetto anche l'utilizzo effettivo dello smartphone dettagliando al massimo le applicazioni da usare sia in modalità smartphone che poi in modalità tablet. Questo, a detta di Huawei, non dovrà creare problemi all'utente che dovrà aprire e chiudere il device con l'adattamento immediato delle applicazioni del duplice formato.

Le parole del portavoce non fanno che indicare come Huawei non voglia "lanciare un prodotto che possa in qualche modo minare la reputazione dell'azienda". Di fatto però il rimando alla problematica avvenuta in queste ultime settimane con gli USA e il ban del Presidente Trump sembra quasi palese. Huawei probabilmente sta cercando di capire come si svilupperà in futuro la questione con gli USA e soprattutto quale sistema operativo dovrà installare sul primo device con display pieghevole. Il suo arrivo a settembre potrebbe infatti permette a Huawei di installare il suo nuovo sistema operativo che in molti stanno confermando a discapito dell'attuale Android.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^