Batterie degli smartphone facilmente sostituibili: ecco la proposta (anacronistica) dell'UE

Batterie degli smartphone facilmente sostituibili: ecco la proposta (anacronistica) dell'UE

Stando a un documento trapelato la UE starebbe finalizzando una proposta per ridurre l'ammontare dei rifiuti prodotto dai dispositivi tecnologici

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Telefonia
 

Fino ad alcuni anni fa, sostituire una batteria esausta da uno smartphone era facile a alla portata di tutti. Non c'era la necessità di un supporto tecnico, e chiunque poteva accedere al vano batteria senza strumenti di alcun tipo sostituendo l'unità presente con una nuova. Si trattava anzi di una prassi consolidata, mentre oggi è sempre necessario (con pochissime eccezioni ) l'intervento di un tecnico preparato che richiede strumenti specifici invalidando - se presente - la garanzia sul prodotto. Secondo un'iniziativa trapelata online e proveniente dall'UE, però, dovremmo tornare alle batterie sostituibili con facilità.

A divulgare i piani europei è il sito olandese Het Financieele Dagblad (FD), il quale scrive che l'UE vuole forzare i produttori di smartphone e device elettronici a facilitare la sostituzione delle batterie da parte dell'utente finale. Alla base della nuova iniziativa c'è la sostenibilità ecologica, visto che la sostituzione facile della batteria consentirà alle persone di utilizzare il proprio smartphone per un periodo più lungo rispetto ad oggi, generando così un numero minore di rifiuti elettronici.

FD ha ottenuto un documento privato che rivela che Frans Timmermans, vicepresidente del "Green Deal" presso la Commissione Europea, presenterà il nuovo progetto il mese prossimo. L'UE sta attualmente rifinendo la proposta, la quale dovrebbe imporre un riciclaggio più attento dei prodotti, oltre alla possibilità di riutilizzare le materie prime con l'obiettivo di realizzare una produzione più sostenibile.

L'attenzione verso la sostebilità è uno degli aspetti cruciali delle politiche europee delle ultime settimane: non molto tempo fa parlavamo della votazione da parte dell'UE a favore dell'adozione dello standard USB Type-C su tutti i dispositivi per ridurre la generazione di rifiuti elettronici. Secondo la proposta, l'onere economico della riduzione dei rifiuti elettronici ricadrà sui produttori, i quali dovranno garantire che i loro dispositivi siano facili da riparare.

I produttori dovranno inoltre accertarsi che le parti di ricambio siano messe a disposizione degli utenti e dei servizi di riparazione. Timmerman ha inoltre proposto un divieto a livello europeo per la distruzione di articoli invenduti, obbligo che promuoverà il riutilizzo delle materie prime e ridurrà le esportazioni di rifiuti verso altri paesi.

Inoltre, nel tentativo di promuovere il riciclaggio di vecchi dispositivi elettronici, l'UE lavorerà su un sistema di raccolta europeo per vecchi telefoni cellulari, tablet e caricabatterie. Inoltre, la proposta rivela che l'UE vuole anche concentrarsi su una più ampia capacità di riciclaggio dei materiali di imballaggio limitando l'uso di microplastiche nei prodotti così come anche nelle scatole utilizzate e negli accessori previsti nelle dotazioni ufficiali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ragerino26 Febbraio 2020, 18:08 #1
Anacronistico?

Ed invece buttare nella spazzatura apparecchi perfettamente funzionanti solo perche un componente chiave è inutilizzabile, è il futuro?
Dumah Brazorf26 Febbraio 2020, 18:12 #2
Magari è anacronistico lo sportellino apribile da chiunque ma in ottica Right to Repair dovrebbero rendere obbligatorio per i produttori rendere disponibili i ricambi originali (batterie e schermi soprattutto ma anche i singoli chip) e le istruzioni/schemi circuitali per la sostituzione/riparazione.
macker126 Febbraio 2020, 18:12 #3
Magari
demon7726 Febbraio 2020, 18:16 #4
Sono pesantemente d'aaaccordo con la proposta!
Tedturb026 Febbraio 2020, 18:17 #5
alleluja.. mi dicevo che un governo (o un UE) non ci sarebbe mai arrivato o avrebbe sempre avuto lobby a frenare i politici.. E invece..
Che ci sia ancora speranza per l'umanita'?
Prossimo step: divieto di mettere copyright a informazioni pubbliche come mappe e punti di interesse.
Un monopolio abominevole che all'estero (vedi cina, corea e giappone) e' almeno "di stato".
386DX4026 Febbraio 2020, 18:29 #6
In linea teorica e' auspicabile e da tempo la tendenza opposta e' discutibile. Ma se alla fine con mille modelli/marche di telefoni, le stesse non si troveranno, o le si troveranno a prezzi alti o molto alti, ci sara' chi preferira' comunque cambiare direttamente telefono considerando la tendenza che e' piu' "appagante" come scelta cosi' come l'auto etc etc.. Ma imho le questioni da affrontare andrebbero ben al di la' della batteria.
Abalfor26 Febbraio 2020, 18:35 #7
per i sistema operativi ed il software nessuna direttiva? a cosa serve avere una batteria efficiente fintanto che possono continuare a ridurre le prestazioni e ad obbligare la sostituzione del dispositivo causa obsolescenza del software.
effieciente per modo di dire, visto che le batterie aftermarket, anche quelle che provengono dalla ricambistica ufficiale, hanno una capacità ridicola ed un degrado più veloce rispetto a quelle di primo equipaggiamento.
Opteranium26 Febbraio 2020, 18:51 #8
Originariamente inviato da: Abalfor
per i sistema operativi ed il software nessuna direttiva? a cosa serve avere una batteria efficiente fintanto che possono continuare a ridurre le prestazioni e ad obbligare la sostituzione del dispositivo causa obsolescenza del software.

questa è la seconda parte del problema ma intanto risolviamo la prima. Da 2014 praticamente sono spariti i modelli con batteria intercambiabile, con la scusa dell'impermeabilità e altre menate, il che è un disastro, specie per il mercato dell'usato. Se prima potevi prendere un modello vecchio anche di tre anni a prezzo di saldo e rivitalizzarlo con 10 euro di batteria nuova, adesso non puoi più farlo.
Originariamente inviato da: Abalfor
effieciente per modo di dire, visto che le batterie aftermarket, anche quelle che provengono dalla ricambistica ufficiale, hanno una capacità ridicola ed un degrado più veloce rispetto a quelle di primo equipaggiamento.

tua opinione, personalmente non ho trovato differenze e sono alla quinta batteria su tre telefoni diversi
andreasperelli26 Febbraio 2020, 20:50 #9
Non capisco perché sia definita "anacronistica" dal redattore, non si tratta ovviamente di tornare allo sportellino ma di garantire una sostituzione più semplice e magari una maggiore riparabilità, meglio per l'ambiente e meglio per le nostre tasche.
Flortex26 Febbraio 2020, 21:00 #10
Toh, una buona idea, sono commosso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^