Problemi per i produttori minori di CD-R

Problemi per i produttori minori di CD-R

Per via del drastico calo dei prezzi i produttori minori di dischi CD-R stanno cercando soluzioni alternative, da ricercarsi anche nella fusione con produttori maggiori

di pubblicata il , alle 14:32 nel canale Storage
 

Alcuni produttori taiwanesi minori di CD-R hanno deciso di sospendere la produzione o di cercare soluzioni di fusione con i maggiori produttori locali per via del calo dei prezzi a livelli considerati "intollerabili".

Per via dell'intensa competizione con la Cina, i prezzi dei dischi CD-R sono crollati fino a quota 0,12-0,14 dollari USA per i principali produttori, a 0,09-0,10 dollari per i second-tier e a 0,08 per alcuni produttori minori.

I produttori hanno fermato la produzione sulle linee produttive di CD-R per arrestare la perdita di liquidi. Uno dei produttori della cosidetta seconda linea, con una produzione mensile di 20-30 milioni di dischi, sta cercando accordi per essere acquistato da uno dei produttori principali, il quale, tuttavia, non pare interessato all'affare.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Aryan22 Giugno 2004, 14:38 #1
Originariamente inviato da Redazione di Hardware Upg
Link alla notizia: http://news.hwupgrade.it/12662.html

Per via del drastico calo dei prezzi i produttori minori di dischi CD-R stanno cercando soluzioni alternative, da ricercarsi anche nella fusione con produttori maggiori

Click sul link per visualizzare la notizia.

Che figli di p.....
Noi li paghiamo 1E e loro 10 cent di dollaro
pikkoz22 Giugno 2004, 14:38 #2
Cioe' la' crollano i prezzi e qua abbiamo prezzi via via sempre piu' alti per le tasse siae -.-' Non so' se ridere i piangere..
Imperatore Neo22 Giugno 2004, 14:46 #3
Eh già.... per difendere gli interessi di alcuni.. con una pratica vergognosa...

Qua cala la domanda ma i prezzi qui rimangono alti.
A taiwan il calo nostro con la concorrenza della Cina di certo non aiuta.. ma guarda te..
TyGerONE22 Giugno 2004, 15:14 #4

Mi fate ridere

Forse non avete letto bene l'articolo: il prezzo alla PRODUZIONE è 0.10 centesimi di dollaro. Ben diverso è il prezzo all'utente finale, che è notoriamente più elevato.
Ligos22 Giugno 2004, 15:28 #5

Re: Mi fate ridere

Originariamente inviato da TyGerONE
Forse non avete letto bene l'articolo: il prezzo alla PRODUZIONE è 0.10 centesimi di dollaro. Ben diverso è il prezzo all'utente finale, che è notoriamente più elevato.



senza contare che i cd di fascia bassa si trovano tranquillamente a 30 cent l'uno e non 1 €
atomo3722 Giugno 2004, 15:34 #6
incredibili certe dinamiche industriali!
zetec22 Giugno 2004, 15:41 #7
in effetti i cd di fascia bassa si trovano anke a 30cent ma dubito ke in quei 30cent siano comprese anke le varie gabelle italiane......qualcuno evade imho.....
dario amd22 Giugno 2004, 15:44 #8
i cd li pago 30 euro ogni 100 quindi sono 15 cent a cd
ora è da vedere se in america li vendono a 10 cent pure con la custodia
Genesio22 Giugno 2004, 15:52 #9
x dario amd:

La maestra a scuola mi ha insegnato che 30/100 fa 0,3 e non 0,15...
canislupus22 Giugno 2004, 15:53 #10
Va beh che la matematica è un opinione, ma 30/100 dovrebbe fare 0,30 centesimi a cd...
Cmq anche io ho dei dubbi su questi prezzi. In teoria la tassa siae dovrebbe essere di 25 centesimi o giù di lì e quindi i cd dovrebbero essere pagati 5/10 centesimi... A mio modesto parere ciò non è possibile... Infatti la tassa SIAE viene automaticamente inserita appena si emette fattura e/o scontrino e quindi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^