C'è una GPU da 18.432 CUDA cores nel futuro di NVIDIA?

C'è una GPU da 18.432 CUDA cores nel futuro di NVIDIA?

Le prime indiscrezioni sulle proposte Lovelace, nome della prossima generazione di GPU NVIDIA, parlano di un sensibile incremento nel numero di CUDA cores: +75% rispetto a GeForce RTX 3090

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Schede Video
NVIDIAGeForceRTXLovelace
 

Nei giorni scorsi, con questa notizia, abbiamo parlato per la prima volta di Lovelace: si tratta del nome in codice con il quale viene identificata quella che dovrebbe essere la futura generazione di architettura NVIDIA per GPU. Vi sono molte poche certezze rispetto a questa nuova architettura: l'unico dato sul quale si può convergere con una relativa certezza è legato all'utilizzo della tecnologia produttiva a 5 nanometri per la costruzione di queste GPU.

Proprio il passaggio ad un processo produttivo più sofisticato di quello adottato al momento per le soluzioni della famiglia Ampere (GeForce RTX 3000) permetterà di incrementare considerevolmente il quantitativo di unità di elaborazione all'interno di queste GPU e quindi ottenere superiori prestazioni complessive.

Le indiscrezioni che stanno emergendo in questi giorni sono da prendere con tutte le cautele del caso: siamo molto lontani dal debutto di queste GPU e i piani interni di NVIDIA, oltre che non essere stati comunicati ufficialmente, sono oggetto di possibili stravolgimenti in tempi anche rapidi. Detto questo, per la proposta Lovelace di fascia più alta indicata con il nome in codice di AD102 si parla di un numero di CUDA cores pari a ben 18.432.

A questo dato si arriverebbe partendo da una struttura con un numero di GPC, Graphics Processor Clusters, che aumenta dagli attuali 7 della GPU GA102 utilizzata nelle schede GeFroce RTX 3090 e GeForce RTX 3080 sino a 12. Questo implicherebbe quindi la presenza di ben 144 Streaming Multiprocessors, ciascuno dei quali integra 128 CUDA cores per un totale per l'appunto di 18.432 che rappresenta il massimo teorico raggiungibile con la GPU AD102.

Sulla carta un incremento di questo tipo nel numero di CUDA cores, e in modo parallelo delle altre unità di elaborazione interne alla GPU, permetterebbe di registrare un sensibile boost delle prestazioni complessive. Tutto questo, ovviamente, a condizione che queste siano le effettive specifiche della GPU Lovelace top di gamma e che altri componenti non diventino un collo di bottiglia per la GPU: pensiamo ad esempio alle innovazioni richieste al comparto della memoria video per tenere il passo di un chip così complesso e potente.

Ricordiamo in ogni caso come queste siano solo indiscrezioni preliminari, non dati ufficiali provenienti da NVIDIA o dai produttori partner. Al previsto debutto delle soluzioni Lovelace manca del resto ancora molto tempo, visto che le prime schede Ampere hanno debuttato sul mercato solo nel mese di settembre 2020.

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JoJo29 Dicembre 2020, 10:02 #1
18.432 è l'anno di rilascio, giusto?
Marko_00129 Dicembre 2020, 10:09 #2
@JoJo
più probabile i dollari, senza vat, per l'acquisto.
joe4th29 Dicembre 2020, 10:20 #3
Per il modico consumo di 525W?
joe4th29 Dicembre 2020, 10:22 #4
Originariamente inviato da: Marko_001
@JoJo
piu' probabile i dollari, senza vat, per l'acquisto.


Senza VAT e con piu' WATT... ;-)
tony7329 Dicembre 2020, 10:27 #5
Ottimo, ma prima dateci la 3080, grazie
coschizza29 Dicembre 2020, 10:27 #6
Originariamente inviato da: joe4th
Per il modico consumo di 525W?


Magari, vorrebbe dire che è più efficiente della serie 3000
OptimusAl29 Dicembre 2020, 10:29 #7
Devasdandeh!
kabuby7729 Dicembre 2020, 10:47 #8
Senza um miglioramento dei consumi diventa ingestibile e costosimmimo da produrre. Senza una cache interna stile AMD la ram diventa un collo di bottiglia
cdimauro29 Dicembre 2020, 10:55 #9
La cache serve a poco per il raytracing, che è il presente e il futuro.
maxsin7229 Dicembre 2020, 11:12 #10
Originariamente inviato da: cdimauro
La cache serve a poco per il raytracing, che è il presente e il futuro.


Il raytracing sarà il presente quando sarà possibile usarlo in 4k al massimo dettaglio almeno a 60 fps con le schede enthusiast, altrimenti 2000 euro per una 3090 che da queste prestazioni (notare che è abilitato pure il "magico" DLSS) sono buttati alle ortiche:
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^