Windows 10, fine supporto per la release originale dal prossimo Patch Tuesday

Windows 10, fine supporto per la release originale dal prossimo Patch Tuesday

La versione originale di Windows 10, la 1507, arriverà alla fine del ciclo di vita il prossimo 9 maggio. Ecco cosa significa e perché è assolutamente consigliato l'aggiornamento

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:01 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

La versione originale di Windows 10, nota con il numero identificativo 1507, arriverà alla fine del suo ciclo di vita a partire dal Patch Tuesday (il secondo martedì, quindi il 9) del mese di maggio. Questo significa che chi utilizza ancora la prima versione del sistema operativo, ad esempio aziende per questioni di compatibilità con il software utilizzato, sarà costretto ad aggiornare nei prossimi giorni se non vuole trovarsi con un sistema operativo da considerare obsoleto.

Windows 10

Quello che comporta il mancato aggiornamento è chiaro, come sottolinea anche Microsoft: i computer con Windows 10 v. 1507 continueranno a funzionare anche dopo il 9 maggio ma non riceveranno alcun tipo di aggiornamento, nemmeno i più importanti di sicurezza. È per questo che sarà caldamente consigliato aggiornare alle versioni più recenti e correntemente supportate, dal momento che il sistema potrebbe rimanere permanentemente vulnerabile ad attacchi esterni.

Dalla 1507, inoltre, Windows 10 ha ricevuto alcune modifiche nel kernel e nel driver model, caratteristica che potrebbe comportare diversi problemi con l'aggiornamento dei driver delle periferiche installate sul sistema. Con Windows 10 1507 è la prima volta che Microsoft impone la fatidica data della EOL (la fine del ciclo di vita) a soli due anni dal debutto commerciale, una tempistica ben inferiore rispetto a quella praticata storicamente dalla compagnia.

La novità è dovuta alla nuova strategia definita Windows as a service, con cui la società con sede a Redmond si impegna di mantenere aggiornato il sistema operativo regolarmente nel corso del tempo proprio come se fosse un servizio. Windows 10 naturalmente rimarrà aggiornato, a patto che sul sistema ci sia installata l'ultima versione, caratteristica che comunque impone la presenza di una connessione a banda larga o un minimo di lavoro di manutenzione.

Non c'è motivo infatti per mantenere Windows 10 1507 installato sul proprio PC, a parte quelle circostanze in cui non si ha accesso ad una connessione a banda larga. In questi casi è comunque possibile aggiornare attraverso chiavetta USB o DVD, con la - semplice - procedura che viene spiegata in maniera chiara dalla stessa Microsoft. In questa pagina, inoltre, vi abbiamo spiegato come aggiornare all'ultima versione di Windows 10, il Creators Update.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie08 Maggio 2017, 13:39 #1
anche perchè se lo hai su una macchina scollegata dalla rete, il problema della sicurezza è minore (ma non zero)
alexdal08 Maggio 2017, 13:43 #2
La mia azienda e' partita con la 1511 (ma penso che tutte le medio grandi partivano da quella) quindi entro sei mesi anche la 1511 dovrebbero aggiornarsi alle successive?
rockroll08 Maggio 2017, 21:03 #3
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/sistem...sday_68518.html

La versione originale di Windows 10, la 1507, arriverà alla fine del ciclo di vita il prossimo 9 maggio. Ecco cosa significa e perché è assolutamente consigliato l'aggiornamento

Click sul link per visualizzare la notizia.


Bel colpo: insomma, Win 10 1507 è già fuori supporto mentre il mio Win XP pro sp3 continua a ricevere Updates PosReady...
digmedia08 Maggio 2017, 21:33 #4
boh, resto convinto del fatto che la cosa più importante è
l'aggiornamento costante degli applicativi che si interfacciano al web (quindi browser e email client in primis)
e che i proclami catastrofici relativi al mancato aggiornamento dei sistemi operativi, siano un pò
buttati li, e magari frutto anche di una certa ignoranza (o, nel caso di una testata di settore, dalla necessità
di pararsi il xulo nei confronti della massa non senziente)
...è dai tempi di win98 (e di un modem 56k) che non sperimento il 'piacere' di un attacco diretto al sistema...
già xp opportunamente configurato, garantiva un buon livello di sicurezza, figuriamoci un win 10, magari a
valle di un firewall hardware settato ad hoc e di un browser con estensioni (tipo noscript o simili)

È per questo che sarà caldamente consigliato aggiornare alle versioni più recenti e correntemente supportate, dal momento che il sistema potrebbe rimanere permanentemente vulnerabile ad attacchi esterni.


mi sembrano i consigli che si leggono sulle riviste di informatica dedicate ai dummies...quelle che riportano in prima pagina
'trucca la tua adsl', 'come spiare la cia', o il 'manuale segreto di windows' (esistono davvero, e c'è di peggio).

Quindi, alla fine di questo pippone un dubbio amletico:
Quando, Hardware Upgrade, ritornerà a produrre contenuti dedicati ad un'utenza che ha la fortuna di possedere almeno 2 neuroni?????
Ginopilot09 Maggio 2017, 07:57 #5
10 e' nato male e prosegue peggio. A livello aziendale si conferma opportuno continuare ad evitarlo.
biometallo09 Maggio 2017, 09:51 #6
Originariamente inviato da: rockroll
Bel colpo: insomma, Win 10 1507 è già fuori supporto mentre il mio Win XP pro sp3 continua a ricevere Updates PosReady...


Dato che si parla della prima edizione di 10 il paragone sarebbe da fare con la prima edizione di XP il cui supporto è terminato nel 2005 dopo di che è stato necessario aggiornarsi all'ultimo service pack così come sarà necessario aggiornarsi all'ultima edizione di windows 10 per continuare a ricevere gli aggiornamenti....

Se ho capito bene, ora microsoft da circa due anni di supporto per ogni edizione di windows 10 e di fatto fin'ora ha dovuto curare le patch di sicurezza di 4 edizioni diverse, che sarebbero state perfino 5 se RS2 non fosse slittato nel 2017...
All'inizio si era detto che gli aggiornamenti obbligatori servissero a limitare la frammentazione di windows, però non avevo capito che tale frammentazione sarebbe aumentata proprio dal modello si sviluppo di windows 10 stesso....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^