Linux e il software a 32 bit su sistemi a 64 bit: la proposta di Fedora

Linux e il software a 32 bit su sistemi a 64 bit: la proposta di Fedora

Fedora propone di dismettere completamente il supporto alle CPU a 32 bit senza istruzioni i686, di fatto rendendo i pacchetti a 32 bit ideali per l'impiego in sistemi a 64 bit in modalità di compatibilità

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Sistemi Operativi
Linux
 

La gestione del software a 32 bit su sistemi a 64 bit è stata oggetto di discussioni e problemi sin dagli albori dei processori x86_64: non esiste un unico modo di affrontare l'esecuzione del software a 32 bit su un sistema a 64 bit e infatti sistemi operativi diversi l'hanno affrontata in modi diversi. La proposta di Fedora spariglia un po' le carte in tavola.

La distribuzione Linux infatti vorrebbe transitare a un modello in cui i pacchetti RPM compilati per l'architettura i686 facciano riferimento esplicitamente al software a 32 bit che vada a essere seeguito su sistemi x86_64, anziché sulle CPU i686 vere e proprie.

La differenza principale sta nel fatto che le "vere" CPU i686 non hanno il supporto alle istruzioni SSE2, ad esclusione di alcuni modelli di Pentium 4. Questo significa che è possibile ottimizzare la compilazione di tali pacchetti per CPU con istruzioni SSE2 nel modello di Fedora.

La distribuzione sta già progressivamente abbandonando il supporto alle CPU a 32 bit da diversi anni, scatenando non poche discussioni. Con Fedora 29 verrebbe completamente abbandonato il supporto alle CPU a 32 bit senza il supporto alle istruzioni SSE2.

Questo modello segue, in realtà, la naturale evoluzione tecnologica: da ormai circa 15 anni il mondo dele CPU si è spostato verso i 64 bit e sono sempre meno i processori a 32 bit in commercio e in uso attivo per i quali è necessario l'aggiornamento costante del sistema operativo. La proposta quindi andrebbe a penalizzare gli utenti di tali sistemi, ma avvantaggerebbe gli utenti dei sistemi a 64 bit che utilizzino le librerie multiarchitettura (necessarie, per citare un esempio noto, per eseguire Steam sui sistemi Linux).

Altre distribuzioni potrebbero seguire quest'esempio, nell'attesa che tutto il software sia completamente a 64 bit e non siano più necessarie librerie a 32 bit. macOS, ad esempio, si sta già muovendo in questa direzione e dal prossimo anno non sarà più possibile eseguire applicazioni a 32 bit.

Un bel grattacapo per alcuni utenti e sistemisti, ma forse un passo necessario per lasciarsi indietro un'eredità del passato tecnologico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tedturb029 Giugno 2018, 09:39 #1
Ancora una volta arriva RedHat e finisce il concerto. Che disgrazia per il mondo.
fano29 Giugno 2018, 09:52 #2
Forse vi sorprenderà, ma concordo con loro! In fondo CPU x86 che non supportano SSE2 sono di 15 - 20 anni fa (si parla dei tempi del Pentium IV!) e non ha più molto senso supportarli... SSE2 permette anche di "dismettere" l'orrenda FPU x87.

In Cosmos benché il kernel sia - al momento - solo 32 bit abbiano deciso di non supportare più CPU che non abbiano supporto ad SSE2, il codice per la FPU x87 l'ho cancellato personalmente con somma gioa
s-y29 Giugno 2018, 09:52 #3
da capire che seguito avrà la cosa
vero che rh non è un attore secondario, ma non vuol dire che decida per tutti

in realtà cmq una svecchiata ci può pure stare, femro restando che ci sono, e ci saranno, altre distro più 'permissive', non ho dubbi su questo

ps: come ce ne sono altre meno permissive, ad es la arch (di cui sono utilizzatore) che ha cassato i 32 bit completamente, da diversi mesi
fano29 Giugno 2018, 10:21 #4
Che poi non è che non supportano più applicazioni compilate a 32 bit, il fatto che SSE2 sia solo su processori AMD64 è solo "un caso", del resto io non credo che l'ISA x86 abbia alcuna logica
s-y29 Giugno 2018, 10:27 #5
beh il succo è cmq che o hai sotto il cofano una cpu sse2 o nada
cosa che, ripeto, ci può pure stare (ma dipenderà dai casi)

e ad ogni modo da vedere se la distro farà da apripista, è possibile ma non scontato
grigor9129 Giugno 2018, 12:02 #6
Non sarebbe più chiaro e semplice indicare questi pacchetti come i786, invece che fare questa distinzione fra i686 "reale" e "virtuale"?
maxy0429 Giugno 2018, 15:39 #7
redhat e' orientato ai server, e voglio vedere chi ha ancora server di 15 anni in produzione.
togliersi dalle scatole un po' di vecchiume non e' male.
per il resto, se hai necessita' di usare sw a 32 bit, a quel punto conviene usare un os completamente a 32 bit.
s-y30 Giugno 2018, 10:02 #8
ad ora cmq mi pare solo fedora ha questa intenzione. sulla capofamiglia da vedere se la strada sarà la stessa. che poi alla fine suppongo sia anche una questione di costi per il matenimento, che per un prodotto gratuito come fedora sono più difficili da sostenere.

es tornando alla arch di cui sopra, l'abbandono dei 32 bit è stato giustificato da motivi simili, troppo tempo richiesto a manutenere entrambe le famiglie
Caterpillar8601 Luglio 2018, 13:34 #9
Fedora è una distribuzione Linux che viene amministrata da organi democraticamente eletti da tutti coloro che collaborano alla distribuzione.
Redhat mette solamente forza lavoro, non forza in alcun modo le scelte tecnologiche.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^