Blue Origin potrebbe ''sfruttare'' il Congresso per il contratto del lander lunare

Blue Origin potrebbe ''sfruttare'' il Congresso per il contratto del lander lunare

L'assegnazione dell'appalto per il lander lunare a SpaceX non è piaciuta alla concorrenza. Per questo Jeff Bezos con Blue Origin avrebbe provare a sfruttare la strada del lobbismo per riuscire a ricevere parte dei finanziamenti.

di pubblicata il , alle 15:06 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceXNASABlue Origin
 

Continua la vicenda legata al contratto del lander lunare delle missioni Artemis dirette verso la Luna. Come sappiamo, la gara per l'appalto è stata vinta da SpaceX con una versione modificata di Starship, ma Dynetics e Blue Origin hanno fatto ricorso bloccando quindi l'assegnazione alla società di Elon Musk per permettere la risoluzione della controversia.

lander lunare

Il tutto nasce dal fatto che la NASA aveva inizialmente proposto di avere due progetti di società differenti per l'assegnazione. I tagli al budget dell'agenzia spaziale hanno però ridotto la possibilità a un'unica scelta, dove SpaceX è risultata la migliore dal punto di vista tecnico e soprattutto economico (cosa che ha una valenza importante quando si tratta di ottimizzazione del budget).

Blue Origin potrebbe richiedere l'aiuto del Congresso statunitense

Vista la quantità di soldi in gioco, 2,89 miliardi di dollari per due missioni (nel caso di SpaceX), ogni mezzo per riuscire a entrare in questo appalto governativo è stato valutato dai concorrenti. E questo potrebbe comprendere anche una forte pressione politica e attività di lobbying.

Come riportato in un articolo del Washington Post, Blue Origin (di proprietà di Jeff Bezos) potrebbe essere aiutata a ottenere una parte dei finanziamenti grazie alla senatrice democratica Maria Cantwell, che spingerà per avere altri 10 miliardi di dollari di budget per un secondo progetto per un lander lunare.

La società di Bezos aveva stimato in 6 miliardi di dollari la realizzazione del suo progetto. Si tratta di circa il doppio rispetto a quanto proposto da SpaceX. Blue Origin ha dichiarato in un comunicato legato alle novità del progetto che "siamo lieti che il Comitato per il Commercio del Senato abbia riconosciuto l'importanza della concorrenza nel programma Human Landing System della NASA. La continua concorrenza salvaguarderà la base industriale spaziale americana e riporterà l'America sulla Luna il più rapidamente possibile".

Certo, siamo solo all'inizio. Non è assolutamente certo che l'idea portata avanti dalla senatrice abbia successo. Bisognerà passare attraverso tutto l'iter legislativo e soprattutto trovare i nuovi fondi da stanziare per garantire l'arrivo di un secondo progetto.

blue origin

Due progetti sono meglio di uno?

L'idea di avere (almeno) due progetti concorrenti che possano svolgere funzioni simili non è sicuramente una scelta sbagliata. Questo perché se uno dei due dovesse avere un problema grave e non risolvibile nell'immediato potrebbe mettere a rischio le missioni.

Qualcosa di simile si può osservare nelle navicelle con equipaggio per la ISS. Attualmente ci sono due programmi concorrenti con SpaceX Crew Dragon e Boeing CST-100 Starliner (quest'ultima però deve superare ancora il test di validazione senza equipaggio).

Se si pensa al passato invece, la sospensione del programma dello Space Shuttle, che non aveva rimpiazzi nell'immediato, ha costretto la NASA ad affidarsi alla Russia per inviare astronauti nello Spazio. Una condizione che gli Stati Uniti non vogliono più far accadere.

Certo, non basta avere due progetti, ma bisognerà vedere l'operatività di entrambi. Sappiamo che Starship sta procedendo con i test, mentre c'è più riserbo su quello che sta succedendo negli hangar di Blue Origin. Cosa succederà nei prossimi anni è ancora tutto da scoprire e molto dipenderà dalle mosse politiche delle società coinvolte.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
io78bis13 Maggio 2021, 16:28 #1
Sicuramente l'approccio dei 2 progetti è da preferire ma trovo stupido bloccare un progetto che sta dimostrando progressi (Starship) solo perché gli altri possibili candidati non stanno raggiungendo risultati.

Voglio sperare che il finanziamento sia evaso per step di avanzamento e non con un unico accredito
robweb213 Maggio 2021, 18:07 #2
Blue origin non ha ancora fatto un vero lancio in orbita con il loro razzo dildo e pensa al Lander lunare.
Ma per favore.
marcram13 Maggio 2021, 18:25 #3
Certo che passare da un budget statale tagliato (presumo per attuale crisi), alla triplicazione dello stesso, perché un privato batte i piedi... mi darebbe un po' da pensare...
sidewinder14 Maggio 2021, 15:30 #4
Semplice: gli USA ormai sono una corporate federal republic...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^