Picasa anche per sistemi Linux

Picasa anche per sistemi Linux

Disponibile un pacchetto autoinstallante di Picasa per sistemi Linux che utilizza alcuni elementi di Wine

di pubblicata il , alle 12:40 nel canale Programmi
 

Google ha ufficialmente rilasciato una versione di Picasa da utilizzare su sistemi Linux. Lo sviluppo è ancora nelle prime fasi e quella attualmente disponibile è solo una release alfa.

Picasa è un tool particolarmente apprezzato che permette la rapida indicizzazione e gestione di archivi fotografici; sono disponibili utili tool per la ricerca e la visualizzazione, oltre a semplici strumenti per l'editing. La software house che iniziò lo sviluppo di Picasa venne acquisita negli anni scorsi da Google e da allora il software è distribuito con licenza freeware.

La versione per Linux di Picasa viene proposta in pacchetti autoinstallanti per le principali distribuzioni linux. Purtroppo non si tratta di una versione nativa per Linux, infatti i pacchetti preparati da Google installano elementi di Wine preconfigurati.

Ricordiamo che Wine permette l'esecuzione di applicazioni per Windows su un sistema operativo Linux e necessita di un'opportuna configurazione. Spesso vengono rilasciati software che prevedono la preconfigurazione di Wine al momento dell'installazione di un particolare pacchetto; questa soluzione scelta da Google non richiede particolare sforzo all'utente che di fatto dovrà eseguire una comune procedura di installazione.

Il rilascio annunciato da Google non ha accontentato tutta la comunity Linux. Da più parti si fa notare che Picasa risulta meno veloce di molti altri pacchetti nativi per Linux e soprattutto che l'installazione attraverso Wine non è una grande novità. Già da tempo in rete si parla di Picasa e Google Earth installato con Wine, ma in tali circostanze l'utente deve provvedere alla configurazione in modo autonomo.

La release annunciata da Google è attualmente in fase Beta, c'è quindi da sperare che le versioni più mature risolvano in parte i difetti segnalati ad oggi.

Fonte: ArsTechnica.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cimmo29 Maggio 2006, 12:57 #1
Si infatti questa non e' affatto una versione nativa. C'e' da dire che Google ha rilasciato 200 patch per fare funzionare picasa sotto wine, quindi in un certo senso e' stata utile
TNR Staff29 Maggio 2006, 12:58 #2
Non si capisce,è na alpha o na beta?
Cimmo29 Maggio 2006, 13:04 #3
ok e' vero, prima si dice alpha poi beta
PeK29 Maggio 2006, 13:52 #4
on scaricatelo, non installatelo, non usatelo.

è picasa per windows con wine dentro. non è un port, non è un programma per linux.

se hai bisogno di un programma simile, c'è http://www.digikam.org/ o http://f-spot.org/Main_Page
darkgenio7629 Maggio 2006, 14:00 #5

a Pek

trovo il tuo commento leggermente categorico, almeno lasciare la libertà di scelta... poi magari qualcuno la pensa diversamente da te
senza intenti polemici ovviamente
:-)
NoX8329 Maggio 2006, 14:55 #6
La versione alpha è quella attualmente disponibile, la versione beta è quella sulla quale stanno lavorando! Alzati tardi stamane eh?
Motosauro29 Maggio 2006, 15:02 #7
Originariamente inviato da: darkgenio76
trovo il tuo commento leggermente categorico, almeno lasciare la libertà di scelta... poi magari qualcuno la pensa diversamente da te
senza intenti polemici ovviamente
:-)


*

(per inciso neanche io lo installerò: dei porting da winzozz faccio volentieri a meno, scelta mia cmq )
PeK29 Maggio 2006, 15:12 #8
Originariamente inviato da: darkgenio76
trovo il tuo commento leggermente categorico, almeno lasciare la libertà di scelta... poi magari qualcuno la pensa diversamente da te
senza intenti polemici ovviamente
:-)


sono un fondamentailsta io
Cimmo29 Maggio 2006, 15:35 #9

x Pek:

sono i fondamentalisti come te che tengono lontani gli utenti da linux
LucaTortuga29 Maggio 2006, 17:43 #10
Non è vero, se non fosse per i fondamentalisti linux non eisterebbe neppure.
Viva i fondamentalinux!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^