Carenza di fornitura delle batterie in risoluzione nel Q3

Carenza di fornitura delle batterie in risoluzione nel Q3

I problemi di approvvigionamento delle batterie per notebook dovrebbero risolversi nel corso del terzo trimestre dell'anno

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 13:48 nel canale Portatili
 

Nel corso del mese di marzo uno stabilimento produttivo di LG, specializzato nella realizzazione di batterie al lito, è andato distrutto a causa di un incendio. Questo spiacevole evento ha causato un problema di approvvigionamento di batterie per sistemi notebook che ha colpito trasversalmente tutto il settore.

Tutti i produttori di portatili acquistano infatti tali componenti da un ridotto numero di aziende: un problema con un fornitore ha pertanto ricadute importanti su tutto il mercato. Asustek ha recentemente avuto modo di sottolineare come il problema sia arrivato anche a toccare le proprie attività produttive, affermando che la carenze delle forniture avrebbe interessato il 40% circa delle consegne del secondo trimestre dell'anno.

Secondo alcune dichiarazioni rilasciate da Simplo, importante produttore di batterie, solo nel terzo trimestre del corrente anno la situazione è destinata a tornare alla normalità. Questa notizia dovrebbe confortare i principali produttori poiché il Q3 coincide alcuni delicati e fondamentali avvenimenti per il mercato: il ritorno a scuola e una serie vari periodi di vacanze e festività.

Nonostante anche il CEO di Acer, JT Wang, vada affermando come un episodio del genere abbia ricadute trasversali su tutto il settore, a soffrire maggiormente di questa situazione, in realtà, saranno i produttori minori poiché chi acquista in volumi potrà far valere un maggior potere contrattuale godendo così di una sorta di "diritto di precedenza"

A fronte della sempre più crescente esigenza di forme di energia "trasportabile", i problemi legati alle batterie agli ioni di litio dovrebbero suggerire un maggior investimento nella ricerca di soluzioni alternative. Hardware Upgrade ha avuto modo più volte di fare luce, a mezzo focus, su molte nuove tencnologie per la realizzazione di batterie, di seguito ve ne proponiamo alcuni:


Alimentazione a idrogeno e zucchero, una realtà fra qualche anno?
“Tre istituti statunitensi stanno collaborando allo sviluppo di un sistema che consenta la produzione di idrogeno impiegando zuccheri come reagenti principali"

Nuovi anodi per le batterie al litio
“Un gruppo di ricercatori mette a punto un anodo di nuova concezione che consente di rendere più sicure e durevoli le batterie agli ioni di litio”

In arrivo le batterie "stampabili"?
“Grazie ai nanotubi di carbonio è possibile realizzare batterie sottilissime che possono essere letteralmente stampate su qualunque superficie”

30 anni di autonomia per le batterie? Forse no...
“Circola per la rete una notizia sensazionale: nei prossimi anni batterie per notebook con incredibile autonomia operativa. Ma tutto non è come sembra...”

Batterie a condensatore, un futuro possibile?
“Un'azienda texana afferma di poter realizzare un supercondensatore in grado di fungere da batteria. Ma nell'ambiente serpeggia una buona dose di scetticismo”

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Willy_Pinguino07 Maggio 2008, 00:22 #1
E come per le ram a suo tempo, avremo un ritocco dei prezzi sufficente a giustificare quel tanto agognato (solo dai distributori) aumento generale sul mercato dei portatili...

vi ricordate a cosa mi riferisco vero?
l'incendio della fabbrica che produceva i package dei ram-chip che a fine secolo scorso aveva riportato da solo i prezzi delle ram alle quotazioni di 3 anni prima... la fabbrica rientrò a pieno regime in 6 mesi, i prezzi delle ram per tornare allo stesso livello del pre incendio ci misero 2 anni... mi ricorda tanto il rapporto benzina-petrolio...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^